GRENOBLE
13.02.14 - 17:540
Aggiornamento : 25.11.14 - 07:52

La famiglia Schumacher "crede nella guarigione"

La portavoce dell'ex pilota di Formula 1 ha parlato da Grenoble spiegando come i parenti di Schumi abbiano piena fiducia nei medici

GRENOBLE (Francia) – Nonostante le recenti preoccupazioni sulle condizioni fisiche di Schumacher – in coma da 46 giorni –la famiglia “continua a credere molto decisamente nella guarigione”.

Sono state queste le parole della portavoce dell’ex pilota di Formula 1, Sabine Kehm, presso l’Ospedale di Grenoble dove Schumi è ricoverato ormai dallo scorso 29 dicembre.

“La famiglia di Schumi – si legge nella nota – vuole ringraziare tutti per i continui messaggi che arrivano da ogni parte del mondo. Gli auguri aiutano la famiglia e, siamo convinti, anche Michael, ancora alle prese con il processo di risveglio dal coma. Siamo consapevoli che questa fase possa durare per molto tempo. La famiglia ripone piena fiducia nell'equipe medica, negli infermieri, nei paramedici. L'importante non è la rapidità del procedimento, ma che esso vada avanti in modo continuo e controllato”.

Nel frattempo pare che la polmonite che ha colpito Schumacher negli ultimi giorni, non dovrebbe rappresentare più un pericolo.

 

 

Commenti
 
TOP NEWS Sport
NAZIONALE
5 ore

Svizzera già certa di disputare le Olimpiadi

La selezione rossocrociata, grazie ai risultati ottenuti ai Mondiali in Slovacchia, ha già strappato il pass per la kermesse a 5 cerchi del 2022

CICLISMO
7 ore

«Doping? Non era legale, ma non cambierei nulla»

Lance Armstrong, vincitore di 7 Tour de France (poi revocati): «Abbiamo fatto quello che dovevamo per vincere. Molti errori hanno portato al più grande scandalo nella storia dello sport»

TENNIS
10 ore

La rottura con la Vekic? Stan se la ride: «Ci sono stati molti cambi durante la mia carriera»

Wawrinka ha svicolato davanti alle domande riguardanti l'addio a Donna Vekic: «Non è solo la mia vita privata ad influenzare il mio tennis e quel che succede sul campo»

SUPER LEAGUE
13 ore

Lugano, cuore a Cornaredo, testa a Berna? «Il rischio è quello di non giocare la partita»

Fabio Celestini ha messo in guardia i suoi in vista della sfida al GC: «Comprensibile un 10% di distrazione: se arrivassimo ad avere il 50% di testa qui e l'altro al Lucerna non andrebbe bene»

SUPER LEAGUE
17 ore

Vincere non basta ma il Lugano spera

Non è più in pole position, non è più padrone del suo destino, in vista dell'ultima corsa dell'anno il Lugano ha in ogni caso un posto privilegiatissimo sulla griglia di partenza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report