Keystone
GINEVRA
22.09.17 - 22:080

Erwin Sperisen esce di prigione dopo 5 anni

L'ex capo della polizia nazionale del Guatemala è accusato dal ministero pubblico ginevrino di aver partecipato all'esecuzione extragiudiziale di dieci detenuti

GINEVRA - La Corte di giustizia di Ginevra ha pronunciato stasera la messa in libertà di Erwin Sperisen, conformandosi così a una sentenza del Tribunale federale. Gli sono però state imposte misure per assicurarsi che si presenterà al suo processo previsto a fine novembre.

L'ex capo della polizia nazionale del Guatemala, accusato dal ministero pubblico ginevrino di aver partecipato all'esecuzione extragiudiziale di dieci detenuti nel Paese centroamericano mentre dirigeva le forze di polizia, dovrà portare un braccialetto elettronico e sarà agli arresti domiciliari presso sua moglie, nella città vecchia di Ginevra.

Sperisen sarà autorizzato ad effettuare due uscite quotidiane e dovrà presentarsi tre volte alla settimana a un posto di polizia. Non è stata richiesta nessuna cauzione. La messa in libertà dell'ex capo della polizia nazionale del Guatemala non avverrà prima di lunedì, per avere il tempo di mettere in regola alcuni dettagli amministrativi.

Sperisen era già stato condannato due volte alla prigione a vita dalla giustizia ginevrina. Il Tribunale federale (TF) ha nel frattempo archiviato questa condanna e chiesto l'apertura di un nuovo processo. Questo si svolgerà il prossimo 28 novembre. L'ex capo della polizia guatemalteca chiederà il suo proscioglimento.

Secondo il procuratore Yves Bertossa, Sperisen è da considerarsi almeno complice di assassinio. Mentre stando agli avvocati dell'imputato, il TF ha rilevato che le accuse non sono più sufficienti a mantenere il loro cliente in detenzione. Mon Repos, secondo i legali Giorgio Campa e Florian Baier, avrebbe infatti inviato un messaggio alle autorità ginevrine. La sentenza "è un passo importante verso l'innocenza di Erwin Sperisen, che è stato condannato sulla base di testimonianze fortemente contestate".

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Un'altra sberla al turismo»
Svizzera Turismo commenta la decisione della Germania.
BERNA
2 ore
«Abbiamo ancora 4 settimane per evitare di chiudere tutto»
Alain Berset e Lukas Engelberger spiegano i prossimi passi per contrastare l'epidemia di coronavirus
SVIZZERA
4 ore
Numeri raddoppiati in una settimana
Tra il 12 e il 18 ottobre sono state annunciate 19'478 nuove infezioni. La settimana prima erano 8749.
SVIZZERA
5 ore
Un bollettino giornaliero simile a quello di ieri
Nel nostro Paese sono stati effettuati 26'537 tamponi in un giorno. Il 19,8% ha dato esito positivo.
SVIZZERA
5 ore
Qual è l'impatto del virus sul personale sanitario?
Amnesty International chieda che venga effettuata un indagine. Nel mondo 7'000 professionisti hanno pagato con la salute
SVIZZERA
6 ore
Quasi il 20% degli occupati lascia il proprio impiego
I dati raccolti tra il 2018 e il 2019 mostrano che sono soprattutto i giovani a cambiare lavoro
GERMANIA / SVIZZERA
6 ore
La Germania mette l'intera Svizzera sulla "lista nera"
Anche l'Austria, la Polonia e l'Irlanda sono diventate zone a rischio, secondo il Robert Koch Institut
SVIZZERA / STATI UNITI
7 ore
Una terapia orale per curare (e prevenire) il Covid
La cura (AT-527) è attualmente in fase 2 di sviluppo. La fase 3 dei trial inizierà nel primo trimestre 2021
SVIZZERA
8 ore
Sika: in calo le vendite e la redditività
L'utile netto ha però superato le previsioni degli analisti
SVIZZERA
8 ore
Coronavirus: prolungato l'obbligo di servizio in protezione civile
I militi dovranno prestare servizio per 14 anni, invece che 12, per avere personale sufficiente a combattere la pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile