Keystone
ZURIGO
20.09.18 - 09:000

Swiss, un volo su quattro decolla in ritardo

Durante la stagione estiva, i viaggiatori hanno preso d’assalto lo scalo zurighese. Molti i voli che per questo non sono partiti in orario. La compagnia aerea punta il dito contro la politica

ZURIGO - Il forte incremento dei passeggeri all’aeroporto di Zurigo ha messo sotto pressione le compagnie aeree, anche Swiss. Durante la stagione estiva ogni quarto volo della compagnia nelle mani di Lufthansa è decollato con un ritardo di almeno sedici minuti. Ne dà notizia la Aargauer Zeitung, sulla base di un articolo pubblicato dall’ultimo numero del periodico Aeropolitics di Swiss.

La compagnia aerea punta il dito soprattutto contro la politica. «L’estate 2018 ha messo in evidenza le carenze delle politica delle infrastrutture» scrive Swiss. E l’attività allo scalo zurighese sarebbe fortemente sottoposta «alle forze politiche». Non mancherebbero infatti le opposizioni a un aumento della capacità e a una maggiore flessibilità operativa. E l’introduzione di una nuova regolamentazione sarebbe bloccata.

Secondo Swiss è necessario un intervento rapido: con l’attuale aumento della domanda di viaggi in aereo, nella situazione attuale non è quasi più possibile garantire un esercizio affidabile. In futuro si prevede un incremento del 3% annuo dell’attività. Swiss chiede quindi decisione coraggiose.

E la compagnia aerea affida l’appello al periodico che quattro volte all’anno giunge nelle case di circa duemila esponenti della politica e dell’economia. Tra questi c’è anche la consigliera nazionale Priska Seiler Graf (PS), impegnata nella lotta contro l’inquinamento fonico causato dal traffico aereo.«Leggo sempre con molto interesse le informazioni di Swiss. Ma non credo che i politici si lascino influenzare».

Anche alla consigliera nazionale i ritardi dei voli non fanno piacere, in quanto in determinate occasioni i decolli posticipati causano disturbi della quiete notturna. Ma secondo Seiler Graf, Swiss dovrebbe cercare l’origine del problema nella propria attività: «Spesso l’imbarco è lungo, anche a causa delle regole sul bagaglio a mano». E parla pure di ritardi dovuti a scioperi all’estero, contro i quali la politica elvetica non può fare nulla. «In Germania dovrebbe intervenire Lufthansa, perché i piloti non abbiano più un motivo per scioperare».

Per Swiss la questione è però chiara: i ritardi sono dovuti ai molti scioperi, alla mancanza di personale nella sicurezza aerea europea, al forte aumento del traffico aereo e al maltempo. Tutti aspetti che avrebbero portato a una riduzione della capacità operativa dell’aeroporto di Zurigo.

E in tutto questo, ci hanno perso i passeggeri, che - spiega Swiss - «nel migliore dei casi sono stati riprenotati su altri voli o sono stati sistemati in albergo a causa della coincidenza persa». Provvedimenti, questi, che pesano sulle finanze della compagnia. Rispetto all’anno precedente, le spese per l’assistenza ai passeggeri è infatti raddoppiata. E a queste si aggiungono le richieste di rimborso.

Per il traffico aereo è stata un’estate da record. Lo scorso mese di luglio, dallo scalo zurighese sono passati oltre tre milioni di passeggeri. I giorni in cui sono stati registrati oltre centomila passeggeri sono raddoppiati. Una situazione che ha portato risultati da record anche a Swiss, che durante il mese di luglio ha registrato un tasso d’occupazione medio dell’89,5%.

Commenti
 
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Ma il Quadri che fa?... Solo reclama quando i treni arrivano in ritardo dall'Itaglia?...
Lourmarin 1 anno fa su tio
NO ! È solo una percezione??... in Ticino i treni sono sistematicamente in ritardo ma per Consiglio federale e FFS è solo una percezione. Quindi pure il ritardo dei voli lo è? E a proposito dei ritardi dei treni che ne pensano i nostri politici? Silenti? Pure Pini? O Ferrara? E Quadri? Dopo aver denunciato la cosa come intende reagire concretamente oltre a parole sul suo foglio?
marcopolo13 1 anno fa su tio
Solo 1 su 4? Mi sa che hanno preso gli stessi dati dalle FFS. Sfortuna vuole che io sia SEMPRE sul treno o l'aereo in ritardo. Dovrei giocare all'euro millions.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina
Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali
VAUD
8 ore
In Romandia arriva il “tutor” e il web s’infiamma
La polizia ha annunciato la messa in servizio di un radar che controlla la velocità su una porzione della semi-autostrada tra Orbe e Vallorbe (VD)
SVIZZERA
12 ore
Se fai il macchinista ti diamo 10mila franchi in più
Per far fronte alla carenza di macchinisti, le FFS hanno lanciato una campagna di promozione. Che prevede ad esempio un ritocco verso l'alto della busta paga durante la formazione
FOTO E VIDEO
GINEVRA
13 ore
Attivisti per l'ambiente bloccano il terminal dei jet privati
«Vogliamo denunciare questo mezzo di trasporto assurdo», urlano a gran voce. «Un aereo privato emette CO2 per passeggero venti volte superiori a quelle di un normale aereo di linea»
SVIZZERA
15 ore
Presidenza del Nazionale, nel 2022 toccherà ai Verdi
È quanto hanno deciso ieri i capigruppo in Parlamento dei differenti partiti. Saranno i popolari-democratici a saltare il turno
ARGOVIA
16 ore
Tredici ladri arrestati, uno è scomparso nel Reno
Circa 130 agenti hanno collaborato al fermo di alcuni presunti scassinatori. A Frick gli occupanti di un'auto sono fuggiti tuffandosi nel Reno. Di uno di loro si sono perse le tracce
SVIZZERA
18 ore
Deceduto l'ex ambasciatore Benedict de Tscharner
Nato nel 1937, ha svolto una lunga carriera diplomatica che lo ha portato a Vienna e Bruxelles e infine a Parigi, dove ha rappresentato la Svizzera dal 1997 al 2002
SAN GALLO
1 gior
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
1 gior
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
1 gior
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile