Keystone
BERNA
23.06.17 - 14:460

I laghi non sono inquinati dai residui di munizioni

Il potenziale pericolo delle discariche nei laghi di Brienz, di Thun e dei Quattro Cantoni è stato rilevato nel quadro di un programma di ricerca dal 2005 al 2010

BERNA - Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) ha pubblicato il 23 giugno 2017 il suo rapporto sul potenziale di pericolo delle discariche di munizioni militari nei laghi svizzeri. I risultati sono rassicuranti: nel quadro del monitoraggio degli esplosivi condotto dal 2012 al 2016 non sono stati rilevati indizi di emissioni, nelle acque dei laghi, di sostanze tossiche provenienti dalle discariche di munizioni. I laghi interessati saranno di nuovo sottoposti a analisi nel 2019.

Nella prima metà del secolo scorso l’esercito ha calato munizioni e elementi di munizioni in diversi laghi svizzeri. Le discariche sono costituite essenzialmente da residui di munizioni della seconda guerra mondiale, da residui di esplosioni accidentali in depositi di munizioni nonché da materiale proveniente da fabbriche di munizioni (residui di fabbricazione, cariche parzialmente esplose e vecchie munizioni).

Il potenziale pericolo delle discariche di munizioni nei laghi di Brienz, di Thun e dei Quattro Cantoni è stato rilevato nel quadro di un esaustivo programma di ricerca dal 2005 al 2010. I risultati sono stati documentati e valutati nel rapporto del 3 febbraio 2012 («Munitionen in Schweizer Seen. Umfassende Gefährdungsabschätzung», disponibile unicamente in tedesco).

Le acque lacustri sono importanti riserve di acqua potabile. Ciononostante i rischi legati alle discariche di munizioni sono stati valutati minimi in ragione del basso potenziale di emissione.

Sorveglianza regolare delle acque - Nei laghi interessati, il rilevamento di eventuali fonti esterne di sostanze tossiche è stato accompagnato da una sorveglianza regolare della qualità delle acque. Quest’ultima misura, specificatamente adottata nel quadro della politica di protezione delle acque, era volta a verificare i risultati della valutazione dei pericoli svolta nel 2012 e a colmarne eventuali lacune. A tal fine le acque dei laghi di Brienz, di Thun e dei Quattro Cantoni sono state ulteriormente sorvegliate dal 2012 al 2016, assieme a due impianti di captazione delle acque lacustri. I relativi risultati sono stati raccolti, valutati e commentati.

Residui di sostanze esplosive e relativi prodotti di decomposizione sono stati riscontrati nelle acque di tutti e tre i laghi. Le concentrazioni sono tuttavia da cento a mille volte inferiori ai limiti più severi previsti dalla legislazione sui generi alimentari.

Monitoraggio dal 2012 al 2016 - Nel quadro del monitoraggio degli esplosivi condotto dal 2012 al 2016 non sono stati riscontrati indizi di emissioni, nelle acque dei laghi, di sostanze tossiche o di prodotti di decomposizione provenienti dalle discariche di munizioni.

Non sussiste pertanto alcuna necessità di proseguire il programma di monitoraggio a intervalli regolari. Nel 2019 si procederà tuttavia, a fini di prevenzione, a un ulteriore prelievo di campioni di sedimentazione nelle aree delle discariche di munizioni. Le sostanze riscontrabili nell’acqua interstiziale dei sedimenti rappresentano in effetti un fattore importante per la valutazione dei rischi a lungo termine. In tale occasione sarà contemporaneamente effettuato un ulteriore prelievo di campioni di acque lacustri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
24 sec
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
BERNA
7 min
Coronavirus: Consiglio federale col freno a mano tirato «per paura di critiche»
Secondo il SonntagsBlick, il governo tentennerebbe per timore dell'accusa di voler istituire una "Corona-Diktatur".
SVIZZERA
1 ora
«Il personale di terapia intensiva è già esausto»
Dopo gli applausi della scorsa primavera, il nulla. Turni da 12 ore al giorno, «ma ci sentiamo abbandonati».
SVIZZERA
12 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
12 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
15 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
17 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
17 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
20 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile