20 Minuten
TURGOVIA
05.01.19 - 08:100
Aggiornamento : 10:57

La vita svizzera del jihadista condannato a morte

Nuovi dettagli sul 24enne che è stato arrestato nel 2017 e che ora attende l'esecuzione in una cella in Iraq. La sorella: «Non lo sento da molto tempo»

FRAUENFELD - È il primo jihadista proveniente dalla Svizzera condannato a morte. Conosciuto con il nome di battaglia "Abu Aisha" verrà impiccato a gennaio in Iraq. 

Da ricerche effettuate da 20 Minuten, la sua radicalizzazione è passata quasi inosservata nel nostro Paese. Ma chi è realmente? Qual è la sua storia? T.* è nato in Svizzera nel 1994 da genitori di origine turca. La famiglia - il 24enne ha tre fratelli più grandi - abitava in un condominio nel distretto del Sarganserland (SG). Una vita tranquilla e poco appariscente. Nessuno si è mai lamentato di loro, né nel comune, né a scuola. 

Quando T. aveva 12 anni la famiglia si sposta ad Arbon nel Canton Turgovia. Ed è qui che nascono i problemi. Dopo due anni i genitori con i tre figli traslocano in un appartamento in una palazzina con una brutta fama. Una vicina che ha conosciuto la famiglia parla di «casa problematica». In quella palazzina, infatti, risiedevano molti casi al limite. La polizia la «visitava regolarmente». Ma in nessuno di questi casi l'obiettivo era il futuro jihadista.

Un vicino lo ricorda come una «persona amichevole e molto riservata». Secondo il Tages Anzeiger il giovane avrebbe frequentato spesso una moschea di Rorschach che nel frattempo è stata chiusa a causa del radicalismo dei suoi predicatori. A portarlo lì per la prima volta è stato il suo amico Alperen A., un jihadista conosciuto.

Prima tappa di T. , dopo l'uscita dalla Confederazione nel 2014, è stata la Turchia. Poi il 24enne ha raggiunto la Siria (per l'addestramento militare) e infine una fabbrica di ordigni a Tall Afar, 63 chilometri a ovest di Mosul, dove ha imparato i rudimenti dell'artificieria. 

Il suo arresto è avvenuto nel 2017 durante le operazioni di riconquista da parte dell'esercito iracheno. Il 24enne, apparentemente, non ha avuto contatti recenti con la sua famiglia: «Non lo sento da molto tempo», ha confermato una sorella a 20 Minuten. Nel frattempo i genitori sono tornati a vivere in Turchia.

* nome noto alla redazione.

9 mesi fa C'è un jihadista "turgoviese" in carcere in Iraq che aspetta la pena di morte
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GERMANIA/SVIZZERA
5 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

ELEZIONI FEDERALI 2019
6 ore

«Bisogna firmare l'accordo quadro con l'Unione europea»

Così Jürg Grossen, presidente nazionale dei Verdi liberali. All'imminente appuntamento elettorale, il partito potrebbe crescere

SAN GALLO / TURGOVIA
10 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
10 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
11 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
12 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
12 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
14 ore

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
16 ore

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

SVIZZERA
16 ore

Le banconote svizzere non piacciono ai falsari

Il 2018 si è rivelato un anno record, con sole 1200 banconote false rilevate in totale, dal valore nominale di 208'140 franchi. Nel 2001 il valore si attestava a oltre 65 milioni di franchi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile