Keystone (foto d'archivio)
+9
NATIONAL LEAGUE
22.08.19 - 15:390
Aggiornamento : 23.08.19 - 09:28

4'000'000 (quasi) per Berra, bruciato anche il Lugano

Alla corsa al 32enne portiere hanno partecipato pure i bianconeri. Steinegger: «Alla fine eravamo rimasti noi e il Friborgo. Ora uno straniero? Molto meglio uno svizzero. Magari Joel Daccord»

FRIBORGO - Alla fine Reto Berra ha deciso di rimanere a Friborgo. Ha scelto di proseguire per la strada intrapresa nel 2018, quando tornò in Svizzera dal Nord America. Il 32enne ha a lungo titubato, tentato dall'idea di cambiare casacca per spostarsi in un club più competitivo. Poi ha tuttavia preferito conservare il suo posto nello spogliatoio e allungare la sua avventura con i Dragoni.

Per spiegare la fedeltà dell'estremo difensore in molti hanno tirato in ballo il cuore. In realtà, rimanendo alla BCF Arena, Reto ha anche fatto un favore al suo portafoglio. Il contratto sottopostogli da Christian Dubé scade infatti, come quello propostogli dalle altre spasimanti, nel 2024, è vero; comporterà però un aumento di stipendio fin da questa stagione. Mica poco. Di quanto stiamo parlando? Secondo Watson il nativo di Bülach è diventato il secondo portiere meglio pagato del Paese e si porterà a casa più di 700'000 franchi l'anno. Quasi 4'000'000 totali, dunque, fino alla scadenza. Tanti soldi il Bienne non era arrivato ad offrirli. E neppure il Lugano, che secondo il Journal du Jura ha partecipato all'asta avanzando un'offerta comunque concorrenziale.

«Credo che alla fine Berra abbia scelto tra il Bienne e il Friborgo - ha ammesso Martin Steinegger - C'erano altri club in corsa ma penso che le opzioni reali riguardassero noi e loro».

Perso un big svizzero, guardare al mercato sarà ora complicato.
«Abbiamo già un piano B, un piano C, un piano D. Certo, non abbiamo ancora avuto modo di svilupparli: fino a mercoledì abbiamo pensato solo a Reto».

Su chi punterà ora il Bienne?
«In molti guardano a portieri esperti. Io credo però ci sia la possibilità di puntare anche su qualche giovane in grado di dare delle certezze».

Come Joel Daccord, per esempio.
«Lui è sicuramente un obiettivo. La sua situazione è però difficile. È in NHL e lì vuol rimanere. A noi non rimane che attendere e vedere quel che combinerà durante la stagione, se avrà spazio o se sarà dirottato in AHL. Da questo dipenderanno la sua voglia e la sua disponibilità di venire in Svizzera. Un tentativo potremmo comunque farlo».

Se non andasse e se ci fossero problemi pure con i vari Boltshauser, Hollenstein o Waeber, potreste puntare su uno straniero...
«È una possibilità. È una soluzione. Poter ingaggiare uno svizzero sarebbe comunque molto, molto meglio».

In rosa avete Elien Paupe. Ha le qualità per diventare il vostro titolare?
«Ha subito un serio infortunio e deve ritrovare confidenza sul ghiaccio. Lo valuteremo con attenzione durante l'anno. Non lo vedo comunque come titolare da 50 partite. Da 25 magari. Se rimarrà dovremo trovargli una solidissima spalla».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 13 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Cristina Decarli Ex Wartenweiler 11 mesi fa su fb
Sarà come il papà?
Nicola Corti 11 mesi fa su fb
Forza Daccord figlio d’arte 🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙
GI 11 mesi fa su tio
e poi ci lamentiamo del continuo aumento del costo di abbonamenti o biglietti...
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
3 ore
«Ora c'è un po' di delusione, ma ci davano già per spacciati»
Simone Rapp affila gli artigli per lo spareggio: «Inutile piangersi addosso: dobbiamo dimostrare di essere più forti».
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
7 ore
Eurocrucci e sorprese: i graffi di Conte e il Basilea
Tra grandi favorite e possibili outsider, l’Europa League torna a incantare.
TENNIS
17 ore
Nadal rinuncia agli US Open: «Casi di Covid ovunque, meglio non viaggiare»
La defezione del mancino di Manacor va ad aggiungersi a quella di altri campioni come Roger Federer e Stan Wawrinka
PREMIER LEAGUE
20 ore
Minacce zittite e accuse respinte: che rivincita per l’odiatissimo Granit
Per settimane parso sul piede di partenza, il centrocampista è tornato a essere un punto fermo dei Gunners.
FORMULA 1
1 gior
Calvario Vettel e dubbi su Leclerc: Marko getta benzina sul fuoco
Parole sibilline del dirigente della Red Bull, che punzecchia la Rossa: «Leclerc ha trovato velocità, Seb no...»
ATLETICA
1 gior
Atleti e gare: il Galà dei Castelli è ricco
Nonostante le limitazioni, la kermesse ticinese è pronta a entusiasmare
HCL
1 gior
«Cerchiamo un difensore straniero che abbia una certa spinta offensiva»
Serge Pelletier è carico: «I quattro giovani della rosa? Ci aspettiamo che portino tanto entusiasmo in pista»
SUPER LEAGUE
1 gior
Tramezzani, missione compiuta: il Sion si salva all'ultimo respiro
La formazione vallesana ha espugnato il campo del Servette 2-1. Nello stesso tempo Zurigo-Thun è finita 3-3
HCAP
1 gior
Nättinen, D'Ago & Co: Ambrì in pista con entusiasmo
I biancoblù sono tornati sul ghiaccio agli ordini di coach Cereda
MOTOMONDIALE
1 gior
«Vale Rossi può vincere il Mondiale»
Il boss della Yamaha Lin Jarvis crede che l'italiano abbia ancora le sue possibilità, ma attenzione ai giovani
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile