COL Avalanche
3
TB Lightning
4
fine
(1-0 : 1-3 : 1-0 : 0-1)
COL Avalanche
NHL
3 - 4
fine
1-0
1-3
1-0
0-1
TB Lightning
1-0
1-3
1-0
0-1
1-0 BURAKOVSKY
5'
 
 
 
 
25'
1-1 KILLORN
 
 
26'
1-2 GAUNCE
 
 
34'
1-3 STAMKOS
2-3 MACKINNON
39'
 
 
3-3 NICHUSHKIN
53'
 
 
 
 
64'
3-4 KUCHEROV
5' 1-0 BURAKOVSKY
KILLORN 1-1 25'
GAUNCE 1-2 26'
STAMKOS 1-3 34'
39' 2-3 MACKINNON
53' 3-3 NICHUSHKIN
KUCHEROV 3-4 64'
Ultimo aggiornamento: 18.02.2020 06:28
CARNET NOIR
18.07.15 - 10:200
Aggiornamento : 17:15

"Jules ha lottato ma non ce l'ha fatta. Il nostro dolore è immenso e indescrivibile"

La famiglia Bianchi è ovviamente distrutta in seguito al decesso del pilota 25enne

NIZZA (Francia) - Il suo Gran Premio più importante è finito troppo presto, a soli 25 anni. Jules Bianchi si è "ritirato" da questa gara difficile, ma non senza lottare. Il pilota francese è morto nella notte nell’ospedale di Nizza dove era ricoverato in stato di coma dall’incidente avuto al Gp del Giappone dello scorso ottobre.

Ne hanno dato l’annuncio i familiari. Bianchi, che aveva 25 anni, era in stato di incoscienza dal 5 ottobre, quando ebbe l’incidente nel circuito di Suzuka: "Jules ha combattuto fino all'ultimo, come ha sempre fatto, ma oggi la sua battaglia è giunta al termine. Il nostro dolore è immenso ed indescrivibile". Dopo mesi di coma, lunedì scorso, il padre del giovane pilota aveva detto di essere «meno ottimista» sulla possibilità che il figlio potesse riprendersi.

La Formula 1 ora piange quel ragazzo di 25 anni che ha avuto la forza di resistere nove mesi dopo il fatale crash contro la gru che stava spostando la Sauber di Adrian Sutil, incidentata poco prima sotto la pioggia alla conclusione del Gp del Giappone. Correva per la Marussia, ma era un pilota della Ferrari Driver Academy che aveva la speranza di salire prima o poi sulla Rossa. Nella sua carriera ha disputato 34 Gran premi ottenendo 2 punti nel mondiale proprio lo scorso anno a Monte Carlo, due punti vitali per l'esistenza del suo team ora diventato Manor Grand Prix.

Di seguito il comunicato della famiglia di Jules, primo pilota morto in F1 per un incidente dopo Ayrton Senna, pubblicato da formulapassion.it:

“È con profondo dolore che i genitori di Jules Bianchi, Philippe e Christine, suo fratelllo Tom, e sua sorella Mélanie, desiderano comunicare che Jules è morto la scorsa notte al Centro Ospedaliero Universitario di Nizza, dove era ricoverato a seguito dell’incidente del 5 ottobre 2014 a Suzuka durante il GP del Giappone di Formula 1. Jules ha lottato fino alla fine, come ha sempre fatto, ma oggi la sua battaglia è arrivata alla fine. Il dolore che proviamo è immenso e indescrivibile. Vogliamo ringraziare lo staff medico del CHU di Nizza che lo ha curato con amore e dedizione. Vogliamo anche ringraziare lo staff del General Medical Center nella prefettura di Mie, che ha assistito Jules subito dopo l’incidente, così come tutti gli altri dottori che si sono presi cura di lui negli ultimi mesi. Inoltre, ringraziamo i colleghi di Jules, gli amici, i tifosi e tutti coloro che hanno dimostrato il loro affetto per lui nel corso degli ultimi mesi; questo ci ha dato grande forza e ci ha aiutato ad affrontare questi momenti difficili. Sentire e leggere i numerosi messaggi ci ha fatto comprendere quanto Jules avesse toccato il cuore e le menti di così tante persone nel mondo. Vorremmo chiedere che la nostra privacy venga rispettata in questo momento difficile, mentre cerchiamo di fare i conti con la perdita di Jules”.

Commenti
 
TOP NEWS Sport
NATIONAL LEAGUE
5 min
3x2 con vista sui playoff: il Lugano serve (due volte) per il match
Negli scontri diretti con Friborgo e Berna, i bianconeri possono chiudere i conti. Devono farlo, per non correre rischi
SUPER LEAGUE
9 ore
«Per Janga parlerà il campo, ma l'impressione è ottima. Crnigoj? Fuori dal progetto»
Il presidente Angelo Renzetti ha commentato l'arrivo dell'attaccante: «È un prestito con diritto di riscatto. Spero di vederlo già col Sion»
PREMIER LEAGUE
11 ore
Chi ha preso più cartellini in Premier? Granit Xhaka
Il centrocampista elvetico ha rimediato la bellezza di 27 cartellini gialli negli ultimi due anni e mezzo, nessuno ha fatto peggio di lui
SUPER LEAGUE
14 ore
Ufficiale: Janga rinforza il Lugano
L'attaccante 27enne arriva in prestito dall'Astana fino al 30 giugno 2020
HCAP
17 ore
Grande carattere e un po' di frustrazione: l'Ambrì non molla, ma raccoglie poco
I generosi biancoblù, sempre incerottati, sono reduci da due sconfitte oltre il 60'. Ancora 4 fatiche, poi si tireranno le somme: la lotta continua
FOTO
HCL
18 ore
Lugano, ecco Ryno per la prima volta sul ghiaccio
In questa stagione il 33enne ha totalizzato 15 punti in 30 partite con il Färjestad
VIDEO
PRIMEIRA LIGA
20 ore
Offeso e arrabbiato abbandona il campo: «Andate a farvi f******»
È successo a Moussa Marega del Porto nella sfida di campionato contro il Guimaraes
SUPER LEAGUE
21 ore
Lugano, sacrificio e giuste soluzioni: bel sospiro di sollievo 
I bianconeri, al quarto tentativo, hanno colto con merito il primo prezioso successo del 2020. YB piegato e +7 sulle ultime della classe
HCL
1 gior
Dopo gli acuti un'occasione persa
Steso il Losanna e compiuto un altro passo verso i playoff, sabato il Lugano si è fermato al cospetto del Ginevra. Resta accesa la lotta per la top-8
STOP AND GO
1 gior
Ambrì "a pezzi" ma combattivo come sempre, Lugano (quasi) al riparo da brutte sorprese
In National League c'è un Langnau che sembra non averne più ed è scivolato sotto la linea
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile