Keystone
Preoccupazione per i costi...
SVIZZERA
23.02.18 - 10:000
Aggiornamento 11:15

«I costi sanitari sono sempre sotto la lente»

Mister Prezzi è preoccupato per l'esplosione costante dei premi e invita il Governo a intervenire, attuando «con coerenza» efficaci misure per contenerli

BERNA - I costi della sanità continuano a costituire la principale preoccupazione per Mister Prezzi: nel 2018 aumenteranno quindi gli sforzi in questa direzione. Lo ha annunciato Stefan Meierhans presentando oggi a Berna davanti ai media il suo rapporto relativo all'anno scorso.

Già negli scorsi anni sono state avanzate proposte ad ampio raggio per eliminare gli incentivi sbagliati nel settore della salute e per contenere l'aumento dei costi. Nel 2017 un gruppo di esperti istituito dal Dipartimento federale degli interni (DFI) ha presentato un rapporto con 38 misure per arginare questa tendenza al rialzo: molte di esse si basano su richieste del Sorvegliante dei prezzi.

«Le proposte sono tutte sul tavolo, ora bisogna solo fare una cosa: attuarle!», ha enfatizzato Mister Prezzi rivolgendosi in particolare a Governo e Parlamento.

Tra le varie mosse compiute da Meierhans per tentare di accelerare questi interventi vi è anche l'attivazione, proprio oggi in concomitanza con la conferenza stampa annuale, di un sito internet (www.spitaltarife.preisueberwacher.ch/it) che propone una panoramica delle tariffe per i 20 trattamenti ospedalieri stazionari più frequenti e fornisce informazioni riguardanti alla qualità delle varie strutture.

Vi sono differenze enormi a livello finanziario in Svizzera, ha rilevato il preposto federale. «Se doveste malauguratamente venir colpiti da un infarto, un ricovero alla clinica luganese Moncucco vi costerebbe 5959 franchi, mentre all'Inselspital di Berna vi verrebbero fatturati 7711 franchi, ovvero circa il 30% in più».

Per un paziente questa questione è rilevante fino a un certo punto, per le casse malattia lo è assai, ha sottolineato Meierhans. Per questo motivo è stato creata questa pagina online: la trasparenza è un elemento chiave per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'andamento dei costi nel settore sanitario.

Oltre alla salute anche altri temi hanno occupato lo scorso anno il Sorvegliante dei prezzi, primo fra tutti quello della digitalizzazione dell'economia. Sono stati ad esempio esaminati più da vicino servizi e prestazioni basati su piattaforme online. In particolare ha avviato una procedura nei confronti della piattaforma online Booking.com, ravvisando abusi a livello di commissioni chieste agli albergatori attivi in Svizzera.

Meierhans ha rinnovato l'accordo siglato nel gennaio 2014 e già prorogato nel giugno 2016 con la Posta Svizzera e trovato un'intesa riguardante un pacchetto di misure di circa 10 milioni di franchi a beneficio della clientela.

Un accordo è stato raggiunto anche con il settore dei trasporti pubblici: verranno ridotti i prezzi dell'abbonamento generale con fattura mensile a partire dalla fine del dodicesimo mese di validità e nell'ambito della riduzione dell'IVA è stato concordato con il trasporto diretto un "pacchetto risparmio" di circa 9 milioni di franchi all'anno. Le discussioni su altre questioni tariffali proseguiranno nel 2018.

In materia di telecomunicazioni Mister Prezzi ha accolto con favore l'orientamento dato dal Consiglio federale presentando la proposta di revisione della legge sulle telecomunicazioni. Tuttavia, per quanto riguarda il roaming, la sua portata è troppo limitata, ha enfatizzato, ricordando che queste tariffe sono state abolite in tutta l'UE nel mese di giugno 2017.

Un altro tema affrontato è stato quello delle infrastrutture di base e al settore dell'approvvigionamento e smaltimento. Oltre a esaminare nello specifico le tariffe dell'acqua, delle acque di scarico e dei rifiuti, ha aggiornato il confronto online delle tasse delle 50 principali città svizzere.

Commenti
 
Zico 7 mesi fa su tio
sono sotto la lente: adesso capite perchè ingrandiscono di anno in anno?
Equalizer 7 mesi fa su tio
Questa sera al TG ci hanno detto che il Ticino a la struttura sanitaria più economica della Svizzera, allora perché siamo al terzo posto nella classifica dei più alti premi assicurativi in Svizzera?
Equalizer 7 mesi fa su tio
@Equalizer ...ha la struttura....
nordico 7 mesi fa su tio
La terza causa di morte, dopo i problemi cardiovascolari e il cancro, (nessuno lo dice) va ricercata negli errori sanitari e negli effetti collaterali dei medicamenti. In questo campo ci sarebbe molto da fare, ma se proprio non si può fare nulla allora la prevenzione rimane l'unica strada percorribile. Questo anche nell'ottica che le case farmaceutiche spendono per la promozione dei loro prodotti il doppio che per la ricerca.
Trasp 7 mesi fa su tio
E poi è giusto che la cassa malati è obbligatoria, quando queste società fanno dei grandi guadagni? ...eccone un esempio: https://www.tio.ch/finanza/borse-e-mercati/1240141/helsana utile-e-costi-in-crescita - e i loro principali prendono una bella paghetta, vedi qui; http://www.ticinonews.ch/svizzera/291758/ecco-i-guadagni-dei-dirigenti-delle-casse-malati E NOI PAGHIAMO!! INFORMIAMOCI BENE LA PROSSIMA VOLTA CHE DOBBIAMO VOTARE PER DEI CONTRIBUTI OBBLIGATORI, DI QUALSIASI GENERE.
nordico 7 mesi fa su tio
@Trasp Infatti, dici bene, anche la Billag è un contributo obbligatorio per un prodotto in via di obsolescenza.
Trasp 7 mesi fa su tio
E visto l'obbligo della cassa malati, ci vuole maggiore chiarezza sui costi, e non che i furboni ricevono soldi dalle casse malati per andare alle terme senza avere problemi fisici o farsi pagare parte del abbonamento fitness; E poi alla fine siamo tutti noi a pagare.
Trasp 7 mesi fa su tio
Come si tassano le sigarette, bisogna tassare anche il cibo spazzatura. PIÙ PREVENZIONE.
nordico 7 mesi fa su tio
@Trasp Approvo al 100%. La prevenzione è l'unico modo per far scendere il costo generale delle cure. Vi sono però due problemi. 1) Il costo scende lentamente. 2) Nessuno è interessato alla prevenzione, in quanto muove molto meno soldi che le cure. Nemmeno lo stato sembra interessato, e nemmeno Mr. Prezzi che di prevenzione non ne parla mai.
Trasp 7 mesi fa su tio
@nordico Anche io sono d'accordo con te, Nordico. Il tassare direttamente sul cibo spazzatura, vuo dire anche che chi (presumibilmente) in futuro causerà più costi di salute paga, e questo già da ORA. E come nel caso delle sigarette, a pagare è principalmente chi "decide" di recarsi problemi di salute.
miba 7 mesi fa su tio
Il popolo non ha voluto la cassa malati unica (opportunità unica di cambiare il sistema...) facendosi gabbare da chi in questo business ha interessi e profitti enormi? Ora non lamentatevi perché potete solo dire "mea culpa". Qui non è una questione di destra e/o di sinistra come qualcuno sotto allude ma una questione di "magna-magna", sia a destra che a sinistra
GI 7 mesi fa su tio
@miba Ieri, oggi e domani: non vi è concorrenza con tanti attori, figuriamoci ve ne fosse uno solo....
miba 7 mesi fa su tio
@GI Penso che saprai che nel settore della sanità più vi è offerta e più i costi aumentano, al contrario di qualsiasi altro ramo/settore dell'economia.... Cosa ne pensi della ripartizione dei gruppi d'età su tutta la Svizzera e non cantone per cantone? Cosa ne pensi della forza contrattuale della Confederazione nei confronti dei fornitori di prestazioni rispetto ai singoli assicuratori malattia? Cosa ne pensi di una contabilità indubbiamente più chiara di quella attuale di chi gestisce l'assicurazione malattia? Cosa ne pensi della possibilità di avere il livello di cura accessibile in tutta la Svizzera senza costose assicurazioni complementari? Cosa ne pensi dell'attuale (e sempre scontata...) approvazione dei premi inoltrati dalle differenti assicurazioni malattia? Qual'è la tua opinione in merito al costante invecchiamento della popolazione in relazione ai costi della sanità? Come vedi la situazione è un po' più complessa che non gli slogan-spauracchio (che tu hai ripreso) di chi ha in questo business interessi e profitti (enormi)
nordico 7 mesi fa su tio
Dove esistono obblighi esistono mangerie (vecchio proverbio pakistano).
F.Netri 7 mesi fa su tio
Le istituzioni pubbliche, appoggiate e difese dagli statalisti di sinistra, sono nettamente più costose delle istituzioni private.
Nicklugano 7 mesi fa su tio
Bene, se i costi sanitari sono sempre sotto la lente di Meierhans, semm a posct...
KilBill65 7 mesi fa su tio
Mister prezzi secondo me dovrebbe intervenire piu' duramente sui costi della salute per evitare aumenti, entrare piu' in forze con i politici e trovare soluzioni meno costose!!....
GI 7 mesi fa su tio
Non serve una lente talmente sono "grossi"...chissà se un qualche giorno qualcuno capirà che è "l'obbligatorietà" la pecca del sistema ??
Potrebbe interessarti anche
Tags
costi
prezzi
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report