GINEVRA
05.01.17 - 15:430

Sans-papiers chiede la grazia al Gran Consiglio

La donna boliviana di 46 anni, che soggiornava illegalmente in Svizzera, era stata scoperta dopo aver denunciato un aggressione subita

GINEVRA - Una donna boliviana sans-papiers di 46 anni, condannata per soggiorno illegale, ha presentato una richiesta di grazia presso il Gran Consiglio del canton Ginevra. La donna era stata scoperta dalle autorità dopo che aveva presentato denuncia per un'aggressione subita in un bar.

La notizia, diffusa dal quotidiano "La Tribune de Genève" è stata confermata all'ats dal legale della boliviana, Yann Lam. Secondo l'avvocato, l'unico torto della donna è quello di non avere un permesso di soggiorno in Svizzera. La 46enne, che si mantiene facendo le pulizie, non ha commesso nessun'altra infrazione e non ha alcun precedente penale.

In linea di principio la giustizia ginevrina tende a chiudere un occhio in caso di sans-papiers vittime di reati penali, precisa Lam, secondo cui quello della sua assistita è un caso anomalo. È inspiegabile che il Ministero pubblico abbia in questo caso riservato alla donna un trattamento diverso.

Se il Gran Consiglio accorderà la grazia alla donna, quest'ultima si vedrà cancellare la condanna per soggiorno illegale in Svizzera. «Vogliamo evitare che si crei una giustizia di seconda classe per le persone che non osano denunciare reati commessi ai loro danni perché senza documenti validi per la Svizzera», sottolinea Lam.


 

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Solo una persona su venti naviga gratuitamente sui treni delle FFS
Secondo le cifre delle FFS, il servizio FreeSurf è utilizzato solo dal 5% dei clienti
SVIZZERA
7 ore
Le stazioni ferroviarie più comode d’Europa: Zurigo al secondo posto
La classifica è stata stilata dal Consumer Choice Center, e la Svizzera può esserne soddisfatta
URI
14 ore
In retromarcia sull'A2 per evitare controlli
Pericolosa manovra di tre autotrasportatori, che volevano sottrarsi a un controllo perché i loro veicoli presentavano difetti tecnici
FOTO
TURGOVIA
16 ore
Scoppia la polemica su questo cartellone elettorale
La decisione di una candidata al Gran Consiglio turgoviese di farsi ritrarre con un fucile d'assalto ha riportato alla mente la strage avvenuta a Zugo
VIDEO
BERNA
16 ore
Quando l'acqua anziché cascare... risale
Curioso fenomeno quello immortalato nell'Oberland bernese. Ma c'è una spiegazione
SVIZZERA
19 ore
Il cervo dello Jägermeister ha perso il suo significato cristiano
Il TAF ha stabilito che il logo del noto digestivo, un cervo con una croce, può essere commercializzato senza ferire i sentimenti religiosi
LUCERNA
20 ore
Arrestati dopo una folle sfida notturna
Gara automobilistica ad alta velocità, in pieno centro di Lucerna, fra due giovani. Uno di loro si trovava pure in stato d'ebbrezza
SVIZZERA-CINA
20 ore
Gli svizzeri in Cina: «Abbandonati da Berna»
Il DFAE afferma di essere in contatto con i confederati che si trovano nel paese asiatico. Ma molti dicono di non essere mai stati contattati
GINEVRA
21 ore
I frontalieri arrivano da sempre più lontano
Lo storico Claude Barbier mette in guardia su un possibile problema culturale: «Spesso questi lavoratori non comprendono gli usi e i costumi locali»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
22 ore
«Ogni tre giorni c'è un'auto in contromano sulle autostrade»
Quello avvenuto sabato nel canton Berna è solo l'ultimo caso di una lunga serie. Via Suisse: «15 conducenti contromano da inizio 2020»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile