DAL Stars
3
WIN Jets
2
fine
(1-0 : 1-0 : 0-2 : 1-0)
CAL Flames
4
BUF Sabres
3
fine
(1-1 : 2-0 : 1-2)
DAL Stars
NHL
3 - 2
fine
1-0
1-0
0-2
1-0
WIN Jets
1-0
1-0
0-2
1-0
1-0 BENN
19'
 
 
2-0 GURIANOV
30'
 
 
 
 
42'
2-1 WHEELER
 
 
60'
2-2 SCHEIFELE
3-2 PAVELSKI
63'
 
 
19' 1-0 BENN
30' 2-0 GURIANOV
WHEELER 2-1 42'
SCHEIFELE 2-2 60'
63' 3-2 PAVELSKI
Ultimo aggiornamento: 06.12.2019 05:56
CAL Flames
NHL
4 - 3
fine
1-1
2-0
1-2
BUF Sabres
1-1
2-0
1-2
 
 
4'
0-1 REINHART
1-1 GAUDREAU
17'
 
 
2-1 RIEDER
32'
 
 
3-1 MONAHAN
36'
 
 
4-1 LUCIC
44'
 
 
 
 
58'
4-2 MCCABE
 
 
60'
4-3 EICHEL
REINHART 0-1 4'
17' 1-1 GAUDREAU
32' 2-1 RIEDER
36' 3-1 MONAHAN
44' 4-1 LUCIC
MCCABE 4-2 58'
EICHEL 4-3 60'
Ultimo aggiornamento: 06.12.2019 05:56
Ti-Press (foto d'archivio)
UN DISCO PER L'ESTATE
07.08.19 - 07:000
Aggiornamento : 02.09.19 - 18:01

JJ, il 5 aprile e quel suo marchio di fabbrica

Jean-Jacques Aeschlimann ha vestito per ben 14 stagioni il bianconero conquistando due titoli, tra cui quello indimenticabile alla Valascia

LUGANO - Quella sua finta nei rigori è diventata il suo marchio di fabbrica. Sempre la stessa. (Quasi) sempre vincente. E di rigori, Jean-Jacques Aeschlimann ne ha tirati tanti nella sua lunga e onorata carriera durata 23 stagioni, 14 delle quali trascorse sotto le volte della Resega. 

Nato a Bienne nel 1967, Jean-Jacques - per tutti JJ - muove i primi passi nel Seeland. Esordisce in prima squadra nell’annata 1985/86 a soli 18 anni, mostrando subito una maturità e un carisma rari per quell’età. A Bienne, il giovane Jean-Jacques cresce e impara. Carpisce i segreti dai giocatori più scafati tra i quali figura un campione assoluto come Normand Dupont. E nel 1991 firma per il “Grande Lugano”, che però - dopo aver cannibalizzato la LNA con quattro titoli in cinque stagioni (dal 1986 al 1990) - vivrà in quegli anni un periodo di appannamento.

Per alzare al cielo il primo trofeo di campione svizzero (ne vincerà due) Aeschlimann dovrà infatti attendere 9 anni. Un titolo indimenticabile per lui e per tutti i tifosi bianconeri. Vinto in casa dei rivali di sempre. Una serie di finale - in cui la linea di Aeschlimann riuscì spesso ad imbrigliare il duo terribile composto da Petrov e Di Pietro - che ebbe la sua apoteosi il 5 aprile 1999. 

Una gara-5 che è indelebilmente impressa nella memoria di JJ. Lo storico numero 19 bianconero è infatti il primo ad andare ad abbracciare Geoffrey Vauclair dopo il provvisorio 1-0 ed è uno dei primi a saltare in aria dalla gioia per il definitivo 3-1 ottenuto da Fuchs a gabbia sguarnita a 18 secondi dalla fine. Poi fu soltanto gioia. E festeggiamenti irripetibili. JJ e diversi compagni di squadra tornano a Lugano con ancora indosso i pattini. Alla Resega vi è una folla oceanica per festeggiare gli eroi del titolo probabilmente più iconico della storia bianconera. Due colori che il nativo di Bienne - ma ormai luganese d’adozione - porta nel cuore e si è fatto tatuare sulla pelle. Dopo il titolo del 2003, JJ saluta la sua Lugano nel 2005 - dopo 712 partite e 317 punti (138 reti) - per una breve parentesi prima a Friborgo (in A) e poi al Losanna (in B). «Ma certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano» cantava Venditti, e allora Aeschlimann - dopo un apprendistato dietro alla scrivania in Leventina - torna nel 2013 dal suo amore diventandone il direttore amministrativo. Il “vecchio cuore” bianconero. Un marchio di fabbrica come quel rigore.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Ti-Press (foto d'archivio)
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
sergejville 4 mesi fa su tio
grande lavoratore, grande professionista e grande sportivo.
toto2 4 mesi fa su tio
Mitico JJ........ 5 aprile eeeeee una data cheeeee non ti scordi piuuuu bas...o Biancobluuuu....sto ancora godendo....
hcap76 4 mesi fa su tio
@toto2 Hanno già aperto le iscrizioni per la scuola dell'infanzia 2019/20 se t'interessa..
toto2 4 mesi fa su tio
@hcap76 non avevi preso l"ultimo posto disponibile tu.....mamma quanto vi brucia ancora ha ha ha ha e io godoooo
hcap76 4 mesi fa su tio
@toto2 Guarda solo perchè sei tu ti dedico una canzone... "Se mi guardo nello specchio con il tempo che e' passato sono solo un po' piu' ricco, piu' cattivo e piu' invecchiato. E' l'amara confessione di un cantante di successo forse e' l'ultima occasione che ho di essere me stesso Quando ho smesso di studiare per campare di illusioni sono stato il dispiacere di parenti e genitori ero uno di quei figli sognatori adolescenti che non vogliono consigli e rispondono fra i denti..........................." 2 sta per l'età che hai vero? Saluti..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NATIONAL LEAGUE
9 ore
«Lugano a un bivio, la fiducia era sotto le lame. Ambrì? In passato si sarebbe smarrito»
La maggior parte delle squadre ha già consumato metà regular season. Grégory Christen: «Kapanen è valido, ma qualcosa deve cambiare. Ad Ambrì c’è anche un po’ di sfortuna». E sulle altre…
SERIE A
12 ore
«Andando in Serie B ho rinunciato al Pallone d'Oro»
Gianluigi Buffon è tornato a parlare della stagione di purgatorio trascorsa con la sua Juve: «Se oggi a quasi 42 anni mi trovo qui è in virtù di quella scelta fatta 14 anni fa»
MOTOMONDIALE
15 ore
Vale si diverte in Mercedes: «Vi spiego tutto...»
L'italiano tra presente e futuro: «Questa stagione è stata molto complicata, 2020 anno importante». 9 dicembre il giorno dello "scambio"
FORMULA 1
18 ore
«Ferrari, sei così convinta di voler prendere Hamilton?»
L'ex team principal di Benetton e Renault Flavio Briatore: «Se il prossimo anno Leclerc continuasse il processo di crescita iniziato quest’anno, io punterei sul monegasco»
NATIONAL LEAGUE
20 ore
Quando Bob Hartley chiese a Sven Ryser di far male a Reto Von Arx...
Episodio da censura: il coach canadese decise poi di mettere fuori rosa il suo giocatore, il quale si rifiutò di ferire l'avversario...
SUPER LEAGUE
23 ore
Djuric vuole battere il Lugano: «Un folle spareggio come quello dell'anno scorso vogliamo evitarlo»
Sabato sera alla Maladière lo Xamax - reduce da tre sconfitte di fila - ospiterà i bianconeri: «Le loro assenze? Non guardiamo l'avversario. Dobbiamo vincere»
HCAP
1 gior
«Dispiace per Upshall, sia a livello umano che per quanto dava alla squadra»
Paolo Duca, ds biancoblù, ha parlato del ferimento dell'attaccante canadese: «È un guerriero, non ha mollato e ha già iniziato la terapia. Ora, un aspetto positivo, è il ritorno di Sabolic»
SCI ALPINO
1 gior
Lara si difende: «Ho vinto tanto, ciò che ho scelto per la mia carriera ha funzionato»
La sciatrice ticinese ha risposto alle accuse di non essersi allenata abbastanza a causa del rapporto con Valon Behrami: «Non sono stata professionale? È ridicolo»
HCAP
1 gior
Ambrì, che sfortuna: infortunio al ginocchio per Upshall 
Il canadese, infortunatosi sabato sera a Langnau, dovrà rimanere ai box per 3-4 settimane
AUTOMOBILISMO/MOTOCICLISMO
1 gior
I "giri" del motore in un libro tutto ticinese: «È un cimelio storico»
Alex Fontana ha commentato l'opera "Piloti ticinesi da Grand Prix": «Penso che chiunque - anche chi non è appassionato di motori - possa ritrovarsi e seguire con passione 111 anni di storie vere»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile