ARGOVIA
13.12.16 - 18:220

Verifiche a Beznau e Gösgen

L'odine arriva dall'Ispettorato federale della sicurezza nucleare dopo il blocco di 12 centrali in Francia

BRUGG - Verifiche approfondite sui generatori di vapore delle centrali nucleari di Gösgen (SO) e Beznau (AG) sono state ordinate dall'Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) in seguito all'allarme che in Francia ha provocato il blocco di 12 reattori.

In settembre l'autorità francese di controllo sulla sicurezza nucleare ASN ha informato che in seguito a controlli sull'acciaio dei generatori di vapore realizzati presso la fonderia di Le Creusot del gruppo francese Areva, sono state trovate zone con un eccesso di carbonio che potrebbe alterare la capacità di resistenza del materiale.

La Areva - uno dei due colossi francesi dell'energia, assieme a EdF, - ha prodotto anche i pezzi dei reattori svizzeri. Stando ad una nota dell'IFSN, la segnalazione riguarda in Svizzera soltanto il reattore di Gösgen e i due di Beznau, visto che le centrali di Leibstad (AG) e Mühleberg (BE) sono dotate di reattori ad acqua bollente.

«Al momento non disponiamo di indizi che permettano di concludere che i generatori di vapore delle centrali di Beznau e Gösgen presentino degli scarti inammissibili nelle caratteristiche dei materiali», afferma, citato nella nota, il direttore dell'IFSN Georg Schwarz.

Esami approfonditi - Per poter meglio valutare la situazione, l'authority svizzera ha ordinato alle due centrali un esame approfondito dei documenti di fabbricazione, come pure delle «analisi non distruttive sui materiali in questione». I risultati di questi esami dovranno essere forniti all'IFSN entro la fine di aprile 2017.

In Francia, il presidente di ASN Pierre-Franck Chevet ha parlato alla fine di novembre di una situazione «diventata molto preoccupante». Dodici reattori francesi sono fermi o stanno per essere fermati, per controllare che l'eccesso di carbonio scoperto nell'acciaio non alteri la capacità di resistenza meccanica dei generatori di vapore.

In una lunga intervista a Le Figaro, Chevet aveva anche denunciato «l'esistenza di pratiche inaccettabili dall'inizio degli anni Sessanta presso la fabbrica Areva di Le Creusot, come l'esistenza di 400 dossier riguardanti anomalie volontariamente nascoste al cliente e all'ASN, e la scoperta di documenti di fabbricazione che appaiono falsificati».

La fonderia di Areva ha forgiato anche il contenitore in pressione del reattore 1 della centrale di Beznau. Questo reattore è fermo dal mese di marzo del 2015, quando nel corso di una grande revisione erano state scoperte "irregolarità" - ossia 925 micro-fessure fra i 5 e i 6 millimetri di diametro - nella struttura di contenimento.

Alla metà di agosto, l'IFSN aveva fatto sapere che le centrali nucleari svizzere non erano toccate delle irregolarità emerse in precedenza nei certificati di sicurezza della fonderia di Areva. In settembre, la stessa IFSN aveva poi fatto sue le spiegazioni fornite da Axpo, secondo cui le "irregolarità" riscontrate nel contenitore di Beznau 1 sarebbero dei difetti di fabbricazione, risalenti al 1965 e certificati nelle circa 10'000 pagine di documentazione del reattore.

Con i suoi 46 anni di servizio, Beznau 1 è considerato l'impianto nucleare commerciale più vecchio al mondo ancora in funziona. Il gruppo energetico Axpo, proprietario dell'impianto, affermava di voler rimettere in funzione il reattore alla fine di quest'anno, dopo 16 mesi di arresto forzato, ma manca ancora il via libera dell'autorità di controllo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Coronavirus: «L'esercito non conta tutti i giorni di servizio»
Viola Amherd ha spiegato che, altrimenti, non potrebbe assicurare il proprio aiuto in una nuova ondata dell'epidemia
ZURIGO
3 ore
«Ora si rischia una grave crisi nell’accoglienza dell’infanzia»
Kibesuisse bacchetta il Consiglio federale
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Ecco quali sono i cantoni più diligenti
I dati di Google mostrano anche in quali cantoni le direttive per lottare contro la pandemia sono rispettate di più.
VIDEO
BASILEA
16 ore
Seminuda sui tetti, butta giù le pietre
Una donna in stato mentale «confuso» ha creato il panico ieri in una via centrale di Basilea
BASILEA
17 ore
Il gesto di Baselworld per gli espositori
Gli organizzatori si assumeranno gran parte dei costi
SVIZZERA
17 ore
Spostamenti, Google rende pubblici i dati
Le statistiche mostrano che l'attività è diminuita ovunque, tranne nelle zone residenziali.
BERNA
19 ore
La Svizzera è pronta ad accogliere pazienti Covid italiani
In Ticino? Cassis. “Per ragioni linguistiche sì. Per la situazione sanitaria ticinese no”
LUCERNA
19 ore
Il matricida di Emmenbrücke era un talento calcistico con più di un lato oscuro
Alcuni conoscenti hanno raccontato della metamorfosi del 20enne: «Quell'estate è cambiato per sempre»
SVIZZERA / FRANCIA
20 ore
Maschere bloccate: «È stato un inghippo»
L'ambasciatore francese Frédéric Journès ha spiegato che i problemi fra Francia e Svizzera sono stati risolti
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus, Lipo giunge in aiuto di Lidl
I dipendenti continueranno ad essere impiegati da Lipo, pur lavorando temporaneamente per Lidl
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile