keystone
BERNA
04.04.18 - 14:190

La SRG SSR passa al vaglio i suoi siti immobiliari

Annunciata l'attuazione del piano di reinvestimento pari a 100 milioni di franchi che mira a una maggiore efficienza

BERNA - In seguito alla votazione No Billag del 4 marzo 2018, la SSR ha annunciato l'attuazione di un piano di reinvestimento pari a 100 milioni di franchi che mira a una maggiore efficienza. È infatti necessario ridurre le spese, dal momento che, da un lato, il Consiglio federale ha abbassato a 1,2 miliardi di franchi il tetto massimo delle entrate della SSR provenienti dal canone e, dall'altro, i proventi derivanti dalla pubblicità sono in calo. Questi sono i principali motivi per i quali la SSR intende risparmiare e diventare più efficiente dal punto di vista dell'infrastruttura, dell'amministrazione, della tecnica, dei processi di produzione, della distribuzione e degli immobili.

Valutazione dei siti immobiliari di Berna e Zurigo - Per ridurre i costi di gestione dei propri edifici e degli immobili in affitto, la SSR esamina gli aspetti pubblicistici ed economici dei seguenti scenari:

- La SRF prende in considerazione la possibilità di trasferire lo studio radiofonico dalla sede attuale, sita a Berna nella Schwarztorstrasse, alla sede di Zurigo Leutschenbach. Tale trasferimento genererebbe evidenti guadagni dal punto di vista pubblicistico. In questo modo, in futuro, i contenuti informativi radiofonici, televisivi e online della SRF potrebbero essere prodotti da un unico luogo. La vicinanza fisica fra le redazioni specialistiche della TV e dei contenuti online presenti nella nuova sede e le emittenti radiofoniche ad ampia penetrazione SRF 1 e SRF 3, trasferite a Leutschenbach, permetterebbe una migliore collaborazione con conseguenti effetti positivi sull'informazione radiofonica.

- Un secondo possibile scenario vedrebbe la redazione specialistica della Radio SRF per l'informazione interna alla Svizzera rimanere a Berna e essere rafforzata da redattori stanziati a Zurigo. Sarebbero inoltre potenziate le postazioni di corrispondenza regionali nella Svizzera tedesca.

- Gli eventuali traslochi non riguarderanno né la redazione di Palazzo federale, né le redazioni regionali di Berna, Friburgo e del Vallese.

- La SSR sta prendendo in considerazione di trasferire tutta o una parte della Direzione generale, dalla sede in affitto situata in Giacomettistrasse, vicino all'Ostring di Berna, all'edificio che si libererà sulla Schwarztorstrasse. Deve ancora essere chiarito se l'unità aziendale SWI swissinfo.ch rimarrebbe in Giacomettistrasse o meno.

- La SRF intende trasferire lo studio radiofonico Brunnenhof di Zurigo nella sede di Leutschenbach entro la fine del 2020. La sede di Brunnenhof verrebbe così abbandonata.

- Già da tempo è stato stabilito che la divisione Kultur della SRF sarà trasferita a Basilea. Nella primavera del 2019, infatti, circa 150 collaboratori traslocheranno da Zurigo alla nuova sede di Meret-Oppenheim-Hochhaus, in modo da poter meglio collaborare con i colleghi già stanziati a Basilea.

Valutazione delle sedi nelle altre regioni - In un secondo momento, la SSR valuterà gli immobili delle unità aziendali delle altre regioni linguistiche e della società affiliata Swiss TXT a Bienne. La SSR darà comunicazione non appena saranno stati definiti i particolari. Attualmente non è ancora stata presa alcuna decisione in merito. La SSR valuterà attentamente la fattibilità e l'economicità dell'attuazione dei diversi scenari e, a tempo debito, presenterà le sue raccomandazioni al Consiglio d'amministrazione SSR per l'approvazione.

TOP NEWS Svizzera
AUSTRALIA
1 ora
Ci sono 28 svizzeri a bordo della crociera contagiata in Australia
La Artania, che per giorni non ha potuto attraccare a causa del coronavirus. Previsti presto voli di rimpatrio
SVIZZERA
5 ore
«Non è il momento per andare a fare la spesa all'estero»
A Berna si è tenuta la consueta conferenza stampa con diversi rappresentanti della Confederazione.
BERNA
5 ore
Maurer: «Potrebbe essere necessario stanziare nuovi fondi»
«È necessario trovare un equilibrio tra economia e banche»
BERNA
6 ore
Coronavirus, più di 13'000 persone positive
I decessi ammontano a 235. I dati sono stati comunicati dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
10 ore
Koch: «Non c'è penuria di mascherine»
Al momento la Confederazione dispone di circa 17 milioni di maschere protettive
BERNA
10 ore
Berset: «Stiamo correndo una maratona, non i 100 metri»
«Gli esperti sostengono che il virus rimarrà. Dobbiamo ascoltarli. Occorre sviluppare un vaccino».
BERNA
11 ore
Stöckli: «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus»
«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale»
BERNA
19 ore
Uomo uccide l'ex figliastra con cui ha avuto quattro figli
A raccontarlo è la «sorellastra» della vittima: «Mio padre ha già due donne sulla coscienza».
ZURIGO
22 ore
Penuria di personale negli ospedali: c'è la piattaforma
Si chiama Care Now Platform e serve a dislocare i professionisti della sanità a seconda del bisogno.
BERNA
1 gior
La Posta dice stop ai pacchi ingombranti
Per l'invio di divani, mobili, biciclette sono necessarie più persone. Impossibile garantire il "distanziamento sociale"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile