Ti Press
BERNA
30.05.17 - 10:220

Esercito, la protezione dell’udito oggi funziona

Rispetto al 1990 il rischio di una lesione all’udito durante il servizio militare è di dieci volte minore, ma ci sono ancora una cinquantina di casi all’anno.

 

BERNA - Il rischio che un soldato subisca una lesione all'udito durante il servizio è circa di dieci volte inferiore rispetto al 1990: è quanto emerge da un'analisi svolta dall'assicurazione militare, indica la Suva in un comunicato odierno. La flessione è dovuta a misure di prevenzione adottate negli ultimi 30 anni.

Un colpo partito da un fucile d'assalto produce un rumore di 160 decibel all'orecchio del tiratore: nonostante la breve durata dell'impatto è possibile che si verifichino danni duraturi all'udito.

A titolo di confronto, il rumore medio del traffico stradale genera un livello sonoro di 70-80 decibel, una motosega di 105 decibel. Se l'udito è esposto per un periodo prolungato a livelli sonori superiori agli 85 decibel, il danno sarà duraturo, scrive la Suva.

Varie ricerche condotte a metà degli anni Sessanta hanno evidenziato che un milite su cinque senza problemi di udito accusava un'ipoacusia per i toni alti dopo la scuola reclute. Solo poche persone coinvolte, tuttavia, notificavano i disturbi all'assicurazione militare. La statistica di allora presentava circa 500 casi all'anno.

«Probabilmente i militi assimilavano il fatto che durante il servizio erano esposti a forti rumori che avrebbero provocato un fischio nelle orecchie» afferma Stefan A. Dettwiler, direttore dell'assicurazione militare, citato nella nota. «Alcuni hanno lamentato i primi disturbi solo più tardi».

Fino agli anni Settanta, i provvedimenti per proteggere l'udito durante gli esercizi di tiro erano costituiti prevalentemente dagli inserti auricolari sviluppati dallo stesso esercito. Tali misure dovevano, in teoria, «bloccare il rumore degli spari ma lasciar passare gli ordini». A partire dal 1974 i soldati poterono portare anche le cuffie antirumore. Per gli impieghi sul terreno erano tuttavia inappropriate, in quanto non si potevano indossare sotto il casco.

Oltre alla cattiva protezione, a provocare le lesioni all'udito fu soprattutto il primo fucile d'assalto, che rispetto alla carabina veicolava più rumore verso l'orecchio del tiratore. Fino al 1987 le lesioni uditive registrarono così un aumento (700 all'anno).

Alla fine degli anni Ottanta l'esercito introdusse i noti Pamir, ossia le cuffie antirumore che i soldati potevano portare sotto il casco. Queste cuffie venivano consegnate a ciascun soldato al momento dell'entrata in servizio, unitamente ai nuovi inserti auricolari di schiuma poliuretanica.

«Con la consegna di questo set personale ogni soldato era richiamato al dovere di proteggere il proprio udito» spiega Dettwiler. «Fu un passo importante». Inoltre, la Commissione militare per la prevenzione d'infortuni promosse una campagna per incentivare a proteggere l'udito.

Tutte queste misure si sono dimostrate efficaci: oggi l'assicurazione militare registra annualmente una cinquantina di casi di danni all'udito. Spesso si tratta di lesioni che si sono prodotte già dieci o più anni prima. A fine 2016 l'assicurazione militare ha sospeso gli esami regolari dell'udito per i militari di professione. Ha infatti constatato che le lesioni all'udito insorgevano unicamente dopo un infortunio e non a causa di una mancata protezione.

La Suva, che gestisce l'assicurazione militare su mandato della Confederazione, ha pubblicato anche le ultime statistiche relative all'anno scorso. Nel 2016 l'assicurazione militare ha versato prestazioni assicurative per complessivi 190 milioni di franchi, in prevalenza a persone che hanno prestato servizio militare, civile e di protezione civile. Tale importo evidenzia una flessione di 3 milioni rispetto all'anno precedente. «È positivo il fatto che le spese di cura siano rimaste stabili nonostante un aumento dei casi di quasi il 3%», afferma Dettwiler. Nell'insieme delle categorie di assicurati sono stati registrati circa 31'000 casi di malattia e poco meno di 10'000 infortuni. Quasi 17'000 casi di malattia e circa 6500 casi di infortunio hanno interessato i soldati di milizia.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
33 min
Il ceo di Alpiq si dimette con effetto immediato
Schnidrig era attivo per il gruppo energetico dal 2010, ma lo dirigeva solo da inizio 2020. Lascia per motivi di salute.
SVIZZERA
1 ora
Criminalità al Nazionale, ricerca e cooperazione agli Stati
Il plenum dovrà anche affrontare il progetto per rendere più difficile l'accesso a determinate sostanze chimiche
FOTO
BERNA
1 ora
Il "campo climatico" lascia posto al mercato
Alcune tende sono state temporaneamente spostate dai manifestanti come richiesto dall'Esecutivo della Città
SVIZZERA
10 ore
Da Wuhan a Lucerna passando per il Ticino... in gennaio
Il gruppo di turisti cinesi ha attraversato la Svizzera, anche in treno. Al rientro, quattro erano positivi al tampone
SVIZZERA
12 ore
Presto faremo le tasse via computer (e senza firma)?
Il Nazionale è d'accordo ma la discussione ora va agli Stati, fra i contrari c'è l'UDC che teme per la sicurezza
BERNA
12 ore
I manifestanti pro clima devono andarsene «entro mezzogiorno»
L'ordine arriva dal Municipio di Berna, in caso contrario c'è la possibilità che la polizia usi la forza
ZUGO
14 ore
Invia fatture (false) per 900'000 franchi, e loro gliele saldano
La cybertruffa ha ingannato la contabilità di un'azienda zughese, è bastato spedirle con il nome e cognome del capo
FOTO
BERNA
16 ore
La protesta in Piazza Federale non ha turbato la Sessione autunnale
Gli attivisti per il clima hanno affermato che non cercano lo scontro, piazza liberata per il mercato di domani
BERNA
16 ore
Il coronavirus limita la nostra libertà?
L'emergenza sanitaria ha cambiato radicalmente le nostre vite.
SVIZZERA
16 ore
Swiss, con l'orario invernale l'attività aumenterà meno del previsto
L'obiettivo era di arrivare a circa la metà del normale programma di volo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile