Keystone (foto d'archivio)
+ 9
NATIONAL LEAGUE
22.08.19 - 15:390
Aggiornamento : 23.08.19 - 09:28

4'000'000 (quasi) per Berra, bruciato anche il Lugano

Alla corsa al 32enne portiere hanno partecipato pure i bianconeri. Steinegger: «Alla fine eravamo rimasti noi e il Friborgo. Ora uno straniero? Molto meglio uno svizzero. Magari Joel Daccord»

FRIBORGO - Alla fine Reto Berra ha deciso di rimanere a Friborgo. Ha scelto di proseguire per la strada intrapresa nel 2018, quando tornò in Svizzera dal Nord America. Il 32enne ha a lungo titubato, tentato dall'idea di cambiare casacca per spostarsi in un club più competitivo. Poi ha tuttavia preferito conservare il suo posto nello spogliatoio e allungare la sua avventura con i Dragoni.

Per spiegare la fedeltà dell'estremo difensore in molti hanno tirato in ballo il cuore. In realtà, rimanendo alla BCF Arena, Reto ha anche fatto un favore al suo portafoglio. Il contratto sottopostogli da Christian Dubé scade infatti, come quello propostogli dalle altre spasimanti, nel 2024, è vero; comporterà però un aumento di stipendio fin da questa stagione. Mica poco. Di quanto stiamo parlando? Secondo Watson il nativo di Bülach è diventato il secondo portiere meglio pagato del Paese e si porterà a casa più di 700'000 franchi l'anno. Quasi 4'000'000 totali, dunque, fino alla scadenza. Tanti soldi il Bienne non era arrivato ad offrirli. E neppure il Lugano, che secondo il Journal du Jura ha partecipato all'asta avanzando un'offerta comunque concorrenziale.

«Credo che alla fine Berra abbia scelto tra il Bienne e il Friborgo - ha ammesso Martin Steinegger - C'erano altri club in corsa ma penso che le opzioni reali riguardassero noi e loro».

Perso un big svizzero, guardare al mercato sarà ora complicato.
«Abbiamo già un piano B, un piano C, un piano D. Certo, non abbiamo ancora avuto modo di svilupparli: fino a mercoledì abbiamo pensato solo a Reto».

Su chi punterà ora il Bienne?
«In molti guardano a portieri esperti. Io credo però ci sia la possibilità di puntare anche su qualche giovane in grado di dare delle certezze».

Come Joel Daccord, per esempio.
«Lui è sicuramente un obiettivo. La sua situazione è però difficile. È in NHL e lì vuol rimanere. A noi non rimane che attendere e vedere quel che combinerà durante la stagione, se avrà spazio o se sarà dirottato in AHL. Da questo dipenderanno la sua voglia e la sua disponibilità di venire in Svizzera. Un tentativo potremmo comunque farlo».

Se non andasse e se ci fossero problemi pure con i vari Boltshauser, Hollenstein o Waeber, potreste puntare su uno straniero...
«È una possibilità. È una soluzione. Poter ingaggiare uno svizzero sarebbe comunque molto, molto meglio».

In rosa avete Elien Paupe. Ha le qualità per diventare il vostro titolare?
«Ha subito un serio infortunio e deve ritrovare confidenza sul ghiaccio. Lo valuteremo con attenzione durante l'anno. Non lo vedo comunque come titolare da 50 partite. Da 25 magari. Se rimarrà dovremo trovargli una solidissima spalla».

Keystone (foto d'archivio)
Guarda tutte le 13 immagini
Commenti
 
Cristina Decarli Ex Wartenweiler 4 sett fa su fb
Sarà come il papà?
Nicola Corti 4 sett fa su fb
Forza Daccord figlio d’arte 🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙🤙
GI 4 sett fa su tio
e poi ci lamentiamo del continuo aumento del costo di abbonamenti o biglietti...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
TENNIS
55 min

Spettacolo a Ginevra: la sfida è ferma sull'1-1

Jack Sock - vincitore su Fabio Fognini - ha risposto a Dominic Thiem, che in precedenza aveva superato Denis Shapovalov

VIDEO
EUROPA LEAGUE
3 ore

Karius, incubo Europa: si rivedono i fantasmi di Kiev

Il portiere tedesco, in prestito al Besiktas, ha iniziato nel peggiore dei modi la fase a gironi di Europa League

SUPER LEAGUE
4 ore

Il Lucerna, atteso a Lugano, perde Schwegler e Ndenge

Brutte notizie per i lucernesi, che per diverse settimane dovranno fare a meno del difensore 35enne e del centrocampista 22enne

TENNIS
5 ore

Viktorija Golubic si ferma in semifinale

Niente finale per la 26enne rossocrociata, che a Guangzhou è stata sconfitta 2-6, 7-6(4), 6-1 da Samantha Stosur

HCAP / HCL
8 ore

Due battaglie da vincere per evitare il “Settebrutto”

Sempre ferme al palo, le ticinesi cercano i primi punti stagionali nell'unica partita che disputeranno nel weekend. L'Ambrì in casa con il Ginevra, il Lugano in trasferta a Zugo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile