BERNA
18.05.16 - 17:440

Collaborazione Svizzera-Sri Lanka, forti critiche dai tamil

«L'uccisione del popolo continua - la Svizzera tace» si legge su alcuni striscioni

BERNA - Diverse centinaia di tamil hanno criticato la politica nel loro Paese oggi in una manifestazione in Piazza federale a Berna. Il genocidio dei tamil in Sri Lanka è continuato per sette anni dopo la fine della guerra. La Svizzera ricopre in questa vicenda un ruolo particolarmente incerto.

Che la Berna federale aspiri a una collaborazione sulla migrazione con "il regime ingiusto" in Sri Lanka è un assoluto scandalo. La Svizzera chiude gli occhi davanti alla situazione reale e coopera con il governo srilanchese, invece di condizionare in modo concreto gli sforzi di pace.

"L'uccisione del popolo continua - la Svizzera tace" si legge su uno striscione. "La Svizzera deve riconoscerci come un'entità nazionale", afferma un altro slogan mostrato dai manifestanti.

La dimostrazione avviene nel settimo anniversario della fine della guerra in Sri Lanka. Il conflitto civile terminò il 18 maggio del 2009 con la vittoria militare delle truppe governative srilanchesi sui ribelli tamil.

Da quel momento il governo non ha intrapreso nulla per conciliare etnie e religioni, critica il Consiglio svizzero di Tamil dell'Eelam (SCET), organizzatore della manifestazione. Come prima della guerra, le zone dei tamil occupate dai militari sono state mantenute, i proprietari terrieri espropriati e il loro appezzamento usato per scopi militari o per la costruzione di resort turistici.

In Sri Lanka ha luogo "un continuo genocidio dei tamil", hanno affermato i dimostranti davanti a Palazzo federale. Ciò implica le violenze sessuali contro le donne, la costrizione alla sterilizzazione o lo stupro di donne tamil da parte di soldati.

Il ministro degli affari esteri elvetico Didier Burkhalter e il suo collega srilanchese Mangala Samaraweera hanno fatto sapere chiaramente a inizio marzo in una dichiarazione d'intenti che aspirano a una collaborazione nell'ambito della migrazione. Samaraweera aveva invitato tutti i cittadini in esilio a ritornare in Sri Lanka e aiutare alla ricostruzione del Paese, appello rivolto anche ai richiedenti asilo presenti in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
50 min
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
2 ore
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
2 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
2 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
3 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
3 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
4 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile