Keystone
BERNA
23.06.17 - 14:460

I laghi non sono inquinati dai residui di munizioni

Il potenziale pericolo delle discariche nei laghi di Brienz, di Thun e dei Quattro Cantoni è stato rilevato nel quadro di un programma di ricerca dal 2005 al 2010

BERNA - Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) ha pubblicato il 23 giugno 2017 il suo rapporto sul potenziale di pericolo delle discariche di munizioni militari nei laghi svizzeri. I risultati sono rassicuranti: nel quadro del monitoraggio degli esplosivi condotto dal 2012 al 2016 non sono stati rilevati indizi di emissioni, nelle acque dei laghi, di sostanze tossiche provenienti dalle discariche di munizioni. I laghi interessati saranno di nuovo sottoposti a analisi nel 2019.

Nella prima metà del secolo scorso l’esercito ha calato munizioni e elementi di munizioni in diversi laghi svizzeri. Le discariche sono costituite essenzialmente da residui di munizioni della seconda guerra mondiale, da residui di esplosioni accidentali in depositi di munizioni nonché da materiale proveniente da fabbriche di munizioni (residui di fabbricazione, cariche parzialmente esplose e vecchie munizioni).

Il potenziale pericolo delle discariche di munizioni nei laghi di Brienz, di Thun e dei Quattro Cantoni è stato rilevato nel quadro di un esaustivo programma di ricerca dal 2005 al 2010. I risultati sono stati documentati e valutati nel rapporto del 3 febbraio 2012 («Munitionen in Schweizer Seen. Umfassende Gefährdungsabschätzung», disponibile unicamente in tedesco).

Le acque lacustri sono importanti riserve di acqua potabile. Ciononostante i rischi legati alle discariche di munizioni sono stati valutati minimi in ragione del basso potenziale di emissione.

Sorveglianza regolare delle acque - Nei laghi interessati, il rilevamento di eventuali fonti esterne di sostanze tossiche è stato accompagnato da una sorveglianza regolare della qualità delle acque. Quest’ultima misura, specificatamente adottata nel quadro della politica di protezione delle acque, era volta a verificare i risultati della valutazione dei pericoli svolta nel 2012 e a colmarne eventuali lacune. A tal fine le acque dei laghi di Brienz, di Thun e dei Quattro Cantoni sono state ulteriormente sorvegliate dal 2012 al 2016, assieme a due impianti di captazione delle acque lacustri. I relativi risultati sono stati raccolti, valutati e commentati.

Residui di sostanze esplosive e relativi prodotti di decomposizione sono stati riscontrati nelle acque di tutti e tre i laghi. Le concentrazioni sono tuttavia da cento a mille volte inferiori ai limiti più severi previsti dalla legislazione sui generi alimentari.

Monitoraggio dal 2012 al 2016 - Nel quadro del monitoraggio degli esplosivi condotto dal 2012 al 2016 non sono stati riscontrati indizi di emissioni, nelle acque dei laghi, di sostanze tossiche o di prodotti di decomposizione provenienti dalle discariche di munizioni.

Non sussiste pertanto alcuna necessità di proseguire il programma di monitoraggio a intervalli regolari. Nel 2019 si procederà tuttavia, a fini di prevenzione, a un ulteriore prelievo di campioni di sedimentazione nelle aree delle discariche di munizioni. Le sostanze riscontrabili nell’acqua interstiziale dei sedimenti rappresentano in effetti un fattore importante per la valutazione dei rischi a lungo termine. In tale occasione sarà contemporaneamente effettuato un ulteriore prelievo di campioni di acque lacustri.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
BERNA / ITALIA
4 ore
«La Svizzera si tiene stretta la manodopera straniera»
La bocciatura attira l'attenzione dell'Europa. Gli italiani ricordano i frontalieri. I britannici pensano a se stessi.
SVIZZERA
5 ore
Jet da combattimento: «Meglio quelli europei»
Secondo un sondaggio di 20 minuti e Tamedia, per la scelta del velivolo non sarà necessario tornare alle urne
ZURIGO
7 ore
Il nuovo stadio dell'Hardturm s'ha da fare
Il 59,1% dei cittadini ha approvato il “piano di utilizzazione speciale” che permetterà la realizzazione della struttura
SVIZZERA
8 ore
I jet superano per un soffio la contraerea popolare
I cittadini svizzeri hanno accettato sul filo di lana l'acquisto dei nuovi aerei da combattimento.
SVIZZERA
8 ore
«Una convivenza tra lupo e uomo è possibile»
Dopo un pomeriggio thriller la modifica della legge sulla caccia è stata bocciata dal 51.93% dei votanti.
SVIZZERA
10 ore
Il congedo paternità di dieci giorni è realtà
Il popolo svizzero ha detto sì al 60.1%. In Ticino la misura è stata accettata dal 67,27% dei cittadini
SVIZZERA
14 ore
Maurer contro le quote rosa
Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.
SVIZZERA
14 ore
Dalle urne escono due sì e tre no
Chiaro sì per il congedo per i futuri papà, mentre gli aerei da combattimento sono stati promossi dal 50.1% dei votanti.
SVIZZERA
15 ore
Quattro medici "critici" sotto sorveglianza
Sono accusati di non applicare le misure volute da Berna per contenere il propagarsi della pandemia da Covid-19
SVIZZERA
16 ore
L'epidemiologo cambia rotta: «Ora la gestione Covid funziona»
Marcel Salathé ora è positivo: le cifre sono stabili, seppur elevate, e il contact tracing finalmente funziona
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile