UN DISCO PER L'ESTATE
24.07.19 - 07:000
Aggiornamento : 02.09.19 - 17:56

Steve, il guerriero dalle ginocchia di cristallo

Hirschi è stato per 14 stagioni una bandiera e un simbolo del club bianconero. Esempio di dedizione e abnegazione, neppure i suoi problemi fisici lo hanno fermato

LUGANO - Una bandiera bianconera. Un autentico guerriero. Ma che nel 2017 ha dovuto arrendersi. Le sue ginocchia, rese fragili da mille battaglie sul ghiaccio, hanno infine ceduto. Un problema che ha accompagnato Steve Hirschi per gran parte della propria carriera. Come nella stagione dell’unico titolo conquistato alla Resega (2005/06) quando per alzare la coppa al cielo dovette stringere i denti. Dovette convivere con il dolore lancinante. Sacrificando sé stesso e la sua salute per il bene della squadra.

D’altronde, Steve è sempre stato un esempio di dedizione e abnegazione in ognuna delle sue 580 partite giocate - e condite da 177 punti (57 reti) - nelle 14 stagioni trascorse con la maglia del Lugano. Quella maglia che per lui, bernese dell’Emmental di nascita, ma ormai ticinese d’adozione, era un po’ diventata una seconda pelle. Quella maglia che dal 30 settembre 2017 fa compagnia a quelle di altri campioni della storia del club sottocenerino sotto le volte della Resega.

Una scelta sofferta quella del ritiro. Una scelta presa col cuore gonfio e le lacrime sul viso. Ma inevitabile. Perché a seguito dell’infortunio patito nella cavalcata del titolo per le ginocchia di Hirschi è iniziato un lungo calvario. Nelle stagioni successive il numero 8 ha dovuto saltare diverse partite a causa dei dolori. Poi nel 2008 il crack, l’operazione e una lunga riabilitazione.

Ma Steve Hirschi, da combattente qual è, non ha mai mollato un centimetro ed è sempre rimasto fedele ai colori bianconeri. Per cinque stagioni ha pure portato la “C” di capitano sul petto (dal 2011 al 2016). Il suo cuore lo ha pure portato a disputare 4 Mondiali e i Giochi Olimpici di Torino nel 2006. Sempre con la grinta che lo contraddistingueva sul ghiaccio. Quella del guerriero… con le ginocchia di cristallo.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Commenti
 
BarryMc 4 mesi fa su tio
Grande uomo e grande giocatore! Indimenticabile!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SERIE A
51 min
Gattuso punta uno svizzero, 15'000'000 sul piatto
Il 41enne mister vorrebbe portare a Napoli Ricardo Rodriguez, titolarissimo con lui nel Milan
NAZIONALE
2 ore
Svizzera esagerata, Russia umiliata 8-2
Bella prova per la selezione di Patrick Fischer, in trionfo nel NaturEnergie Challenge vincendo comodamente la finale. Quattro gol per Loeffel
SUPER LEAGUE
4 ore
«Soldi attesi entro il 6 dicembre. Oggi quanti ne abbiamo?»
Renzetti ha (quasi) perso la pazienza: «Se a metà della prossima settimana il capitale non sarà arrivato, allora chiuderò questa questione»
FORMULA 1
6 ore
«La Ferrari bara? Non ascolto Verstappen, ma avevamo gli ispettori FIA ovunque»
Louis Camilleri, ad del Cavallino, punge il pilota olandese: «Le dichiarazioni bomba non ti portano lontano. Perché dargli credibilità quando siamo in Ferrari?»
HCL
9 ore
«McIntyre? Me lo aspetto voglioso di dimostrare che è ancora valido»
Hnat Domenichelli, GM del Lugano, ha commentato l'ingaggio dell'attaccante canadese: «Felici di questa soluzione. 3+1? Ora, l'unica cosa che conta, sono i punti»
HCL
13 ore
McIntyre è del Lugano
L'attaccante canadese, liberato ieri dallo Zugo, si è legato ai bianconeri fino al termine della stagione
NATIONAL LEAGUE
15 ore
«Arcobello parla un ottimo italiano...»
Inti Pestoni, out da fine ottobre per infortunio, è prossimo al rientro. «Berna in crisi? Alcuni cambiamenti hanno portato una ventata di ottimismo. Ambrì? La classifica non dice la verità»
SUPER LEAGUE
17 ore
Lugano e Chiasso, lingua di fuori
Stanchi dopo la fatica europea, in campionato i bianconeri ospiteranno l'YB. Fiacchi e distratti, i rossoblù andranno a far visita all'Aarau
NAZIONALE
1 gior
Svizzera troppo forte per la Norvegia
Secco 5-0 elvetico a Visp, reti di Moser (doppietta), Rod, Furrer e Andrighetto
EUROPA LEAGUE
1 gior
Lugano: è un'uscita di scena con beffa
In avanti 1-0 fino al 94' - grazie al punto di Aratore al 45' - i bianconeri hanno gettato alle ortiche la possibilità di salutare l'Europa con un successo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile