TiPress
BB/BN BEST EVER
31.08.17 - 08:480
Aggiornamento : 15:31

I primissimi passi di Cereda: «L'esordio in LNA? La chiamata mentre ero in gita scolastica...»

Luca Cereda, giovane ricco di talento e di classe, aveva debuttato nella prima squadra dell'Ambrì nella stagione 1998-99

AMBRÌ - Nel settembre del 1998 Luca Cereda debuttava in LNA. Emozioni a iosa, "tremarella" alle gambe e un sogno che si avverava: l'allora 17enne era pronto a vivere le bellissime sensazioni di una partita vera con la prima squadra nella sua seconda casa, la Valascia.

Il suo enorme potenziale non era passato inosservato e Larry Huras aveva dunque deciso di farlo esordire. Nel suo primo campionato con la squadra dei "grandi" Cereda aveva messo a bilancio già 22 punti in 53 incontri. Insomma un bel bottino per un "giovincello" alle prime armi. 

Oltre alla maglia dell'Ambrì Luca Cereda in Svizzera ha difeso i colori del Berna tra il 2003 e il 2005 vincendo un titolo. L'attuale coach biancoblù nella sua carriera ha pure disputato 182 partite in AHL, condite da 43 punti. Nel mese di luglio del 2007 l'addio all'hockey giocato - in via precauzionale - dopo un'operazione al cuore subita nel 2000. 

Luca Cereda, cosa ricordi del tuo esordio in LNA?
«Era il classico sogno che si coronava. Il mio esordio nella massima serie era coinciso con la prima partita casalinga dell'Ambrì. Prima del match ero chiaramente molto emozionato, ma una volta disputato il primo cambio tutto era filato via liscio. Mi ricordo che da bambino si giocava sempre a hockey in cortile. Guardando la squadra in TV non potevi non sognare un giorno di essere tu lì al loro posto».

Chi aveva deciso che era giunto il momento di Luca Cereda? 
«C'erano sempre dei giovani che durante l'estate si aggregavano alla prima squadra. Nel mio caso il mese di agosto era andato molto bene, avevo mostrato buone cose. Mi ricordo che si era fatto male Manuele Celio subito alla prima partita e, per questo, il club mi aveva chiesto di riaggregarmi alla prima squadra. Mi ricordo pure che la chiamata era arrivata mentre ero in passeggiata scolastica. In quel momento le emozioni erano davvero tante. Mi avevano infatti già preannunciato che, probabilmente, avrei giocato il giorno dopo...». 

E di Larry Huras cosa ti ricordi?
«Era un tecnico preparato sotto ogni punto di vista, lavorava tanto e studiava molto sia la sua squadra che gli avversari. Erano i primi tempi che si usava il video e lui ne faceva un uso eccezionale. Inoltre aveva il pregio che coinvolgeva molto lo spogliatoio...». 

Quello della stagione 1998-98 era un gruppo eccezionale spinto da due mostri sacri come Petrov e Di Pietro...
«In generale era un gruppo davvero molto forte. Petrov era forse l'anima lavoratrice della squadra, investiva molte risorse nell'hockey sia sul ghiaccio che fuori. Di Pietro invece era l'anima un po' più pazza. Riusciva a risvegliare le emozioni e, in questo senso, vi posso dire che era davvero micidiale...». 

Nel luglio del 2007 Luca Cereda, in una conferenza stampa, annunciava l'addio all'hockey giocato a causa di un problema al cuore. Ti capita ancora di pensare alla tua carriera da giocatore interrotta prematuramente?
«No, onestamente non ci ho mai pensato più di tanto. Il dover smettere di giocare mi ha chiuso alcune porte, ma allo stesso tempo me ne ha aperte tante altre. Cerco di guardare il lato positivo, non è una cosa che ho scelto io e quindi ho dovuto accettarla. Se non avessi smesso così presto, oggi non sarei l'allenatore dell'Ambrì...». 

Qual è stato secondo te l'Ambrì più forte: quello del 1997/98 o quello del 1998/99? Rispondi votando nel sondaggio

Commenti
 
TOP NEWS Sport
EUROPA LEAGUE
2 ore
A Kiev ultimo giro di giostra europeo per il Lugano
Questa sera alle 18.55 il Lugano giocherà sul campo della Dinamo Kiev la sua sesta partita in EL
CHAMPIONS LEAGUE
10 ore
Atletico promosso, Juve vittoriosa in Germania
I ragazzi di Diego Simeone hanno battuto 2-0 la Lokomotiv Mosca, staccando il pass per gli ottavi. Con il medesimo risultato gli italiani hanno sbancato Leverkusen, costringendo i tedeschi all'EL
CHAMPIONS LEAGUE
12 ore
Atalanta, è un grandissimo exploit: ecco gli ottavi
Freuler e compagni si sono imposti per 3-0 in Ucraina contro lo Shakhtar Donetsk, centrando la qualificazione alla fase successiva della Champions
MOTOMONDIALE
14 ore
«Valentino Rossi? Non parlo. Marquez vincerà più di dieci Mondiali»
Max Biaggi ha pronosticato un futuro luminosissimo allo spagnolo. E anche al rampante Quartararo
NATIONAL LEAGUE
17 ore
«Schlegel via? Abbiamo colto l'opportunità»
Perché il Berna ha lasciato partire un portiere giovane e con ancora un anno e mezzo di contratto? Alex Chatelain: «Scelta condivisa e vantaggiosa per tutti»
SERIE A
20 ore
Lacrime per Ancelotti, 750'000 euro (per nemmeno sette mesi) per Gattuso
Il ribaltone di Napoli ha visto Carletto lasciare tra i pianti dei giocatori e Rino arrivare atteso da un lauto compenso
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
23 ore
Behrami l'italiano tra scuse e poca fame: «Non si sputa nel piatto dove si è mangiato»
Via da Nazionale e Sion (dove ha rinunciato a 1,5 milioni), Valon ha vissuto mesi turbolenti. Arno Rossini: «Lui un po' ruffiano. Da ex capitano della Svizzera non puoi tifare Italia»
HOCKEY
1 gior
«Non c'è limite ai sogni...»
Christian Stucki vede la luce in fondo al tunnel: «Nella mia testa ci sono già i prossimi obiettivi»
CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
L'Inter s'inchina al Barça e saluta la Champions: avanza il Dortmund di Favre
I blaugrana gelano San Siro e spediscono Conte in Europa League (2-1). Sorride il Borussia Dortmund, promosso grazie al 2-1 sullo Slavia Praga. Piange l'Ajax, superato dal Valencia
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
1 gior
Bienne, epilogo amarissimo! Out anche Zugo e Losanna
Quarti di Champions da incubo: fuori tutte le elvetiche. Il Bienne è stato eliminato all'overtime dal Frölunda, i Tori si sono arresi al Mountfield (0-4). Losanna ko col Lulea (5-2)
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile