Tipress
NATIONAL LEAGUE
27.09.19 - 10:230
Aggiornamento : 18:46

Magie Cervenka. Garanzia Matt. Aspettando Sabolic e Spooner

Uno sguardo sui giocatori d'importazione del campionato: nuovi attaccanti stranieri di Ambrì e Lugano sono partiti un po' a rilento, mentre il ceco del Rapperswil regala magie

AMBRÌ - Gli stranieri, si sa, ricoprono un ruolo di primo piano nel nostro campionato. Da sempre vivono sotto una sorta di lente di ingrandimento. Da loro ci si aspetta sempre la giocata risolutrice. A loro (spesso) non si perdona nulla. E se in questo primissimo scorcio di stagione parliamo di stranieri decisivi, impossibile non citare il nome di Roman Cervenka. Il centro ceco - dopo i noti problemi di salute patiti a Zurigo - è tornato quello di due anni fa. E con le sue giocate di classe cristallina ha regalato punti pesantissimi al suo Rapperswil. Tre game winning goal in altrettanti overtime. Tre magie che hanno trasformato la Cenerentola sangallese in una (pretendente) principessa. Cervenka, però, non è l’unico giocatore d’importazione che ha iniziato benissimo il campionato. Impressionanti per rendimento sono pure i nordamericani del Ginevra: Wingels e Winnik (entrambi 4 reti) stanno infatti facendo faville. E non per nulla le Aquile sono volate in testa alla classifica. Senza dimenticare i soliti noti Arcobello (Berna), Roe (Zurigo) e Rajala (Bienne). Tutti nella top-10 della “giovane” classifica dei marcatori. Tutti topscorer delle rispettive squadre. Tutti (fin qui) decisivi.

E gli stranieri risolutori - alla Kubalik per intenderci - per ora mancano ad Ambrì e Lugano. E questa assenza dai tabellini è uno dei principali motivi dell’inizio di stagione stentato vissuto dalle due ticinesi. Sotto le volte della Valascia, a dirla tutta, uno straniero che rende c’è. Ed è Matt D’Agostini. Il canadese sembra essere tornato quello di due anni fa, dopo una stagione scorsa complicata da una frattura alla vertebra. Il topscorer leventinese canta e porta la croce. Pattina come un forsennato e recupera una montagna di dischi in tutte le zone della pista. Blocca tanti tiri pericolosi. Insomma è un giocatore totale. Devono per contro ancora ambientarsi al meglio gli altri due attaccanti stranieri presenti in Leventina: Sabolic e Flynn. Anche se contro il Langnau lo sloveno - ottenendo i primi due assist in biancoblù e ammaccando l’ennesima traversa - sembra aver compiuto un primo passo nella giusta direzione.

Va anche peggio - per quel che concerne il rendimento puramente contabile degli stranieri - nel Sottoceneri. A Lugano a fare la differenza sono gli svizzeri e in particolare i ticinesi con topscorer Fazzini (3 reti) e capitan Chiesa (4 punti). Il colpo Spooner - arrivato sulle rive del Ceresio tra enormi aspettative - ha per ora "sparato a salve" (1 assist), tanto che nelle ultime due uscite ha dovuto accomodarsi in tribuna per fare spazio al redivivo Klasen (2 assist). Se si considera che finora l’unico giocatore d’importazione ad aver bucato la porta avversaria è Lajunen (non propriamente uno scorer) si può ben comprendere come dagli stranieri bianconeri ci si possa aspettare di più. Sia ad Ambrì che a Lugano di qualità ce n’è, ora bisogna però metterla sul ghiaccio. Perché il tempo è tiranno. Stasera arriveranno le prime risposte.   

Commenti
 
sergejville 1 mese fa su tio
Nn è importante il passaporto di chi segna; importante è vincere le partite.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
1 ora
Nuovo attaccante a Lugano: biennale ad Herburger
Il centro austriaco - già visto in Svizzera con la maglia del Bienne - giocherà in bianconero nel 2020/21 e 2021/22
Hockey
3 ore
L'Ambrì è dietro (solo) al Ginevra: gli stranieri delle Aquile hanno più... NHL nelle gambe!
Gli unici tre ad aver vinto la Stanley Cup sono invece Viktor Stalberg del Friborgo, Eric Fehr del Ginevra e Markus Krüger dei Lions (due volte)
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
6 ore
Napoli raso al suolo, «ADL regista occulto, sarà rivoluzione»
La polveriera partenopea è pronta a esplodere. Arno Rossini: «Ancelotti è inattaccabile e comunque non se ne andrà: un allenatore non si dimette mai»
TENNIS
13 ore
Nole cade contro Thiem: con Federer sarà un duello da brividi
Novak Djokovic ha perso l'entusiasmante braccio di ferro con l'austriaco, vittorioso (5)6-7, 6-3, 7-6(5). Giovedì King Roger sfida il serbo per un posto nelle semifinali alle Atp Finals
HCL
15 ore
Lugano senza argomenti: a Zurigo arriva il quarto ko consecutivo
I bianconeri sono stati “suonati” 7-2 da Bodenmann (tripletta) e compagni. Nello stesso tempo il Friborgo ha steso il Ginevra all'overtime (2-1): Sprunger match-winner
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
15 ore
Lulea padrone nella Capitale: Berna battuto 3-0
Brutto ko interno per gli Orsi di Jalonen, piegati dagli svedesi nell'andata degli ottavi di finale. Ottima operazione del Losanna, vittorioso 2-1 in casa del Plzen. Buon pari per Zugo e Bienne
FORMULA 1
18 ore
Niente Formula 1: Mick Schumacher bocciato (per ora)
Reduce da una stagione deludente, il tedesco non ha ricevuto chiamate dal piano superiore
TENNIS
21 ore
King Roger resta in corsa, affondato Berrettini
Il fuoriclasse renano supera 7-6(2), 6-3 l'italiano e resta in corsa per un posto in semifinale alle ATP Finals
TENNIS
23 ore
"Hai perso perché ti sei sposato?" e il Nadal furioso sbrocca: "Str***ate"
Nervoso dopo la sconfitta incassata da Alexander Zverev, in conferenza stampa Rafa Nadal ha dovuto fronteggiare una domanda non troppo sensata di Ubaldo Scanagatta
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«Lavoro per guadagnarmi più ghiaccio. Futuro? Aperto a ogni possibilità»
Il Friborgo, dopo un avvio complicato e il cambio di coach a inizio ottobre, ha dato segnali di crescita e inanellato 3 vittorie prima della sosta. Lhotak: «Vogliamo continuare in questa direzione»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile