Fotolia
SVIZZERA
05.01.17 - 06:340
Aggiornamento : 09:21

In amore niente compromessi, per i giovani la relazione è "out"

Quasi 4 ragazzi su 10 non si ritengono in grado di sopportare una relazione stabile. Il motivo? Secondo gli esperti è la paura di mettersi in gioco

ZURIGO - Per quanto riguarda le relazioni stabili i giovani (e giovanissimi) della Svizzera si trovano in una situazione decisamente conflittuale. Nel recente sondaggio di tio.ch e 20 minuti, infatti, il 39% dei ragazzi fra i 14 e i 24 afferma che, per loro, è difficile legarsi a un'altra persone. Tanto le ragazze quanto i ragazzi, più gli apprendisti (41%) rispetto agli studenti delle superiori (34%).

Difficile mettersi in gioco - Qual'è il motivo? Secondo la terapista di coppia Angela Della Torre è la paura di impegnarsi unita alla poca voglia di trovare un compromesso con l'altro: «Quando il partner avanza una richiesta particolare che richiede uno sforzo spesso e volentieri si risponde “picche”».

Basta poco e tutto crolla - Un ottimo esempio potrebbe essere la gestione del tempo libero: «Lui: “Questo sabato io vorrei andare in mountain bike”, lei: “Io invece volevo andare a fare una passeggiata con te...”. Basta questo per pensare: “Non gli interesso più...”». Sono questi piccoli conflitti che mettono a repentaglio una relazione: «Invece di mettersi in discussione molti preferiscono chiudere definitivamente, è troppo difficile gestire difficoltà come queste».

Si cerca la perfezione. Conflitto? Guai! - All'origine di questo comportamento c'è l'educazione e l'ambiente in cui i ragazzi di oggi sono cresciuti: «Vivere costantemente avvolti nella bambagia rende incapaci di mettersi in gioco, sostenere le proprie idee davanti a un'altra persona e accettare quando si ha torto». Ne è sicuro lo psicologo Frank Margulies: «Nel partner si cerca una perfezione che non esiste per evitare la realtà. Se la vita è già così conflittuale e incasinata almeno con lui/lei deve andare tutto liscio e non devono esserci problemi». 

«Sono giovani, lasciamo che sperimentino» - Sdrammatizza, invece, il presidente dell'Associazione svizzera di psicologia dell'età evolutiva (Aspee) Philipp Ramming: «Non dobbiamo pensare che una relazione fra dei ragazzi sia come una fra due adulti conviventi. È normale che in loro ci sia voglia di sperimentare».

I social, però, hanno cambiato tutto - Qualcosa però è cambiato: «Oggi i ragazzi hanno molte più opzioni nella scelta di un partner. Ad esempio attraverso i social network dal loro paesino possono incontrare coetanei in tutto il mondo. Questo può essere un bene, ma anche un male». Come mai? «Perché i social alimentano una visione non realistica del rapporto di coppia perfetto. Per i giovani è importante poter fare le loro esperienze senza pressioni. Ma il non essere aperti al compromesso e cercare esclusivamente un partner perfetto, può senz'altro essere problematico». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Esse 4 anni fa su tio
Una volta si riparava tutto ...forse di riflesso sistemare situazioni veniva più spontaneo ai tempi rispetto ad oggi che viviamo nel Plug and Play / rotto-butto
GI 4 anni fa su tio
Ma si va bene anche così, poi quando avranno raggiunto i 40.....vorranno formare una famiglia, magari con figli.....peccato poiché sarà (in molti casi) troppo tardi.....Tra una generazione....quo vadis essere umano egoista ?
Esse 4 anni fa su tio
@GI Per fortuna il mondo è pieno di bimbi da adottare
aquila bianca 4 anni fa su tio
@Esse Ciao Esse* Tra l'aumento delle persone che hanno gusti sessuali diversi, e i giovani che fanno sesso virtuale..... si sta facendo spazio a una "selezione naturale" sul futuro della popolazione mondiale. Sarà anch'essa una fase della nostra era ?? Speriamo si svuotino gli orfanotrofi e le case d'accoglienza per i bimbi... che in un futuro non troppo lontano possano vivere un'esistenza con genitori adottivi che li amano ;-)) ...se questo si dovesse verificare, vorrà dire che le scelte dei giovani avranno avuto un effetto benefico.... Poi arriverà una nuova fase.... come sempre.... ;o) Buon pomeriggio Esse ;-***
Homer_Simpson 4 anni fa su tio
@Esse Purtroppo tutte (o quasi) le donne sono disposte a fare cure folli in ospedale pur di avere un figlio "suo".
aquila bianca 4 anni fa su tio
@Homer_Simpson Difficile dare un giudizio su questo problema.... A parer mio, se una donna vuole tentare di essere madre con l'aiuto della medicina, la sostengo... ma solo fino a un certo punto.... Non si possono sentire certe notizie dove donne che superano la cinquantina e oltre, accanirsi per diventare madri/nonne.... ;-(( Il desiderio di essere madri, si può raggiungere con l'adozione; che è un gesto nobile. BUON ANNO HOMER ;-)
Esse 4 anni fa su tio
@aquila bianca mmm...ci vedi già bello lungo ! (bom...in quanto aquila..voli alto ..parti con punto di vasta avvantaggiato ;-) ) ..interessante osservazione la tua ! Pensando al mondo femminile; capisco che per un (permettimi) "essere" venuto al mondo per concepire ..sia molto meno banale che per un uomo (altrettanto essere ..per par condicio) pensare ad un adozione prima che al concepimento.
Lonely Cat 4 anni fa su tio
Fanno bene. Probabilmente i giovani di oggi stanno meglio con se stessi e non necessitano di crearsi una gabbia dorata per fuggire dai propri vuoti interiori.
tip75 4 anni fa su tio
il mondo è ammalato..
L.M1010 4 anni fa su tio
@tip75 vero!!..
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
14 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
14 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
16 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
18 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
19 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
20 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
21 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
23 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
1 gior
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile