SVIZZERA
12.05.16 - 16:390
Aggiornamento : 17:01

21 aziende vinicole denunciate nel 2015

I controlli per i commercianti di vino si sono fatti più severi. I motivi? Taglio non autorizzato e l'errata etichettatura

BERNA - Si fanno più severi i controlli sui commercianti di vino: lo scorso anno sono state sottoposte a ispezione 1269 aziende del ramo e 21 sono state denunciate perché avevano proceduto a "tagli" illeciti o utilizzato etichette non conformi.

Ad altre 495 sono state mosse critiche di minore entità di natura formale e amministrativa, secondo cifre fornite oggi dal Controllo svizzero del commercio de vini (CSCV) e l'Associazione dei chimici cantonali.

"Le motivazioni principali di una denuncia sono state ancora una volta il taglio non autorizzato del vino e l'errata etichettatura", ha dichiarato il direttore del CSCV Phlippe Hunziker, citato in un comunicato.

I commercianti che si affacciano per la prima volta sul mercato non conoscono a sufficienza le disposizioni in vigore, affermano i due organi di sorveglianza: sulle aziende controllate nel 2015 circa l'80% è stato infatti oggetto di un reclamo. Nella maggior parte dei casi sono state riscontrate irregolarità contabili e a livello di documentazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
7 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
10 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
13 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
SVIZZERA
15 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
15 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
17 ore
Meno di 50 nuovi contagi
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'315. I morti rimangono 1'686.
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Dispersi nella Thur: «Per loro non ci sono più speranze»
I corpi del 30enne e della 26enne sono verosimilmente intrappolati sotto la cascata situata fra Brübach e Henau.
SVIZZERA
19 ore
Richiamate le mountain bike «Rocky Mountain»
I triangoli anteriori potrebbero incrinarsi e dare luogo a incidenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile