Keystone
BERNA
22.11.17 - 18:210

Pirateria: giornalisti e artisti criticano il progetto di legge

Impressum critica la mancanza di un diritto a una remunerazione equa a favore di giornalisti e fotografi per l'utilizzazione online di articoli e foto

BERNA - Dopo l'approvazione odierna di un progetto di legge in merito alla revisione del diritto d'autore da parte del Consiglio federale, l'organizzazione svizzerotedesca di protezione dei consumatori si è detta soddisfatta, mentre artisti e giornalisti hanno espresso le loro perplessità.

L'associazione dei giornalisti svizzeri Impressum accoglie favorevolmente il principio di rafforzamento della protezione legale delle fotografie dei giornali, ma critica la mancanza di un diritto a una remunerazione equa a favore di giornalisti e fotografi per l'utilizzazione online di articoli e foto.

«I giornalisti e i fotografi liberi vivono in una situazione sempre più precaria, i loro diritti sono spesso oggetto di cessioni che impediscono loro di beneficiare dei proventi derivanti dagli utilizzi secondari delle loro produzioni», rileva il sindacato dei giornalisti, che in una nota odierna precisa: «È il colmo, in un periodo in cui le loro opere sono sempre più utilizzate su internet».

Secondo Impressum, il progetto di legge deve contenere un diritto alla remunerazione dei giornalisti da parte dei principali attori presenti su internet, come Google o Facebook.

Il progetto di legge, secondo l'organizzazione culturale Suisseculture, è «un compromesso». Il perseguimento penale nei confronti dei fornitori illegali di contenuti su larga scala sarà facilitato, scrive l'associazione in un comunicato. «D'altro canto, le violazioni meno gravi del copyright resteranno impunite o addirittura tollerate».

Suisseculture, in generale, approva le misure previste e sosterrà la la loro attuazione, tuttavia si è detta rammaricata che nessun'altra rivendicazione degli artisti sia inclusa nel testo. Così come Impressum, l'associazione critica il fatto che il progetto di legge non preveda nuove forme di remunerazione degli artisti nei media elettronici.

«I fornitori guadagnano miliardi sulle piattaforme online in cui opere letterarie e artistiche sono proposte in massa, senza regolamentazioni in materia di diritti d'autore e senza che gli artisti vedano un solo centesimo», sottolinea Suisseculture.

L'organizzazione svizzerotedesca di protezione dei consumatori (SKS) ha invece accolto favorevolmente la proposta «che rafforza i diritti degli artisti senza ridurre quelli dei fruitori». Tuttavia, l'associazione si chiede se uno degli obiettivi di questa revisione, quello di permettere un accesso a un'offerta più ampia su internet, sarà effettivamente raggiunto.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
SVIZZERA / FRANCIA
7 ore
Omicidio di una prostituta a Sullens, condanna aumentata a 30 anni
Il killer è un ex lavoratore frontaliere francese
SVIZZERA
10 ore
Certificati internazionali per i vaccinati, il plauso di HotellerieSuisse
L'associazione chiede che si prosegua con la politica dei test gratuiti
SVIZZERA
10 ore
Un documento falso per aggirare l'obbligo di certificato Covid
Al momento su Telegram c'è un florido mercato di attestati falsi. Ma chi viene scoperto, è punibile
SVIZZERA
11 ore
In piazza per la giustizia climatica anche in Svizzera
Migliaia di giovani hanno partecipato alle manifestazioni di Fridays For Future
ZUGO
13 ore
Rifiuti in fiamme a causa delle batterie ricaricabili
L'incendio si è verificato a bordo di un camion della spazzatura a Zugo
SVIZZERA
14 ore
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
14 ore
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
16 ore
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
16 ore
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile