Detroit Red Wings
4
Seattle Kraken
3
fine
(0-0 : 2-2 : 1-1 : 0-0 : 1-0)
TOR Leafs
8
COL Avalanche
3
fine
(3-1 : 2-1 : 3-1)
OTT Senators
2
VAN Canucks
6
fine
(1-1 : 0-2 : 1-3)
ANA Ducks
0
VEGAS Knights
0
1. tempo
(0-0)
EDM Oilers
2
PIT Penguins
1
1. tempo
(2-1)
Detroit Red Wings
4
Seattle Kraken
3
fine
(0-0 : 2-2 : 1-1 : 0-0 : 1-0)
TOR Leafs
8
COL Avalanche
3
fine
(3-1 : 2-1 : 3-1)
OTT Senators
2
VAN Canucks
6
fine
(1-1 : 0-2 : 1-3)
ANA Ducks
0
VEGAS Knights
0
1. tempo
(0-0)
EDM Oilers
2
PIT Penguins
1
1. tempo
(2-1)
Tipress, archivio
Sannitz nel 2006, momento in cui è salito sul tetto svizzero per la seconda volta.
+5
LUGANO
10.06.21 - 08:000
Aggiornamento : 14:00

Sannitz "lascia" nel segno del... 38: «Ora inizia la mia seconda carriera»

Il 38enne, numero 38 del Lugano - autore anche di 38 punti totali con la maglia della Nazionale - ha deciso di smettere.

La sua maglia verrà ritirata e nessun giocatore bianconero potrà più indossarla: «I ricordi riaffiorano di continuo e mi rendo conto di aver vissuto davvero tante emozioni in 22 anni di hockey».

LUGANO - Raffaele Sannitz ha deciso di appendere i pattini al chiodo dopo 22 stagioni da professionista. Il 38enne ticinese aveva esordito nella massima serie svizzera – a soli 16 anni – nel campionato 1999/2000 dopodiché ha convolato a nozze con il Lugano, legandosi ai colori bianconeri praticamente per tutta la sua carriera.

Sono infatti state solo due le parentesi lontane dal Ticino: nel 2004/2005 e nel 2012/2013. La prima volta – draftato in NHL dai Columbus Blue Jackets (2001) – ha tentato l'avventura nordamericana, disputando il campionato di AHL con i Syracuse Crunch. Nella seconda esperienza lontano da Lugano ha invece difeso per un anno i colori del Kloten. «Non è stata una scelta semplice», ha analizzato Sannitz. «Ho però valutato bene ogni aspetto e sono giunto a questa conclusione. Sono sempre stato consapevole che prima o poi ci sarebbe stata una fine e malgrado io sia ancora fisicamente in salute, ho sentito che era arrivato il momento di smettere. Ho 38 anni e sono sceso sul ghiaccio ad alti livelli per 22: non avrei potuto chiedere di più, sono sereno».

Con i bianconeri l'ormai ex attaccante ha conquistato due campionati nazionali (2003 e 2006), realizzando anche – la seconda volta – il gol decisivo nell'ultimo match della finalissima dei playoff. Oltre a questo ha vestito la maglia della Nazionale svizzera in 103 occasioni (38 punti), prendendo anche parte a quattro Mondiali e a un'Olimpiade. «Sotto certi aspetti non è stato così difficile dire basta, anche perché sono davvero soddisfatto e fiero della mia carriera. Come giocatore ho dato il massimo e alla fine, in questo contesto, ho praticamente realizzato tutti i miei sogni. Ho militato nel Lugano – e l'ho fatto per 20 stagioni – ho vinto il campionato con la mia squadra del cuore, sono stato draftato in NHL e – infine – ho giocato in campo internazionale con la Nazionale elvetica, prendendo parte a tornei importanti. Non ho nessun rimpianto».

Sannitz chiude così la sua avventura a Lugano dopo 900 partite – fra regular season e playoff – condite da 344 punti (*fonte Eliteprospects.com). Si tratta del secondo giocatore con più presenze nella storia del club alle spalle di Julien Vauclair (939) e davanti a Sandro Bertaggia (789). La sua maglia, la numero 38, verrà inoltre ritirata dal club e in Prima Squadra non potrà più essere indossata da nessuno. «Quando ciò avverrà ufficialmente vivrò sicuramente un momento speciale, anche se durante la mia carriera non ho mai dato troppo peso a questo tipo di traguardi. Ho solo pensato a giocare a hockey e a dare il 100% per il Lugano. Adesso che ho smesso, i ricordi riaffiorano di continuo e mi rendo conto di aver vissuto davvero tante emozioni. Fra qualche anno la situazione sarà sicuramente diversa e quando alla Cornèr Arena vedrò la mia maglietta appesa vicina a quelle di alcuni giocatori storici, vivrò indubbiamente delle sensazioni uniche».

Adesso cosa farai? «Si è appena chiuso un grande capitolo della mia vita, devo staccare un attimo e rilassarmi. Sono in ogni caso motivato a immergermi in una nuova avventura. Ora avrò tutto il tempo necessario per fare le mie valutazioni e per capire come muovermi al meglio nella mia seconda carriera. Rimanere nell'ambiente è sicuramente più che un'opzione, anche perché l'hockey mi ha dato davvero tanto e con l'esperienza che ho accumulato in tutti questi anni, penso di potergli restituire qualcosa».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Freshfocus, archivio
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nonna Sintetica 5 mesi fa su tio
Grande Raffo! Decisione non facile, ma ancora una volta hai dimostrato d'avere coraggio, perché questa era la più difficile. Auguri e "mola mia", come sempre!
Genchi 67 5 mesi fa su tio
Da tifoso hcap e anche da sportivo mi dispiace molto che smetti,sei sempre stato un giocatore leale e questo dice tutto grazie di tutto.Auguri x il futuro
Dani/hcl 5 mesi fa su tio
Ottimo esempio per i giovani,mai sopra le righe,un annetto sarebbe stato ancora in grado di portarlo a termine ma giusto così.. Ognuno deve ascoltare i segnali del proprio corpo e soprattutto la testa!! Auguri Raffaele
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
FCL
6 ore
Lugano ribaltato, l'YB vince in rimonta
Gli uomini di Croci-Torti, avanti al 27' con Lovric, sono stati sconfitti 3-1 a Berna.
IL SORPASSO...A QUATTRO RUOTE
8 ore
La novità Jeddah sarà decisiva? No, meglio Abu Dhabi...
In Arabia Saudita, domenica, Max avrà il primo match-ball della sua vita a disposizione per diventare campione.
TENNIS
11 ore
Ricatto? L'Australia non ci sta e replica a Srdjan Djokovic
Il ministro dello sport dello stato di Victoria Martin Pakula ha voluto rispondere alle recenti parole del padre di Nole
HCL
13 ore
Rinnovo importante: Elia Riva resta a Lugano
Il difensore ha messo la firma su un contratto di due stagioni: resterà alla Cornèr Arena almeno fino al 2024.
HCAP/HCL
15 ore
Fora e Bertaggia verso Davos e Ginevra
Il difensore biancoblù e l'attaccante bianconero dovrebbero continuare la loro carriera oltre Gottardo.
PARIGI
18 ore
«Scandalo Messi? No, ma chiedete in giro chi sono Lewandowski e Jorginho»
«Jorginho? Forse il Pallone d’Oro gli è sfuggito per il rigore fallito contro la Svizzera»
SUPER LEAGUE
21 ore
A Berna senza paura: Lugano, sognare (e gufare) non è proibito
Il Lugano è in serie positiva, lo Young Boys sta faticando; a Berna la sfida è aperta
HCAP
1 gior
Niente nuova rimonta: l’Ambrì torna a vincere
I biancoblù si sono presi la loro rivincita sullo Zugo alla Bossard Arena (3-4). Il successo mancava da quattro partite.
HCL
1 gior
Carr graffia e il Lugano sorride: Ginevra abbattuto
I bianconeri di McSorley, trascinati dalla doppietta di Daniel Carr, hanno superato con merito il Ginevra.
NAZIONALE
1 gior
Svizzera scatenata, Lituania travolta 7-0
Prestazione maiuscola delle rossocrociate, che restano in vetta al Gruppo G nelle qualificazioni verso i Mondiali.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile