Ti Press
SVIZZERA
26.03.18 - 17:200

Meno aiuti dal servizio sociale dell'esercito

Rispetto al 2016 sono stati versati 610'000 franchi in meno. Il calo è da attribuire all'assenza del terzo inizio annuale della scuola reclute

BERNA - Il Servizio sociale dell'esercito (SSEs) ha versato lo scorso anno 1,13 milioni di franchi a reclute, militari in corsi di ripetizione, pazienti militari e superstiti. Si tratta di un calo di 610'000 franchi rispetto agli 1,74 milioni stanziati nel 2016: il tesoretto destinato a questo proposito è dunque diminuito di oltre un terzo.

Le spese del Servizio sociale dell'esercito sono drasticamente scese, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Ciò è da far risalire all'assenza del terzo inizio annuale della scuola reclute, abolito con la nuova riforma adottata da gennaio che ne prevede solo due, e in particolar modo al minor numero di giovani entrati in servizio, si precisa nella nota.

Gran parte degli aiuti finanziari è devoluta a militari che hanno assolto scuole reclute o corsi di ripetizione e che incontrano difficoltà di tipo personale, professionale o familiare. Essi hanno ricevuto in totale 827'000 franchi.

L'esercito ha messo a disposizione quattro consulenti sociali professionisti e 21 di milizia, precisa il rapporto annuale per il 2017. In totale hanno trattato 1100 dossier, 700 in meno rispetto all'anno precedente.

Le reclute che hanno richiesto un colloquio sono state 919, il 5% del totale. A circa un terzo, vale a dire 296, è stata erogata una somma di denaro, mentre gli altri sono stati supportati tramite consulenza.

Il SSEs garantisce appoggio anche a pazienti militari che in seguito a infortunio o malattia durante il servizio si trovano in una situazione difficile e ai loro superstiti. L'anno scorso sono stati aiutati 96 membri di questa categoria: a 33 è stato accordato un sostegno materiale, per un totale di 301'000 franchi. Nel 2016, le persone sussidiate erano state meno (85), ma la cifra sborsata per loro era più elevata (385'000).

Infine, il DDPS rende noto che il Servizio sociale dell'esercito ha ricevuto 3800 chiamate nel corso del 2017 (+200 in un anno) al suo numero di assistenza telefonica 0800 855 844.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
1 min
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
3 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
4 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
5 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
6 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
6 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
7 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
8 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
11 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
11 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile