Keystone
VAUD
12.02.18 - 16:010

Massacri ad Afrin, curdi in marcia fra Losanna e Ginevra

I partecipanti alla manifestazione si sono riuniti davanti al Palazzo di Rumine, dov'è stato firmato nel 1923 il Trattato di Losanna, e si recheranno al Palazzo delle Nazioni

LOSANNA - Circa 1200 curdi hanno avviato oggi a Losanna una marcia di protesta contro i bombardamenti turchi di Afrin, una città del nord-ovest della Siria sotto controllo curdo. I partecipanti raggiungeranno a tappe il Palazzo delle Nazioni a Ginevra, dove venerdì è previsto un raduno.

In famiglia o fra amici, provenienti da 17 paesi ma principalmente dalla Svizzera, i curdi si sono riuniti in un primo tempo davanti al Palazzo di Rumine, dov'è stato firmato nel 1923 il Trattato di Losanna, che ha stabilito i confini attuali della Turchia e posto fine al sogno dei curdi di disporre di un proprio Stato.

Prima di dirigersi verso Ouchy, in riva al lago, i partecipanti hanno denunciato l'offensiva turca contro Afrin, iniziata il 20 gennaio. I dimostranti hanno esortato le Nazioni Unite a riunirsi immediatamente "per evitare un massacro".

Il municipale losannese David Payot (Partito operaio e popolare) è intervenuto per protestare contro "l'intervento" della Turchia, mentre la consigliera nazionale Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE) ha rilevato che i curdi "sono ancora una volta l'oggetto di attacchi inammissibili, quando hanno contribuito in modo decisivo alla lotta contro lo Stato islamico".

Dopo Ouchy, i dimostranti dovrebbero raggiungere Morges questa sera. Sono attesi a Ginevra per giovedì.

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore

I bus a lunga percorrenza vogliono conquistare la notte

Stentano a decollare i collegamenti nazionali introdotti nel giugno del 2018

FOTO E VIDEO
ZUGO
6 ore

Il re della lotta è Christian Stucki

Il 34enne bernese ha superato in finale il "padrone di casa" Joel Wicki. La tre giorni di Festa federale è stato un successo, anche di pubblico: oltre 420'000 gli appassionati presenti

VALLESE
11 ore

Incidente aereo sul Sempione, tre morti

Il Piper era decollato da un aeroporto vodese e avrebbe dovuto atterrare in Italia. Tra le vittime pure un neonato

SVIZZERA
12 ore

Quando i treni bruciano il rosso

Nel 2018 sono stati ignorati 363 segnali ferroviari: si tratta di un record

ZURIGO
12 ore

14enne ruba un'auto e se ne serve in piena notte

Con l'adolescente viaggiavano due 15enni. Inutile il tentativo di fuggire a un controllo di polizia

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile