KUDERMETOVA V. (RUS)
0
BENCIC B. (SUI)
1
2 set
(4-6 : 4-3)
KUDERMETOVA V. (RUS)
0 - 1
2 set
4-6
4-3
BENCIC B. (SUI)
4-6
4-3
WTA-S
DOHA QATAR
Winner plays Mertens or Putintseva.
Ultimo aggiornamento: 25.02.2020 17:06
Keystone
RUSSIA 2018 - CORREVA L'ANNO
26.06.18 - 16:300

Dalla pioggia di gol in Svizzera all'eliminazione (da primato) nel 2006

Il 26 giugno 2006, ai Mondiali in Germania, la selezione di Köbi Kuhn venne estromessa dall'Ucraina ai calci di rigore. Nel 1954 il rocambolesco ko ai quarti contro l'Austria

MOSCA (Russia) - Quando un primato sulla carta invidiabile non regala le gioie sperate: stiamo parlando del record della Svizzera che, il 26 giugno 2006 - ai Mondiali in Germania - venne eliminata dall’Ucraina ai calci di rigore dicendo addio alla rassegna iridata senza aver subito nemmeno un gol in 390' di gioco (più recuperi). Dopo il pareggio a reti inviolate nell’esordio contro la Francia, i rossocrociati liquidarono senza problemi Togo (2-0) e Corea del Sud (2-0), qualificandosi agli ottavi. A quel punto si presentò l’Ucraina sulla strada della squadra allenata da Kuhn, ma non bastarono 120 minuti per sbloccare l’equilibrata contesa. Ai calci di rigore la Svizzera ne sbagliò tre su tre, mentre l’Ucraina ne trasformò tre su quattro eliminando la Nati, passata comunque agli annali per essere uscita da un Mondiale con la porta - difesa da Pascal Zuberbühler - inviolata.

Diametralmente opposti i record dello spettacolare Mondiale del 1954 svoltosi in Svizzera: rassegna sicuramente ricordata per le tante reti messe a segno. Mai un pareggio a reti bianche e soltanto due gare decise con il minimo scarto, tanto da far ricordare questo Mondiale come quello con la media gol più alta, ben 5,38 a partita.

Tutto questo favorito dalle due gare in cui sono state realizzate più reti nella storia dei Mondiali. Il 26 giugno andò in scena il quarto di finale tra i padroni di casa della Svizzera e l’Austria, terminato 5-7. Qualche giorno prima, invece, nel girone eliminatorio tra quelle che sarebbero state poi le due finaliste del torneo, l’Ungheria trascinata da Kocsis affondò la Germania Occidentale per 8-3, con i tedeschi che si rifaranno però in finale conquistando il trofeo. L’Aranycsapat, la ”squadra d’oro” ungherese, vanterà alla fine del torneo una media realizzativa altissima, record di gol in una singola edizione: 5,4 a partita per un totale di 27 reti messe a segno. La Cenerentola del torneo, invece, sarà la Corea del Sud: suo il – non invidiabile – record di reti subite in un Mondiale, ben 16 in due sole apparizioni.

Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NAZIONALE
42 min
Petkovic è carico: «Cari tifosi, sono fiero di continuare questa avventura con voi»
Il presidente Blanc: «Non ha mai fallito la qualificazione ai grandi tornei e ha dato una certa continuità ai risultati»
NAZIONALE
2 ore
Petkovic-Svizzera: si continua
Il 56enne selezionatore, in sella dal 2014, rimarrà sulla panchina della Nazionale almeno fino al 2022
NAZIONALE
5 ore
E la Svezia ci è andata una volta ancora di traverso...
Grande gioia per l'argento conquistato o enorme delusione per l'oro mancato? Chiedetelo ai finalisti del Mondiale 2018
HCL
7 ore
Playoff sì, playoff no: Lugano, sono giorni di fuoco
Regna ottimismo, ma non troppo. Parola a Bottani, Gautschi, Cantoni e Conne
NATIONAL LEAGUE
10 ore
Giocano le altre, il Lugano guarda e "gufa"
Questa sera saranno in pista Friborgo, Losanna e Berna, le rivali che potrebbero estromettere i bianconeri dai playoff
LOS ANGELES
18 ore
Lo schianto mortale per negligenza, la vedova di Kobe Bryant va in tribunale
Durante la celebrazione per marito e figlia, Vanessa Laine ha ammesso di aver fatto causa alla società di trasporto
MERCATO
20 ore
Dzemaili in fuga dalla Cina: futuro al Benevento?
La promozione dei campani nella massima serie è vicinissima: il primo rinforzo potrebbe essere proprio l'elvetico
NAZIONALE
23 ore
Petkovic: è rinnovo
Ormai sembra certo: il selezionatore elvetico piloterà la Svizzera almeno fino al 2022
HCAP
1 gior
Ambrì ultima fermata della carriera di Upshall
Il canadese, reduce da un'esperienza alla Valascia, ha deciso di appendere i pattini al chiodo
MOTOMONDIALE
1 gior
Honda in "crisi"? I Marquez: «Non siamo contenti»
A meno di due settimane dal via del Mondiale Marc e Alex non stanno certo brillando
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile