Tipress
SVIZZERA
07.02.17 - 06:330
Aggiornamento : 10:05

Prevenzione del suicidio: «Delusi da Facebook»

Nella collaborazione del social network con il Telefono Amico non ci sarebbe sufficiente trasparenza

ZURIGO - «La invitiamo a rivolgersi al Telefono Amico». È questo il tenore del messaggio che Facebook invia agli utenti che postano pensieri suicidari. Dal 2011 tra le funzioni del social network è infatti presente la possibilità di segnalare i post sensibili. Una funzione che all’epoca il Telefono Amico aveva accolto con molto interesse. Ma ora, a distanza di sei anni, l’associazione traccia un bilancio negativo: «Siamo delusi della collaborazione con Facebook» ci dice infatti il responsabile Franco Baumgartner.

Una mancanza di trasparenza - Nella collaborazione mancherebbe la trasparenza, in quanto dal 2014 Facebook non fornisce più dati statistici sulle segnalazioni per utenti a rischio di suicidio. «L’azienda ha smesso di fornirci i numeri, parlando di nuove linee guida interne» ci spiega Baumgartner. Ora per il Telefono Amico non è quindi più possibile capire quali siano gli effetti di questo strumento. «Purtroppo abbiamo l’impressione che Facebook non si sforzi a sufficienza nella prevenzione del suicidio». E per quanto riguarda la messa in pratica della funzione, Baumgartner ritiene che la sua esistenza sia «a malapena segnalata». E l’annunciato pulsante anti-suicidio? «In Svizzera non è mai arrivato». Secondo il responsabile di Telefono Amico, il social network avrebbe iniziato una collaborazione soltanto per «migliorare la propria immagine».

Ora si parla di bufale - Ora sembra invece che gli interessi di Facebook siano altri. «Sei anni fa si parlava di prevenzione del suicidio, ora ho la sensazione che il social network sia orientato alla problematica dell’estremismo e alla lotta contro le bufale» ci dice ancora Baumgartner.

Mille vittime all'anno - Secondo Ipsilon, l’Iniziativa per la prevenzione del suicidio in Svizzera, con mille decessi all’anno, il suicidio fa tre volte più vittime della strada. Raphael Wobmann, segretario del progetto per la consulenza ai giovani U25, difende comunque Facebook. Non è infatti scontato che un’azienda orientata al guadagno si impegni nella prevenzione del fenomeno. «Anche se Facebook non lo fa in modo ottimale, non si può rimproverare nessuna azienda che si muove in quest’ambito».

Facebook: «Per noi è importante» - Stando al social network «la prevenzione del suicidio è importante», ha spiegato un portavoce a 20 Minuten. Da giugno 2016, inoltre, sono disponibili funzioni di prevenzione migliorate. Malgrado ciò non è comunque possibile fornire i dati statistici ai partner interessati. 

La collaborazione continua - Per il Telefono Amico la collaborazione con Facebook non viene comunque messa in discussione. Nel 2013 l’e-mail che invita gli utenti a rischio a rivolgersi il Telefono Amico è stata inviata 27 volte. Nel 2012 erano invece 21 le persone contattate.

Snapchat e Instagram? - Per Wobmann, infine, è importante che in futuro anche altri social network si impegnino nella prevenzione del suicidio. «Proprio per aiutare  in tempo i giovani, provvedimenti analoghi sarebbero utili anche in Snapchat e Instagram».

Commenti
 
miba 2 anni fa su tio
Semplicemente i controsensi della nostra (nuova) società. L'era dei social che permettono di comunicare perennemente in maniera virtuale poi la richiesta d'aiuto agli stessi social per ovviare ai danni che loro stessi creano dal momento che in fèss book hai 1000 "amici" ma nemmeno un "vero amico"
NICKITA 2 anni fa su tio
Chi vuole farla finita sul serio non chiama di certo il 143.....inoltre a rispondere al telefono non sono professionisti ma volontari che a volte si arrampicano sugli specchi.
bananajoe 2 anni fa su tio
@NICKITA Che commento vuoto il tuo...
TOP NEWS Svizzera
VAUD
9 min

Tenta di salvare il suo cane, ma muore affogato

Il corpo è stato ripescato dopo un'ora di ricerche. L'animale è stato tratto in salvo

ZURIGO
43 min

Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»

Secondo il grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, il modello basato sulla libera circolazione potrebbe avere vita breve

SVIZZERA
2 ore

Asilo, i rifugiati arrivati nel 2015 costeranno un miliardo di franchi ai comuni

Per alcuni di essi questo comporta un aumento della spesa sociale e si rischia di dover aumentare le imposte

SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore

«I prodotti di Wish sono pericolosi»

Lo sostiene il Forum dei consumatori sulla base di test effettuati su diversi articoli. Si rileva anche la presenza di sostanze cancerogene

SVIZZERA
3 ore

Calmy-Rey: «Rinegoziare l'accordo quadro e aumentare la somma destinata all'Ue»

«La situazione di stallo può essere superata, ma occorre prendersi il tempo per trovare un consenso interno, questo è decisivo» ha dichiarato l'ex consigliera federale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile