Keystone
RUSSIA 2018
15.07.18 - 21:160
Aggiornamento : 16.07.18 - 15:03

«È meraviglioso, un successo che arriva da lontano»

Didier Deschamps ha commentato la vittoria della sua Francia, in finale contro la Croazia. L'amarezza di Dalic: «Il rigore? In una finale Mondiale...»

MOSCA (Russia) - Alla fine a Mosca è stata la Francia ad alzare al cielo la Coppa del Mondo, il trofeo più ambito per ogni calciatore. La classica Coppa che si sogna sin da bambino. 

Il timoniere dei transalpini risponde al nome di Didier Deschamps, il quale oggi ha vinto il suo secondo Mondiale dopo quello messo in bacheca da calciatore 20 anni fa: «È tutto così bello, meraviglioso. Alcuni di questi ragazzi sono campioni del mondo a 19 anni. Non abbiamo messo in pratica un grande gioco ma abbiamo mostrato grande qualità a livello mentale, segnando comunque quattro gol. È una vittoria meritata».

Didier Deschamps è al settimo cielo e si gode la vittoria, due anni dopo aver perso la finale dell'Europeo contro il Portogallo di Ronaldo... «Siamo partiti da lontano: non è stato sempre facile ma con il duro lavoro siamo arrivati sin qui, sul tetto del mondo. È stato molto doloroso perdere l'Europeo ma ci ha fatto crescere. Abbiamo esorcizzato questo evento. Questo momento di gioia è dei giocatori». 

Questo invece il commento di Griezmann, autore del momentaneo 2-1 su rigore: «Sono davvero felice. È stata una partita molto difficile perché la Croazia ha fatto una grande gara. Non vediamo l'ora di portare la coppa in Francia». 

Dalla parte degli sconfitti il selezionatore della Croazia Zlatko Dalic è comunque fiero del percorso dei suoi: «Ho detto ai miei giocatori che devono camminare a testa alta. Devono essere orgogliosi di quello che hanno fatto in questo Mondiale. Il modo con cui abbiamo giocato è stato fantastico. Abbiamo messo in pratica un ottimo calcio. Chiaro che risulta difficile vincere una partita subendo quattro reti. Devo comunque fare i complimenti ai miei giocatori, forse è stata la miglior partita giocata in Russia. Onore ai nostri avversari. Questo è il calcio. Il rigore? Penso che in una finale del Mondiale non si può concedere un penalty del generale. Ad ogni modo rispetto molto il VAR e penso sia positivo per il calcio».

Sul suo futuro Dalic ha preferito non esprimersi: «Ora vado a casa e penso soltanto a riposare...».

Infine da segnalare che Modric è stato eletto miglior giocatore dei Mondiali, Courtois si è distinto fra i portieri, mentre Mbappé come miglior giovane.

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Onofelix Camponovo 1 anno fa su fb
Doveva vincere la ?? Croazia ??
moma 1 anno fa su tio
Come ci si ricorderà sempre della Croazia 1998, terza al mondiale francese.
Serfol71 1 anno fa su tio
Si dice che nello sport si ricordano solo i vincitori...ma stavolta no... Sono convinto che anche tra 50 anni ci si ricorderà che i mondiali 2018 sono stati i mondiali della Croazia....
Nunzia Conte Iorio 1 anno fa su fb
?
Norvegianviking 1 anno fa su tio
Complimenti alla Francia...che però ha giocato col tanto vituperato gioco all'italiana. Ossia catenaccio e contropiede. Avrei preferito avessero alzato il trofeo i croati, hanno fatto un bellissimo mondiale e giocato bene. E sarebbe stato un successo al di fuori delle "solite Germania Brasile Italia o Argentina. Pazienza..
Zico 1 anno fa su tio
@Norvegianviking il catenaccio se hai gente che viaggia a 100 all'ora funziona ancora ed alla grande.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
1 ora
Nuovo attaccante a Lugano: biennale ad Herburger
Il centro austriaco - già visto in Svizzera con la maglia del Bienne - giocherà in bianconero nel 2020/21 e 2021/22
Hockey
3 ore
L'Ambrì è dietro (solo) al Ginevra: gli stranieri delle Aquile hanno più... NHL nelle gambe!
Gli unici tre ad aver vinto la Stanley Cup sono invece Viktor Stalberg del Friborgo, Eric Fehr del Ginevra e Markus Krüger dei Lions (due volte)
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
6 ore
Napoli raso al suolo, «ADL regista occulto, sarà rivoluzione»
La polveriera partenopea è pronta a esplodere. Arno Rossini: «Ancelotti è inattaccabile e comunque non se ne andrà: un allenatore non si dimette mai»
TENNIS
13 ore
Nole cade contro Thiem: con Federer sarà un duello da brividi
Novak Djokovic ha perso l'entusiasmante braccio di ferro con l'austriaco, vittorioso (5)6-7, 6-3, 7-6(5). Giovedì King Roger sfida il serbo per un posto nelle semifinali alle Atp Finals
HCL
15 ore
Lugano senza argomenti: a Zurigo arriva il quarto ko consecutivo
I bianconeri sono stati “suonati” 7-2 da Bodenmann (tripletta) e compagni. Nello stesso tempo il Friborgo ha steso il Ginevra all'overtime (2-1): Sprunger match-winner
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
15 ore
Lulea padrone nella Capitale: Berna battuto 3-0
Brutto ko interno per gli Orsi di Jalonen, piegati dagli svedesi nell'andata degli ottavi di finale. Ottima operazione del Losanna, vittorioso 2-1 in casa del Plzen. Buon pari per Zugo e Bienne
FORMULA 1
18 ore
Niente Formula 1: Mick Schumacher bocciato (per ora)
Reduce da una stagione deludente, il tedesco non ha ricevuto chiamate dal piano superiore
TENNIS
21 ore
King Roger resta in corsa, affondato Berrettini
Il fuoriclasse renano supera 7-6(2), 6-3 l'italiano e resta in corsa per un posto in semifinale alle ATP Finals
TENNIS
22 ore
"Hai perso perché ti sei sposato?" e il Nadal furioso sbrocca: "Str***ate"
Nervoso dopo la sconfitta incassata da Alexander Zverev, in conferenza stampa Rafa Nadal ha dovuto fronteggiare una domanda non troppo sensata di Ubaldo Scanagatta
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«Lavoro per guadagnarmi più ghiaccio. Futuro? Aperto a ogni possibilità»
Il Friborgo, dopo un avvio complicato e il cambio di coach a inizio ottobre, ha dato segnali di crescita e inanellato 3 vittorie prima della sosta. Lhotak: «Vogliamo continuare in questa direzione»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile