fotolia
SVIZZERA
08.04.18 - 15:510

Cresce l'ostilità antimusulmana

Il Rapporto 2017 redatto dalla Commissione federale contro il razzismo mostra come gli episodi di discriminazione in Svizzera siano quanto mai diffusi

BERNA - In Svizzera l'anno scorso si sono registrati 301 casi accertati dalla Rete di consulenza per le vittime del razzismo, contro i 199 del 2016. Oltre un terzo riguardano forme di xenofobia in generale. Seguono gli episodi di discriminazione nei confronti dei neri e quelli di ostilità antimusulmana.

È quanto emerge dal Rapporto 2017 redatto dalla Commissione federale contro il razzismo. La pubblicazione era prevista per domani ma diversi domenicali ne hanno anticipato oggi il contenuto.

Le maggiori forme di intolleranza sono state la xenofobia (112 casi segnalati, il 37% del totale), seppure sia in calo di 10 punti percentuali rispetto all'anno precedente, così come il razzismo nei confronti dei neri (95; 32%; -3 punti). In aumento invece l'ostilità antimusulmana (54; 18%; +2 punti).

Come già negli scorsi anni, anche nel 2017 le persone di origine africana sono state quelle più prese di mira (98), si legge nel rapporto. In seconda posizione vi sono gli individui di origine europea (88), tra cui quelli provenienti da Paesi dell'Unione europea, dai Balcani e dalla Turchia. Tra di loro figurano però anche numerosi cittadini svizzeri (60) percepiti come stranieri e discriminati a causa del loro aspetto. Vi è stato poi un aumento di cittadini eritrei vittime di discriminazioni razziali che si sono rivolti a un consultorio (24).

Di norma, i consultori della Rete di consulenza vengono interpellati più spesso da persone in possesso di un passaporto svizzero o con uno status di soggiorno consolidato rispetto a richiedenti asilo, ammessi provvisoriamente o sans-papiers.

Gli ambiti in cui è avvenuto il maggior numero di discriminazioni sono il posto di lavoro (43; 14%), seppur in diminuzione di 3 punti percentuali rispetto al 2016, e la scuola o una struttura di custodia collettiva diurna (42; 14%), in aumento di 3 punti percentuali. Molti episodi si sono registrati però anche negli spazi pubblici (38; 13%), in calo di 4 punti, nell'amministrazione statale (23; 7%), in discesa di 1 punto, e nella polizia (25; 8%; -2).

La maggior forma di esclusione censita è stata la disparità di trattamento (107; 36%), in crescita di 7 punti percentuali, seguita dalle umiliazioni (62; 21%), in rialzo di 1 punto. Molte vittime hanno subito ingiurie (93; 31%), in calo di 12 punti, o calunnie e denunce mendaci (38; 13%), in salita di 3 punti. Per quanto riguarda la violenza, gli attacchi all'integrità fisica la fanno ancora da padroni con 19 casi (6%), ma sono in calo (-2 punti) rispetto al 2016.

Nella maggioranza delle situazioni (192) sono state le stesse vittime a rivolgersi a uno dei 27 consultori attivi a livello nazionale, tra cui il Centro Ascolto Razzismo e Discriminazione (Cardis) di Viganello, soprattutto per telefono (159). I servizi forniti sono stati perlopiù consulenza psicosociale (138), informazione (127) e consulenza legale (121).

Le vittime di discriminazione razziale che si sono rivolte a uno dei consultori della Rete nel 2017 appartenevano soprattutto alla fascia di età dai 26 a 65 anni, mentre non si è registrata una gran differenza tra il numero di uomini (126) e donne (119).

Il rapporto rende comunque attenti che il maggior numero di casi non significa necessariamente che il razzismo sia cresciuto in uguale misura nella società. Tra i possibili motivi all'origine di questa evoluzione vi sono una maggiore sensibilizzazione delle vittime o un migliore accesso ai consultori. Bisogna tuttavia considerare che visto il numero elevato di "casi sommersi" si può presumere che la maggior parte degli episodi non venga segnalata. Tale rapporto non ha quindi "alcuna pretesa di esaustività".

TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
5 ore
La 31enne già vaccinata, ed è subito polemica
La donna ha esibito il certificato di vaccinazione sui social. Ma ci sono over 80 ancora in attesa.
GRIGIONI
6 ore
Nuova variante identificata a scuola: pronti i test a tappeto
L'istituto sarà chiuso fino al 6 febbraio, mascherina obbligatoria nel comune
SVIZZERA
7 ore
Ritardi anche per Moderna
Lo ha confermato l'UFSP, che non ha però specificato l'effetto dei ritardi sulle forniture elvetiche
SVIZZERA
9 ore
Il Governo raccoglie ampi consensi dopo gli adeguamenti odierni
Partiti e associazioni hanno accolto favorevolmente i provvedimenti.
SVIZZERA
9 ore
«Ecco cosa cambia per i test»
Il Consiglio federale e l'Ufsp hanno cambiato strategia per quanto riguarda l'esecuzione di tamponi.
LUCERNA
11 ore
Dal ritiro della patente all'arresto per una piantagione di canapa
La vicenda - avvenuta nel Canton Lucerna - era cominciata con un automobilista incappato in un controllo della polizia
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera 2'222 casi, 58 decessi e 85 ricoveri
Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 27'204 tamponi. L'8,2% di questi è risultato positivo al Covid-19
BASILEA CITTA'
12 ore
Lonza vuole aumentare la produzione del vaccino di Moderna
Con 7,5 milioni di dosi ordinate, l'"antidoto" ha un ruolo centrale nel piano di vaccinazione svizzero.
SVIZZERA
13 ore
Altri miliardi per i casi di rigore e aiuti per i disoccupati
Il Consiglio federale ha deciso di portare da 2,5 a 5 i miliardi da destinare alle aziende in difficoltà.
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera solo col test negativo (se si arriva da un paese a rischio)
Il Consiglio federale punta anche su un maggiore impiego dei test rapidi per individuare gli asintomatici
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile