Ti-Press (foto d'archivio)
UN DISCO PER L'ESTATE
07.08.19 - 07:000
Aggiornamento : 02.09.19 - 18:01

JJ, il 5 aprile e quel suo marchio di fabbrica

Jean-Jacques Aeschlimann ha vestito per ben 14 stagioni il bianconero conquistando due titoli, tra cui quello indimenticabile alla Valascia

LUGANO - Quella sua finta nei rigori è diventata il suo marchio di fabbrica. Sempre la stessa. (Quasi) sempre vincente. E di rigori, Jean-Jacques Aeschlimann ne ha tirati tanti nella sua lunga e onorata carriera durata 23 stagioni, 14 delle quali trascorse sotto le volte della Resega. 

Nato a Bienne nel 1967, Jean-Jacques - per tutti JJ - muove i primi passi nel Seeland. Esordisce in prima squadra nell’annata 1985/86 a soli 18 anni, mostrando subito una maturità e un carisma rari per quell’età. A Bienne, il giovane Jean-Jacques cresce e impara. Carpisce i segreti dai giocatori più scafati tra i quali figura un campione assoluto come Normand Dupont. E nel 1991 firma per il “Grande Lugano”, che però - dopo aver cannibalizzato la LNA con quattro titoli in cinque stagioni (dal 1986 al 1990) - vivrà in quegli anni un periodo di appannamento.

Per alzare al cielo il primo trofeo di campione svizzero (ne vincerà due) Aeschlimann dovrà infatti attendere 9 anni. Un titolo indimenticabile per lui e per tutti i tifosi bianconeri. Vinto in casa dei rivali di sempre. Una serie di finale - in cui la linea di Aeschlimann riuscì spesso ad imbrigliare il duo terribile composto da Petrov e Di Pietro - che ebbe la sua apoteosi il 5 aprile 1999. 

Una gara-5 che è indelebilmente impressa nella memoria di JJ. Lo storico numero 19 bianconero è infatti il primo ad andare ad abbracciare Geoffrey Vauclair dopo il provvisorio 1-0 ed è uno dei primi a saltare in aria dalla gioia per il definitivo 3-1 ottenuto da Fuchs a gabbia sguarnita a 18 secondi dalla fine. Poi fu soltanto gioia. E festeggiamenti irripetibili. JJ e diversi compagni di squadra tornano a Lugano con ancora indosso i pattini. Alla Resega vi è una folla oceanica per festeggiare gli eroi del titolo probabilmente più iconico della storia bianconera. Due colori che il nativo di Bienne - ma ormai luganese d’adozione - porta nel cuore e si è fatto tatuare sulla pelle. Dopo il titolo del 2003, JJ saluta la sua Lugano nel 2005 - dopo 712 partite e 317 punti (138 reti) - per una breve parentesi prima a Friborgo (in A) e poi al Losanna (in B). «Ma certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano» cantava Venditti, e allora Aeschlimann - dopo un apprendistato dietro alla scrivania in Leventina - torna nel 2013 dal suo amore diventandone il direttore amministrativo. Il “vecchio cuore” bianconero. Un marchio di fabbrica come quel rigore.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Ti-Press (foto d'archivio)
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
sergejville 4 mesi fa su tio
grande lavoratore, grande professionista e grande sportivo.
toto2 4 mesi fa su tio
Mitico JJ........ 5 aprile eeeeee una data cheeeee non ti scordi piuuuu bas...o Biancobluuuu....sto ancora godendo....
hcap76 4 mesi fa su tio
@toto2 Hanno già aperto le iscrizioni per la scuola dell'infanzia 2019/20 se t'interessa..
toto2 4 mesi fa su tio
@hcap76 non avevi preso l"ultimo posto disponibile tu.....mamma quanto vi brucia ancora ha ha ha ha e io godoooo
hcap76 4 mesi fa su tio
@toto2 Guarda solo perchè sei tu ti dedico una canzone... "Se mi guardo nello specchio con il tempo che e' passato sono solo un po' piu' ricco, piu' cattivo e piu' invecchiato. E' l'amara confessione di un cantante di successo forse e' l'ultima occasione che ho di essere me stesso Quando ho smesso di studiare per campare di illusioni sono stato il dispiacere di parenti e genitori ero uno di quei figli sognatori adolescenti che non vogliono consigli e rispondono fra i denti..........................." 2 sta per l'età che hai vero? Saluti..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
2 ore
Una “discata” alla crisi? Chissà...
Segnali incoraggianti di ripresa per un Lugano finalmente convincente
STOP AND GO
10 ore
Punti e fiducia (rinnovata): avanti con Kapanen. Ambrì tra sorrisi e rimpianti
In una settimana delicata, quella dove si decidevano le sorti del coach, il Lugano ha raccolto 6 punti. Tante note positive per i biancoblù (e qualche problema in powerplay). Il Berna si è risvegliato
SCI ALPINO
12 ore
Gut-Behrami, altro boccone amaro. Corinne Suter sul podio
Il super G di Lake Louise è andato alla Rebensburg davanti all'italiana Delago e alla svittese. Solo 12esima la ticinese, attardata di 1''28
SCI ALPINO
13 ore
Ford comanda a Beaver Creek, out Odermatt
Lo statunitense è in testa dopo la prima manche del Gigante. Il migliore degli elvetici è Murisier, momentaneamente nono
HCAP
14 ore
L’Ambrì mostra i muscoli e piega i Tori all’overtime
I biancoblù hanno superato 3-2 lo Zugo grazie ad una prova di sacrificio e carattere. Decisiva la rete di Zwerger al supplementare
SUPER LEAGUE
14 ore
San Gallo da sballo. Fanno la voce grossa anche Servette e Basilea
In trasferta i biancoverdi, terzi a -2 dalla capolista YB, hanno piegato 4-1 il Thun. I granata hanno liquidato lo Zurigo (5-0), mentre i renani hanno strapazzato il Sion (4-0)
SERIE A
15 ore
Balotelli rialza il Brescia
Importante successo esterno per gli uomini di Corini: SPAL sconfitta 1-0. Il Torino piega la Viola (2-1) e inguaia Montella. 2-2 tra Sassuolo e Cagliari
HCL
18 ore
Lugano interessato a McIntyre?
I bianconeri starebbero valutando la possibilità di portare in Ticino l'attaccante dello Zugo
FORMULA 1
22 ore
«Vettel e Leclerc? Ogni anno vedo piloti che si sbattono fuori a vicenda»
Fernando Alonso si è espresso in merito alla F1 in generale: «La reputazione si basa sui fatti. Mi viene in mente quando lasciavo la scia a Monza per spirito di collaborazione»
MOTO GP
1 gior
«Lorenzo era duro con tutti. Valentino Rossi? Stava per lasciarci»
Lin Jarvis ha parlato dei suoi due pupilli dei tempi d'oro: «Necessitavamo di qualcuno con un talento straordinario e l'istinto assassino»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile