Archivio Keystone
GRIGIONI
15.04.18 - 16:500

L'orso "cappuccino" sarà il primo abitante del parco di Arosa

L'orso maschio di 11 anni, pesante attualmente 350 chili, è un insolito incrocio tra un orso bruno europeo e un orso bianco

AROSA - Quello che sarà il primo inquilino del nuovo parco degli orsi di Arosa è ora noto: si tratta dell'«ultimo orso di circo della Serbia», scrivono in comunicati odierni Arosa Turismo e l'organizzazione animalista "Vier Pfoten" (Quattro zampe), confermando informazioni della "SonntagsZeitung" e del "SonntagsBlick". E sarà un insolito "cappuccino", frutto di una rara unione tra un orso bruno europeo e un orso bianco polare.

Fino al suo "salvataggio" nell'autunno 2016 il plantigrado era stato prigioniero, verosimilmente per anni, in una angusta gabbia metallica arrugginita e sporca, senza protezione da sole e pioggia, così detenuto dall'ormai chiuso circo serbo Corona nella città di Srobran. In Serbia un divieto di detenzione di animali selvatici da parte dei circhi vige già dal 2009.

A luglio l'animale dovrebbe essere insediato nel "Bärenland Arosa", un nuovo grande parco sulle pendici orientali del Weisshorn, sopra la località grigionese, poco distante dalla fermata intermedia della funivia.

L'orso maschio di 11 anni, pesante attualmente 350 chili, è un insolito incrocio tra un orso bruno europeo e un orso bianco. «In natura orsi bruni e bianchi si accoppiano raramente, perché vivono in aree del tutto diverse, ma in cattività ciò è possibile, come per gli accoppiamenti tra leoni e tigri», ha spiegato alla "SonntagsZeitung" Kristijan Ovari, biologo dello zoo serbo di Palic, dove l'orso vive attualmente e dove è stato chiamato Silva. Nei Grigioni riceverà un nuovo nome ufficiale.

L'orso era stato confiscato nel novembre 2016 dalle autorità serbe in collaborazione con l'organizzazione animalista internazionale Vier Pfoten. Al momento del salvataggio si trovava con altri due plantigradi, orsi bruni che attualmente vivono nel "Bärenwald Müritz", una riserva per orsi di 16 ettari presso il lago omonimo situato nel Nordest della Germania, patrocinata da Vier Pfoten.

Il "Bärenland" di Arosa, che si estenderà su una superficie di 2,8 ettari, accoglierà secondo quanto annunciato cinque orsi bruni attualmente detenuti in cattive condizioni soprattutto nell'Europa sudorientale. Del loro trasferimento si occuperà Vier Pfoten. Per i visitatori del parco, il cui costo è stato indicato in circa 6,5 milioni di franchi di cui 1,2 versati dal governo grigionese, saranno realizzati una piattaforma di osservazione, un percorso con informazioni sugli orsi e altri allestimenti.
 
 

TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
«Questo virus non scomparirà più dalla nostra vita»
Gli esperti hanno evidenziato strategie e obiettivi della tracciabilità del virus. Obiettivo: Scoprire ogni singolo caso
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso in Svizzera
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
5 ore
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
6 ore
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
6 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
7 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
8 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
9 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
9 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
10 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile