BERNA
16.10.17 - 13:000

Rifugiati "a rischio" per una vacanza nel paese d'origine

Sono 168 i casi in cui le autorità hanno ritirato lo status di asilo a un rifugiato perché si è recato in visita "a casa". I più colpiti sono iracheni e bosniaci

BERNA - Il caso più noto di un rifugiato che ha perso il diritto d’asilo a causa di un viaggio nel suo paese d’origine è quello di Abu Ramadan, il controverso predicatore della moschea Ar'Rahman di Bienne. L’uomo ha ottenuto asilo in Svizzera nel 1998, è in possesso di un passaporto libico e dal 2013 si è recato nel paese nordafricano dodici volte. Ramadan non è mai stato interrogato dalle autorità libiche.

Un rifugiato riconosciuto - come ricorda la sentenza del Tribunale amministrativo federale nel caso di Ramadan - non può recarsi nel suo Stato d'origine, altrimenti compromette il suo status.  

Nel 2017 sono ben 167 - secondo la St. Galler Tagblatt - i casi in cui la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) è intervenuta nei confronti di rifugiati posti sotto protezione rispetto al loro paese d’origine.

I più toccati sono gli iracheni - Secondo i dati della SEM le persone più toccate da questa misura nel 2017 sono irachene (33 casi), seguite dai bosniaci (25) e da vietnamiti (16). «Il viaggio di “vacanza” verso “casa” non è invece stato evidenziato per gli eritrei», ha specificato Lukas Rieder, portavoce della SEM.

Il numero di casi cresce parallelamente all’aumento dei rifugiati riconosciuti. Da settembre la SEM ha predisposto un centro per le segnalazioni di casi sospetti di viaggio non autorizzati nel paese d’origine.

Dibattito politico - Il dibattito sui viaggi “a casa” dei rifugiati viene considerato anche dalla politica. L’UDC e il PLR chiedono che le norme vengano inasprite.

Per il Consiglio federale spetta ai rifugiati dimostrare che nel paese d’origine «sono esposti a seri pregiudizi a causa della loro razza, religione, nazionalità, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per le loro opinioni politiche, ovvero hanno fondato timore di essere esposti a tali pregiudizi».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il telelavoro rende obsoleto l'abbonamento per i mezzi pubblici
Per molti impiegati il rientro in ufficio sarà parziale. Varrà ancora la pena acquistare un titolo mensile o annuale?
SVIZZERA
3 ore
I giovani non si vaccinano: «È colpa dell'Ufficio federale della sanità»
Critiche piovono all'indirizzo dell'UFSP da parte di alcuni esperti: «La comunicazione versi i giovani va migliorata»
SVIZZERA
8 ore
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
SVIZZERA
9 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
11 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
11 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
SVITTO
13 ore
Motociclista 26enne muore in un incidente
È successo nel Canton Svitto. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Precipita un velivolo turistico: un ferito grave
A bordo dell'aereo c'era soltanto il pilota. L'incidente si è verificato nel Canton Argovia
SOLETTA
16 ore
Falso allarme bomba a bordo di un treno
Un convoglio che circolava tra Berna e Zurigo è stato fermato a Däniken e perquisito. In manette un 49enne
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile