Paure, quattrini e pochi eroi, ma i Giochi sono pura magia
keystone-sda.ch (Noah Berger)
Il brasiliano Italo Ferreira.
+7
TOKYO 2020
21.07.21 - 06:300
Aggiornamento : 12:52

Paure, quattrini e pochi eroi, ma i Giochi sono pura magia

Dubbi e incertezze: venerdì scattano le Olimpiadi con la speranza che sia lo sport a... parlare.

L'obiettivo minimo per la delegazione rossocrociata? Undici medaglie, anche se...

TOKYO - Da Seul in poi, senza andare troppo indietro nel tempo per evitare di impigliarsi in dispettucoli vari da Guerra Fredda, le Olimpiadi hanno sempre avuto un atleta simbolo. Carl Lewis e i suoi avversari nella velocità e nel lungo, il rigidissimo ma efficacissimo Michael Johnson, i giganteschi ma aggraziati Ian Thorpe e Grant Hackett e poi ancora lo squalo (di Baltimora) Michael Phelps e il fulmine (giamaicano) Usain Bolt: ogni estate di Giochi ha regalato ad almeno un campionissimo la gloria eterna. Reduce da un quadriennio o quasi di dominio, ognuno di questi superatleti non è però stato un protagonista per caso: nell’appuntamento olimpico, sul palcoscenico più prestigioso, ha “solo” vista legittimata la sua magnificenza. 

Olimpiadi anomale – In partenza venerdì 23 luglio, Tokyo 2020 non presenta invece sul menù nessun piatto garantito. Ci saranno Katie Ledecky, Simone Biles e Federica Pellegrini, è vero; nessuna di queste – forse un po’ l’italiana – ha però l’appeal dei fenomeni che le hanno precedute. E questa è solo la prima “anomalia” di queste Olimpiadi. Manifestazione che, suo malgrado, oltre che per lo spettacolo che saprà offrire sarà ricordata per l’ombra, ingombrante, portata dal coronavirus. Il ritardo di un anno rispetto al programma iniziale, l’assenza di spettatori (che saranno sostituiti da applausi e urla finti), i tanti controlli da effettuare e ultimo... – ma più importante – il rifiuto degli stessi giapponesi di accogliere il carrozzone, fanno dei Giochi una scomoda quanto ricchissima anomalia. 

Grandi numeri, grandi paure – Perché, se accompagnati da paura e diffidenza, si terranno comunque? Lo spettacolo sarà comunque garantito? Sono queste le due grandi domande che precedono il teatro nipponico. Per rispondere alla prima si deve snocciolare qualche dato. A Tokyo atterreranno circa 10 000 atleti da 207 nazioni. Contando accompagnatori, staff e giornalisti, gli “ospiti” toccheranno invece le 70-80 000 unità, che copriranno 339 eventi sportivi in 42 differenti luoghi. Tante persone e tanto “movimento” sono uno spauracchio per gli ospitanti. Secondo il Japan Times, l’86% dei giapponesi ha paura di una nuova ondata causata da tale invasione, il 40% ha chiesto un’edizione a porte chiuse e il 30% ha sperato fino all’ultimo a una cancellazione. E allora? In ballo ci sono l’onore e soprattutto una montagna di dollari. Nonostante l’abbandono in extremis di molti sponsor (Toyota su tutti), le Olimpiadi sono infatti un vero e proprio tesoro (i soli diritti tv valgono 4,5 miliardi di dollari) che il Giappone e il CIO non si possono permettere di perdere.

Non solo soldi – Alla fine però, e qui siamo alla seconda risposta, non sarà tutto denari e preoccupazioni. Certo, oltre al conto delle medaglie ogni giorno verrà snocciolato il numero dei “positivi”, di quegli atleti che non potranno competere perché finiti in quarantena; come l’Europeo appena terminato, tuttavia, competizione e passione avranno velocemente la meglio sulla paura. Applaudita la cerimonia d’apertura di venerdì, dal giorno seguente – la nostra notte sarebbe meglio dire – si potrà infatti già lasciarsi rapire dal ciclismo, dalla scherma, dal taekwondo, dal sollevamento pesi, dal tiro, dal judo e dall’arco, che assegneranno le prime medaglie. Ricercando un supereroe inaspettato, per due settimane con il suo messaggio di lealtà e unione lo sport sarà totalizzante, monopolizzerà immagini e titoli, levando spazio a coronavirus e affini. Sembra poco? Sarà invece una dolce vittoria. Una piacevole distrazione.

Svizzera, vietato (non) sognare

Undici medaglie: due ori, quattro argenti e cinque bronzi. Sarà questo il bottino di medaglie che, secondo gli esperti, la Svizzera riuscirà a ottenere a Tokyo. Swiss Olympic spera ovviamente di fare meglio; per il momento però non si sbilancia e pensa piuttosto a coccolare i suoi assi e a stimolare i possibili outsider. Le punte di diamante della spedizione sono Simon Marquart e Martin Fuchs, che tra BMX ed equitazione sono i grandi favoriti per il titolo olimpico. Un argento è invece stato pronosticato alla squadra di equitazione, a Mathias Flückiger (MTB), Stefan Küng (ciclismo, nella crono) e Nikita Ducarroz (BMX Freestyle). Un bronzo “dovrebbero” infine metterselo al collo gli spadisti, Giulia Steingruber (volteggio), la judoka Fabienne Kocher, la karateka Elena Quirici e Nina Christen (carabina, 50m). Niente Ticino, oltre a Michele Niggeler? Niente Petrucciani, Ponti o Colombo? Solo Filippo, con un exploit, sembra poter fare il colpaccio. Lui e Ajla Del Ponte che, pur di fronte a rivali fortissime, con la 4x100m ha il diritto di sognare.

SPORT: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STF (Hiro Komae)
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 3 mesi fa su tio
Ma che magia dei giochi: smettiamola con questi luoghi comuni stucchevoli. I Giochi olimpici sono soltanto affari, miliardi di diritti televisivi, gloria mediatica per soddisfare la megalomania di dirigenti olimpici e politici. Speriamo che qualcuno ne decreti l'abolizione, come fece l'impero romano quasi 2000 anni fa. Poi un nobile francese lazzarone ebbe la detestabile idea di reinventarli.
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HCL
2 ore
Il Lugano cala il poker e liquida l'Ajoie
Reduci da due sconfitte, gli uomini di McSorley si sono riscattati superando meritatamente i giurassiani.
HCAP
2 ore
L’Ambrì regola il Langnau e torna alla vittoria
Successo meritato per i biancoblù (3-1), dimostratisi superiori ai Tigrotti in ogni fase della sfida.
MOTOGP
4 ore
Rossi attacca Marquez con le... Iene: «Nel 2015 mi ha fatto perdere il Mondiale»
Il Dottore si è espresso anche a proposito dell'ultima gara disputata a Misano: «È stato un weekend molto emozionante».
COPPA SVIZZERA
6 ore
«Non lo nascondo, nella mia testa un po' penso alla finale...»
Attesa spasmodica in vista dell'ottavo di finale di domani sera tra bianconeri e Young Boys.
FC LUGANO
8 ore
Lugano: confermati Ortelli e Padalino, Beatrice Girelli sarà Team Manager
La società bianconera ha completato l’organigramma dell’area sportiva, sotto la guida del coordinatore Carlos Da Silva
LUGANO
12 ore
«L'aspetto emotivo è quello più duro»
Angelo Renzetti, ormai ex patron bianconero, è tornato sulla cessione del Lugano e ha detto la sua sul PSE.
NHL
13 ore
Serata storica per Gregory Hofmann: primo gol in NHL (più un assist)
L'ex attaccante di Lugano e Ambrì è stato uno dei protagonisti del successo dei Columbus Blue Jackets sui Dallas Stars.
NATIONAL LEAGUE
16 ore
Largo agli U20: il Lugano ne ha finora schierati due, l'Ambrì zero
Il 19enne Joshua Fahrni del Berna è l'Under 20 che ha finora disputato più incontri nella massima serie elvetica (17).
VIDEO
CAF CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
Portiere-assassino: sferra un violento calcio in faccia al povero attaccante
È successo nel match della Champions League africana fra Esperance Tunisi e Al-Attihad Tripoli. Guarda il video...
GALLERY
LIGUE 1
1 gior
Follia a Marsiglia, Neymar protetto dagli scudi per battere un calcio d’angolo
Spettacolo indecoroso durante il match di Ligue 1 giocato a Marsiglia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile