SVIZZERA
05.05.15 - 16:080
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Violenza giovanile in calo nel canton Zurigo

ZURIGO - La violenza giovanile è in calo nel canton Zurigo. Fra il 2007 e il 2014 gli atti di violenza fra minorenni nei luoghi pubblici sono diminuiti di circa il 40%. Anche le violenze sessuali fra giovani sono in calo, ma in modo meno marcato. Queste le principali conclusioni di uno studio, il terzo del genere dopo quelli realizzati nel 1999 e nel 2007, realizzato sulla base di interviste a 2500 allievi del nono anno di scuola.

Le tendenze evidenziate dall'indagine, condotta da un gruppo di ricerca del politecnico federale (ETH), trovano un riscontro anche nelle statistiche di polizia, ha sottolineato oggi davanti alla stampa il responsabile dello studio Denis Ribeaud. Stando al criminologo, il calo degli episodi di violenza nei luoghi pubblici può essere spiegato con la maggiore presenza della polizia nei "punti caldi", come pure con le misure di prevenzione lanciate nel cantone.

Rispetto all'inchiesta precedente, i giovani dicono di passare più tempo fra le mura domestiche, ciò che spiegherebbe il calo degli atti di vandalismo e dei furti. Il consumo regolare di alcolici e stupefacenti è inoltre diminuito fra gli allievi all'ultimo anno della scuola dell'obbligo.

Anche gli atti di violenza sessuale sui minori sono diminuiti, ma in questo caso la flessione è stata del 23%. È cambiato il profilo dei degli autori delle aggressioni sessuali: se nel 1999 questi atti erano commessi perlopiù da giovani che frequentavano la stessa scuola, oggi le violenze sessuali avvengono sempre più durante le serate passate fuori di casa. Le vittime sono quasi sempre ragazze.

L'indagine ha affrontato per la prima volta il fenomeno del "cybermobbing", arrivando alla conclusione che si tratta della forma di violenza più frequente fra i più giovani. Anche in questo caso la tendenza è comunque al ribasso.

Gli atti di bullismo attraverso le reti sociali sembrano soppiantare gli episodi di "mobbing" tradizionale e sono spesso commessi dalle stesse persone, sottolinea il responsabile dello studio. In questo caso non ci sono grandi differenze fra i sessi: ragazzi e ragazze sono di volta in volta vittime o responsabili delle violenze.

Stando allo studio, i responsabili delle violenze sono essenzialmente giovani che appartengono a strati sociali svantaggiati, con problemi scolastici o di integrazione. Di qui l'importanza delle misure di prevenzione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Sequestrate diverse armi a due estremisti 19enni
La Polizia è intervenuta questo pomeriggio presso due abitazioni a Winterthur
SVIZZERA
2 ore
Soglia dei 1'000 abbattuta, ma c'è ancora incertezza per i concerti
Mentre lo sport sorride, gli organizzatori di show e festival non sono convinti
SVIZZERA
2 ore
Chiesti 15 e 13 anni di galera per i "genitori dell'orrore"
In aula, i due ex coniugi hanno respinto tutti gli addebiti, accusandosi a vicenda
URI
3 ore
Incidente di lusso sul Passo del San Gottardo: coinvolte una Bugatti e una Porsche
All'origine dell'impatto ci sarebbe stato un tentativo di sorpasso
SVIZZERA
5 ore
Anziani al supermercato, nonostante il virus
Sono tra le persone vulnerabili, ma temono meno la pandemia. È quanto emerge da uno studio del Politecnico di Zurigo
SVIZZERA
5 ore
Sport ed eventi, da ottobre anche più di 1'000 persone
Gli organizzatori dovranno però ricevere l'ok dai cantoni e disporre di severe misure di protezione.
SVIZZERA
5 ore
Anche i contanti fra le vittime del Covid
Dopo il lockdown, il 41% della popolazione ne fa un uso minore. Guadagna terreno l'e-banking
SVIZZERA / BIELORUSSIA
6 ore
Svizzero arrestato a Minsk, il DFAE segue il caso «con grande urgenza»
Il cittadino elvetico è finito in manette in seguito alle proteste esplose nella capitale a causa dei brogli elettorali.
SVIZZERA
6 ore
Prepariamoci a un deficit di 3,1 miliardi a causa del Covid-19
Le uscite straordinarie per la pandemia autorizzate dal Consiglio federale e dal Parlamento ammontano a 30,8 miliardi
SVIZZERA
7 ore
Nel 2019 sette morti per avvelenamento
Tox Info Suisse ha fornito 39'217 consulenze. Il 70% dei casi è dovuto a medicinali, prodotti per la casa e piante
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile