20 Minuten
TURGOVIA
05.01.19 - 08:100
Aggiornamento : 10:57

La vita svizzera del jihadista condannato a morte

Nuovi dettagli sul 24enne che è stato arrestato nel 2017 e che ora attende l'esecuzione in una cella in Iraq. La sorella: «Non lo sento da molto tempo»

FRAUENFELD - È il primo jihadista proveniente dalla Svizzera condannato a morte. Conosciuto con il nome di battaglia "Abu Aisha" verrà impiccato a gennaio in Iraq. 

Da ricerche effettuate da 20 Minuten, la sua radicalizzazione è passata quasi inosservata nel nostro Paese. Ma chi è realmente? Qual è la sua storia? T.* è nato in Svizzera nel 1994 da genitori di origine turca. La famiglia - il 24enne ha tre fratelli più grandi - abitava in un condominio nel distretto del Sarganserland (SG). Una vita tranquilla e poco appariscente. Nessuno si è mai lamentato di loro, né nel comune, né a scuola. 

Quando T. aveva 12 anni la famiglia si sposta ad Arbon nel Canton Turgovia. Ed è qui che nascono i problemi. Dopo due anni i genitori con i tre figli traslocano in un appartamento in una palazzina con una brutta fama. Una vicina che ha conosciuto la famiglia parla di «casa problematica». In quella palazzina, infatti, risiedevano molti casi al limite. La polizia la «visitava regolarmente». Ma in nessuno di questi casi l'obiettivo era il futuro jihadista.

Un vicino lo ricorda come una «persona amichevole e molto riservata». Secondo il Tages Anzeiger il giovane avrebbe frequentato spesso una moschea di Rorschach che nel frattempo è stata chiusa a causa del radicalismo dei suoi predicatori. A portarlo lì per la prima volta è stato il suo amico Alperen A., un jihadista conosciuto.

Prima tappa di T. , dopo l'uscita dalla Confederazione nel 2014, è stata la Turchia. Poi il 24enne ha raggiunto la Siria (per l'addestramento militare) e infine una fabbrica di ordigni a Tall Afar, 63 chilometri a ovest di Mosul, dove ha imparato i rudimenti dell'artificieria. 

Il suo arresto è avvenuto nel 2017 durante le operazioni di riconquista da parte dell'esercito iracheno. Il 24enne, apparentemente, non ha avuto contatti recenti con la sua famiglia: «Non lo sento da molto tempo», ha confermato una sorella a 20 Minuten. Nel frattempo i genitori sono tornati a vivere in Turchia.

* nome noto alla redazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
56 min
Assalto al portavalori, malviventi in fuga senza bottino
La polizia solettese ha avviato un'importante operazione di ricerca.
BERNA
1 ora
A Berna i ristoranti dovranno chiudere prima
Il cantone ha deciso un ulteriore inasprimento delle misure di protezione contro il coronavirus.
SVIZZERA
3 ore
Sempre meno svizzeri disposti a vaccinarsi
Un sondaggio dell'Ufsp rivela che la percentuale dei favorevoli è crollata dal 60% di marzo al 49% di ottobre.
BERNA 
4 ore
«Evitiamo di annullare tutti i progressi fatti finora»
L'UFSP è consapevole che la gente si sta stancando delle misure restrittive e invita a tenere duro
SVIZZERA
4 ore
Blick bacchettato per violazione della privacy
Il quotidiano ha pubblicato dati privati di una donna, rendendola facilmente identificabile.
SVIZZERA
6 ore
Altri 4'312 casi, 209 ricoveri e 141 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 27'266 test, con un tasso di positività del 15,8%.
SVIZZERA
7 ore
Tutti in montagna per sfuggire al virus, è boom di interventi del soccorso alpino
Lo confermano i dati del Club Alpino Svizzero che ha pubblicato i dati dei primi nove mesi del 2021
SVIZZERA
8 ore
Verde metallizzato, ecco la nuova vignetta autostradale
Costerà come sempre 40 franchi e sarà valida dal primo dicembre al 31 gennaio 2022.
SVIZZERA
8 ore
Un occupato su quattro in Svizzera lavora per una multinazionale
Fra il 2014 e il 2019 il numero di posti di lavoro nelle imprese a controllo cinese è più che settuplicato
SVIZZERA
9 ore
L’esperto: «Feste a Capodanno per mantenere le persone felici»
C’è chi esorta a revocare il coprifuoco in occasione dell’ultimo dell’anno. «Le restrizioni sono un pericolo sociale»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile