BERNA
16.10.17 - 13:000

Rifugiati "a rischio" per una vacanza nel paese d'origine

Sono 168 i casi in cui le autorità hanno ritirato lo status di asilo a un rifugiato perché si è recato in visita "a casa". I più colpiti sono iracheni e bosniaci

BERNA - Il caso più noto di un rifugiato che ha perso il diritto d’asilo a causa di un viaggio nel suo paese d’origine è quello di Abu Ramadan, il controverso predicatore della moschea Ar'Rahman di Bienne. L’uomo ha ottenuto asilo in Svizzera nel 1998, è in possesso di un passaporto libico e dal 2013 si è recato nel paese nordafricano dodici volte. Ramadan non è mai stato interrogato dalle autorità libiche.

Un rifugiato riconosciuto - come ricorda la sentenza del Tribunale amministrativo federale nel caso di Ramadan - non può recarsi nel suo Stato d'origine, altrimenti compromette il suo status.  

Nel 2017 sono ben 167 - secondo la St. Galler Tagblatt - i casi in cui la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) è intervenuta nei confronti di rifugiati posti sotto protezione rispetto al loro paese d’origine.

I più toccati sono gli iracheni - Secondo i dati della SEM le persone più toccate da questa misura nel 2017 sono irachene (33 casi), seguite dai bosniaci (25) e da vietnamiti (16). «Il viaggio di “vacanza” verso “casa” non è invece stato evidenziato per gli eritrei», ha specificato Lukas Rieder, portavoce della SEM.

Il numero di casi cresce parallelamente all’aumento dei rifugiati riconosciuti. Da settembre la SEM ha predisposto un centro per le segnalazioni di casi sospetti di viaggio non autorizzati nel paese d’origine.

Dibattito politico - Il dibattito sui viaggi “a casa” dei rifugiati viene considerato anche dalla politica. L’UDC e il PLR chiedono che le norme vengano inasprite.

Per il Consiglio federale spetta ai rifugiati dimostrare che nel paese d’origine «sono esposti a seri pregiudizi a causa della loro razza, religione, nazionalità, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per le loro opinioni politiche, ovvero hanno fondato timore di essere esposti a tali pregiudizi».

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Covid-19: la fiducia degli svizzeri in Berna è cresciuta
Lo sostiene un sondaggio della Ssr, in Ticino una maggioranza vorrebbe obbligatorie le mascherine quando si esce
SVIZZERA
4 ore
Lufthansa ristruttura e anche la flotta di Swiss sarà ridotta
Le misure di risparmio introdotte per far fronte alla pandemia toccheranno anche la compagnia rossocrociata
ZURIGO
5 ore
Tossisce contro un poliziotto, arrestato
L'uomo faceva parte di un gruppo che stava molestando i passanti a Winterthur ieri sera.
SVIZZERA
6 ore
Anche Raiffeisen vede nero: il PIL elvetico crollerà
Una tabella mostra il confronto delle previsioni con gli altri Istituti economici
SVIZZERA
6 ore
L'economia pressa il Governo
I democentristi chiedono al Consiglio federale di discutere una «apertura con misure di protezione specifiche».
SVIZZERA
8 ore
Il coronavirus potrebbe costare fino a 35 miliardi di valore aggiunto
Anche dopo l'allentamento delle misure, l'impatto dipenderà molto dal contesto economico internazionale.
BERNA
9 ore
Controlli di polizia rafforzati durante la Pasqua
Il Governo federale spiega il lavoro della polizia durante l'emergenza Covid-19
SVIZZERA
10 ore
«Non privilegiare l'aviazione rispetto agli altri settori»
La richiesta arriva da 46 gruppi, divisi tra organizzazioni e partiti politici
SVIZZERA
10 ore
Il virus rallenta in Svizzera
Il nostro Paese ha una delle più alte incidenze in Europa, ma la curva epidemica sembra appiattirsi.
BERNA
11 ore
Anche la SSR introduce il lavoro ridotto
I settori interessati sono i dipartimenti Operazioni di SRF, RTS e RSI, le unità Access Services e Service Technologies
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile