TI-Press (foto d'archivio)
+7
SWISS LEAGUE
20.02.20 - 07:000
Aggiornamento : 18:08

Accordi e disaccordi alla base del litigio-Rockets

Chi decide? Chi paga? A Biasca non c'è unità d'intenti. E intanto la salvezza è ancora tutta da conquistare

BIASCA - Prima è arrivato il comunicato del Lugano, che ha deciso di svolgere il ruolo di azionista di minoranza “A fronte della conclamata volontà dell’HCAP di non voler condividere con l’HCL la gestione del farm-team”. Poi è stata la volta del Biasca, che ha ammesso come “da tempo ormai non vi sono più le condizioni per una gestione aziendale generale serena ed equilibrata dell’HC Biasca SA”. Infine ha parlato l'Ambrì che, con GDT e Davos, si è detto pronto ad accettare la decisione del Lugano e si adopererà “con spirito costruttivo per fare tutto il possibile affinché il progetto possa continuare”. Non si può dire che in casa Rockets il clima sia sereno. Decollato tra squilli di tromba quattro anni fa, il progetto rischia anzi di schiantarsi bruscamente al suolo.

Ma cosa è successo realmente?

Che la situazione non fosse semplice lo si era capito già la primavera scorsa, quando l'Ambrì aveva chiesto di poter salire dal suo 51% fino alla totalità del pacchetto azionario. Lugano e Biasca si opposero, ci furono settimane tese ma poi tutto rientrò: le parti seppellirono l'ascia di guerra e, in più, accolsero il Davos come nuovo compagno di viaggio (al 10%). Evidentemente il tempo non è stato galantuomo. I biancoblù hanno continuato a comportarsi come azionisti di riferimento (ruolo ottenuto a inizio avventura, quando la Lega chiese che fosse un club di NLA a rivestirlo), mentre le altre hanno continuato a sperare di essere trattate in maniera paritaria (come previsto dai contratti parasociali sottoscritti). Il tutto fino al passo indietro fatto dai bianconeri i quali, senza voce in capitolo al momento di prendere delle decisioni nonostante il loro impegno nel “coprire l’eventuale perdita d’esercizio della società in modo paritario all’HCAP” (eventuale, la SA è in utile), hanno comprensibilmente deciso di limitarsi al compitino.

Chi ha vinto? Nessuno, in realtà. Il Lugano non ha più l'intenzione di rivestire un ruolo centrale nel progetto. L'Ambrì rischia di perdere un partner solido. Il Biasca non vuol più proseguire a queste condizioni. E i giovani sportivi ticinesi... continueranno a godere del ghiaccio offerto dai Rockets solo se tutto il giochino sarà economicamente sostenibile. Il tutto con i playout alle porte e una salvezza per nulla scontata da conquistare. Auguri.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Tipress, archivio
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
roma 8 mesi fa su tio
Lugano non può prendersi a carico a livello finanziario tutti i progetti sportivi di questo cantone. Giusta decisione.
Bibo 8 mesi fa su tio
@roma Eh sì, infatti i Rockets sono a carico del Lugano...complimenti per l'informazione data...
fapio 8 mesi fa su tio
Al di là del fatto che i calimeri fanno ancora una volta i calimeri anche fuori dal ghiaccio, la tempistica è da veri vigliacchi.
sergejville 8 mesi fa su tio
@fapio la tempistica è la fine della RS. Se la si vede da vigliacchi è un'altra storia. la vigliaccheria non c'entra proprio nulla. Che conta è un club (l'hcap) non rispettoso degli accordi iniziali (vedi comunicato hcbiasca) e l'altro (che metteva soldi a fondo, quasi perso) si è stufato. E finita lì.
Evry 8 mesi fa su tio
@sergejville Pienamente d'accordo ! "al Sud sa süda, al Nord Süsidi"
Bibo 8 mesi fa su tio
@sergejville Ma perché devi scrivere falsità? Soldi a fondo perso? Non rispetta gli accordi? Il Lugano non ha dovuto mettere peoprio nessuna cifra a parte quello stabilito all'inizio e cioè fornire giocatori e vice allenatore! E spiegami in cosa l'ambrì non ha rispettato gli accordi visto che dal comunicato del biasca non si dice niente... Ma si vede che tu ne sai di più...
Zarco 8 mesi fa su tio
Al Lugano cosa ha dato il progetto ? Poco o nulla ....
Evry 8 mesi fa su tio
Chi decide HCAP chi paga HCL chiaro no!
Bibo 8 mesi fa su tio
@Evry Ma smettila! Se si ritira è proprio perché non vuole spendere e non ha voluto impegnarsi maggiormente all'inizio!
Blobloblo 8 mesi fa su tio
@Evry L’unica cosa chiara è che sei il solito buffone e dimostri una volta di più che non hai capito niente neanche qui
Evry 8 mesi fa su tio
Impresa fallimentare a partire dalla gestione
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
BASKET
1 ora
Covid, dopo il calcio si ferma anche il basket
Il Comitato di Ticino Basket ha deciso di sospendere le attività fino all'8 novembre. Restano possibili gli allenamenti.
HCL
5 ore
Covid, Bertaggia ancora positivo
L'attaccante bianconero si allenerà a domicilio e non avrà contatti con la squadra.
BERNA
7 ore
Sport "pro" indispensabile, una luce nel "buio" che ci attende
Presto tribune vuote ovunque? Che il Governo si attivi per permettere alle società di andare avanti.
CHAMPIONS LEAGUE
16 ore
Inter distratta, frittata (quasi) fatta
Nerazzurri fermati dal Borussia Mönchengladbach. Bayern e Atalanta travolgenti.
NATIONAL LEAGUE
19 ore
«Protocolli e protezioni, ma il Covid può stravolgere i piani»
La morsa del coronavirus sta mettendo sotto pressione il campionato. La parola a Raeto Raffainer, ds del Davos.
CALCIO REGIONALE
19 ore
Si ferma il calcio regionale
I vari campionati sono stati congelati almeno fino al 12 novembre.
SUPER LEAGUE
21 ore
«Non ha senso continuare così»
Il Sion non potrà accogliere tifosi al Tourbillon. Dal Canton Vallese altra mazzata per lo sport elvetico
NL/HCL
1 gior
«Stop al campionato? Non è l'opinione di tutti i club»
Il CEO dell'HCL è tornato anche sulla decisione del Canton Berna (riduzione a 1'000 tifosi): «Capisco l'arrabbiatura...»
NAZIONALE
1 gior
Emergenza Covid, le Nazionali annullano gli impegni di novembre
Swiss Ice Hockey ha preso questa decisione dopo aver valutato attentamente l'evolversi della pandemia.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
1 gior
«O fa il botto o lo prendono a botte»
«Inter grande ma obbligata a vincere. Antonio bravo, ma solo le montagne non si muovono».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile