Keystone, archivio
+ 4
NATIONAL LEAGUE
18.06.19 - 14:400
Aggiornamento : 28.06.19 - 09:27

«Non abbiamo strapagato Kovar e pure il Lugano gli aveva fatto un'offerta»

Ingaggiando il 29enne ceco, lo Zugo ha completato un roster di primissimo livello. Reto Kläy: «Faticato per convincerlo? Molto, davvero molto»

ZUGO - I rumors sono stati confermati: lo Zugo è riuscito a convincere Jan Kovar a recitare da padrone di casa alla Bossard Arena. E lo ha fatto dopo un corteggiamento lunghissimo e pieno di intoppi. Per cedere alla corte dei Tori, il 29enne ceco ha infatti imposto una clausola di uscita verso la NHL (da sfruttare entro il 25 giugno) e una scadenza del contratto al termine della prossima stagione. Il sogno d'oltreoceano non è insomma del tutto tramontato per l'attaccante ex Plzen. 

«Nonostante ciò, siamo convinti che Jan possa rimanere con noi a lungo - ci ha raccontato Reto Kläy, ds a Zugo - La clausola e la durata limitata dell'accordo non significano che non è convinto di quel che troverà qui, solo che ancora spera di poter vivere un'avventura in NHL. L'anno prossimo sonderà forse ancora il mercato di KHL, ma credo che nella sua testa le opzioni siano Europa o America, piuttosto che Zugo o qualche altra squadra del Vecchio Continente».

Quanto avete faticato per ingaggiarlo?
«Molto, davvero molto».

Siete stati costretti a vincere la concorrenza di club agguerriti. Il ricco Berna...
«E altri. Non posso dirlo con certezza, ma pure il Lugano, per esempio, ha fatto un'offerta. Voglio in ogni caso sottolineare come Kovar non abbia scelto noi solo per una questione economica. Ho letto sui giornali delle presunte cifre che gli verseremmo (si è scritto di un ingaggio da 900'000 franchi)... sono completamente errate. Non sono neppure vicine alla realtà. Non lo abbiamo strapagato. Il suo stipendio è assolutamente in linea con gli altri del nostro club. Nel budget. E non è il più alto che gli è stato offerto».

Perché ha scelto voi, allora?
«Quattro fattori. Voleva giocare in un club che punta al titolo. È rimasto colpito dalla nostra organizzazione. Cercava una squadra nella quale potesse esprimersi al meglio e che potesse dargli la possibilità di crescere ancora. Desiderava un luogo ottimale per la sua famiglia».

Con Kovar, il vostro mercato relativo agli stranieri è concluso?
«Sì e no. Ci manca il quinto. Ma per quel profilo cerchiamo un giovane, da inserire tra le fila dell'Academy e da far crescere».

Keystone (Foto d'archivio)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
Gus 3 sett fa su tio
Di solito le tasse degli stranieri vengono pagate dai club. Quindi il motivo non è quello!
magimi63 3 sett fa su tio
Ennesima prova che lo Zugo, come il Berna e lo Zurigo, oggi come oggi sono inarrivabili. I giocatori più forti vanno tutti da loro. Ci sarà un perché. E non mi vengano sempre a dire che il progetto è valido ecc...ecc... Sono i soldi che contano e un professionista fa bene a monetizzare al massimo nella sua breve carriera.
Findus 3 sett fa su tio
Soldi su soldi per vincere un titolo ogni 20 anni. Un'assurdità
GI 3 sett fa su tio
Zugo= 6 mesi di nebbia (autunno e inverno) Lugano clima mediterraneo....dove $tà la differenza ?
skorpio 3 sett fa su tio
@GI la differenza sta che a Zugo paga 1/4 delle tasse che paga qui e molto meno che anche Berna e zurigo.
sergejville 3 sett fa su tio
ma 'sto Klay, perché deve giustificarsi? E perché tirar in ballo il Lugano? Già aveva fatto una figuraccia facendo dietro front (e bloccando) Suri… ora sempre voler rinnegare che Zugo è una potenza finanziaria. ma cosa c'è di male? Come detto chiaramente da Cereda, zug, bern, zsc e losanna sono inarrivabili. Poi c'è il gruppoHCD, HCL,biel e friborgo.
BarryMc 3 sett fa su tio
@sergejville Condivido pienamente
Zarco 3 sett fa su tio
I soldi contano contano
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NEW YORK
1 ora

529'000 dollari perché... donne

La multinazionale Procter&Gamble ha premiato la campionesse mondiali di calcio, invocando la parità salariale con gli uomini

DEL
4 ore

«Voglio vincere un titolo»

Prime parole "tedesche" per l'ex bianconero Maxim Lapierre

LONDRA
7 ore

L'invasione (sexy), un vizietto di famiglia

La coraggiosa suocera dell'ormai famosa Kinsey Wolanski ha interrotto la finale del Mondiale di cricket

TENNIS
10 ore

Djokovic e quel trucchetto per vincere

Il successo a Wimbledon? il serbo ha spiegato come ha fatto a superare la pressione e il "tifo contro": «Cantavano "Roger", sentivo "Novak"»

MPP
13 ore

Lugano fuori, Kubalik corre per il Ticino

Effettuato il primo taglio nella corsa al premio Most Popular Player. Sono rimasti dodici concorrenti

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report