Keystone
RUSSIA 2018
15.07.18 - 21:160
Aggiornamento : 16.07.18 - 15:03

«È meraviglioso, un successo che arriva da lontano»

Didier Deschamps ha commentato la vittoria della sua Francia, in finale contro la Croazia. L'amarezza di Dalic: «Il rigore? In una finale Mondiale...»

MOSCA (Russia) - Alla fine a Mosca è stata la Francia ad alzare al cielo la Coppa del Mondo, il trofeo più ambito per ogni calciatore. La classica Coppa che si sogna sin da bambino. 

Il timoniere dei transalpini risponde al nome di Didier Deschamps, il quale oggi ha vinto il suo secondo Mondiale dopo quello messo in bacheca da calciatore 20 anni fa: «È tutto così bello, meraviglioso. Alcuni di questi ragazzi sono campioni del mondo a 19 anni. Non abbiamo messo in pratica un grande gioco ma abbiamo mostrato grande qualità a livello mentale, segnando comunque quattro gol. È una vittoria meritata».

Didier Deschamps è al settimo cielo e si gode la vittoria, due anni dopo aver perso la finale dell'Europeo contro il Portogallo di Ronaldo... «Siamo partiti da lontano: non è stato sempre facile ma con il duro lavoro siamo arrivati sin qui, sul tetto del mondo. È stato molto doloroso perdere l'Europeo ma ci ha fatto crescere. Abbiamo esorcizzato questo evento. Questo momento di gioia è dei giocatori». 

Questo invece il commento di Griezmann, autore del momentaneo 2-1 su rigore: «Sono davvero felice. È stata una partita molto difficile perché la Croazia ha fatto una grande gara. Non vediamo l'ora di portare la coppa in Francia». 

Dalla parte degli sconfitti il selezionatore della Croazia Zlatko Dalic è comunque fiero del percorso dei suoi: «Ho detto ai miei giocatori che devono camminare a testa alta. Devono essere orgogliosi di quello che hanno fatto in questo Mondiale. Il modo con cui abbiamo giocato è stato fantastico. Abbiamo messo in pratica un ottimo calcio. Chiaro che risulta difficile vincere una partita subendo quattro reti. Devo comunque fare i complimenti ai miei giocatori, forse è stata la miglior partita giocata in Russia. Onore ai nostri avversari. Questo è il calcio. Il rigore? Penso che in una finale del Mondiale non si può concedere un penalty del generale. Ad ogni modo rispetto molto il VAR e penso sia positivo per il calcio».

Sul suo futuro Dalic ha preferito non esprimersi: «Ora vado a casa e penso soltanto a riposare...».

Infine da segnalare che Modric è stato eletto miglior giocatore dei Mondiali, Courtois si è distinto fra i portieri, mentre Mbappé come miglior giovane.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Onofelix Camponovo 1 anno fa su fb
Doveva vincere la ?? Croazia ??
moma 1 anno fa su tio
Come ci si ricorderà sempre della Croazia 1998, terza al mondiale francese.
Serfol71 1 anno fa su tio
Si dice che nello sport si ricordano solo i vincitori...ma stavolta no... Sono convinto che anche tra 50 anni ci si ricorderà che i mondiali 2018 sono stati i mondiali della Croazia....
Nunzia Conte Iorio 1 anno fa su fb
?
Norvegianviking 1 anno fa su tio
Complimenti alla Francia...che però ha giocato col tanto vituperato gioco all'italiana. Ossia catenaccio e contropiede. Avrei preferito avessero alzato il trofeo i croati, hanno fatto un bellissimo mondiale e giocato bene. E sarebbe stato un successo al di fuori delle "solite Germania Brasile Italia o Argentina. Pazienza..
Zico 1 anno fa su tio
@Norvegianviking il catenaccio se hai gente che viaggia a 100 all'ora funziona ancora ed alla grande.
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
8 ore
«Non ci fermeremo in caso di contagio»
Chase Carey ha spiegato le linee guida in vista della partenza della Formula 1 prevista per il 5 luglio
SUPER LEAGUE
10 ore
Il Sion non ci sta: i vallesani vogliono impedire la ripresa
Christian Constantin ha chiesto alla COMCO di aprire un'inchiesta contro la SFL per abuso di posizione dominante
CHAMPIONS LEAGUE
13 ore
Gasperini e le confessioni shock: il Valencia si rivolge all'UEFA
Il Valencia, dopo le dichiarazioni del tecnico («Il giorno prima della partita stavo male») vuole l'intervento dell'UEFA
SUPER LEAGUE
15 ore
Tramezzani-Sion: è fatta
Firmato un accordo valido fino al termine della corrente stagione
SUPER LEAGUE
19 ore
Missione salvezza: «Così ci sarà vera competizione»
Il dado è tratto: nel weekend del 19-21 giugno riparte la Super League. Rapp: «Giochiamo, caldo e orari non preoccupano»
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
23 ore
L’Icardi scontato e le vetrine di Wanda Nara
50 milioni (più bonus): poco o tanto per l’attaccante argentino?
LIGUE 1
1 gior
«Ridurmi il salario del 30%? Sono un padre di famiglia»
Dimitri Payet guadagna 500'000 euro al mese: «Come tutti ho degli impegni da onorare, la mia posizione era già chiara»
TENNIS
1 gior
«Federer o Nadal? Il più forte è chiaramente Djokovic»
«Pagherei il biglietto per guardare Roger, che ha più classe, e poi Rafa, ma Nole è un fenomeno su tutte le superfici»
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
1 gior
«Spettatori importantissimi ma non indispensabili»
Zurigo, Zugo, Davos, Ginevra e Bienne ai nastri di partenza di una competizione incerta.
SUPER LEAGUE
1 gior
Covid-19, il Sion si allena senza il mister
Ricardo Dionisio Pereira, tecnico dei vallesani, è uno dei 5 elementi entrati in contatto con il coronavirus
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile