KEYSTONE/KPAUS KPAPA KPPA (MELANIE DUCHENE)
+ 5
SLOVACCHIA 2019
22.05.19 - 14:090
Aggiornamento : 23:45

«È arrivata la grande opportunità, starà a me sfruttarla. Zurkirchen? Il Lugano è in buone mani»

Elvis Merzlikins a tutto tondo: «Era doveroso andare al Mondiale, ma ora sono scarico. È stata una stagione lunghissima, ho bisogno di staccare»

BRATISLAVA (Slovacchia) - Nella scorsa edizione del Mondiale, a Copenaghen, era stato premiato tra i 3 migliori giocatori della sua Nazionale. Quest'anno Elvis Merzlikins non è tra i prescelti, visto che a Bratislava non ha giocato tutte le partite (4 in totale). Arrivato dall'America all'ultimo momento per rinforzare la sua Lettonia, l'ormai ex Lugano ha comunque disputato un ottimo torneo, venendo pure eletto “best player” dei suoi nel duello con la Svizzera.

A luci spente, Elvis si concede per l'ultima intervista di questa stagione. «Sinceramente questa sarà veramente l'ultima volta che parlo con un giornalista... Sono stanchissimo, anzi stracotto», interviene Merzlikins.

Ma del tuo Mondiale sei contento? «Non è andato come desideravo. Dal lato personale mi mancava l'esperienza del gioco, ma ho fatto quello che potevo. Guardando le reti subite, quasi tutte sono state “sporcate” o “deviate”. Su una rete, quella subita da Voracek contro la Cechia, mi prendo invece tutta la responsabilità. La cosa più importante è però il Mondiale disputato dalla mia Nazionale. Sono contento, positivo e molto orgoglioso. Una volta dovevamo lottare per non retrocedere, invece negli ultimi anni ci giochiamo l'accesso ai quarti di finale».

Quella di partecipare alla rassegna iridata è stata una scelta giusta? «Sì, ho fatto bene. Era doveroso, ma adesso sono scarico, devo tagliare con l'hockey. È stata una stagione lunghissima. Tra campionato, Champions, Stati Uniti e ora qui a Bratislava. Mentalmente è stato molto difficile, ho bisogna di staccare».

Come è andata la tua prima esperienza a Columbus? «Direi molto bene, ho iniziato ad assimilare il nuovo tipo di gioco. Mi allenavo soprattutto per affinare la tecnica, conoscere l'ambiente, la società e l'organizzazione, che è davvero ottima. Mi piace assai, vedremo l'anno prossimo».

Un anno di contratto. Sei contento? «Chiaramente non sono triste... (ride ndr). È arrivata la grande opportunità. Starà a me sfruttarla al meglio. Ma adesso non ci voglio pensare. È già stato difficile tenere alta la concentrazione in queste settimane. Farò una bella preparazione estiva per essere poi pronto al grande salto».

Quindi adesso si pensa solo alle vacanze... «Giustissimo, andrò con i miei amici più cari (Sascha Tosques e Elia Mazzolini, ndr) a Formentera. Hanno organizzato tutto loro, non ho dovuto pensare a niente. Andrò anche in Lettonia a trovare la mia famiglia. Mi fermerò una settimana per rivedere e salutare tutti i parenti prima di ritornare a Lugano, dove rimarrò tutta l’estate per la preparazione estiva. Penso di aver trovato con Ruby Belge la persona giusta per questo tipo di allenamento. Lui, da ex pugile, a livello di condizione fisica è uno dei migliori sulla piazza».

Sin qui come hai visto la Svizzera alla kermesse iridata? «Direi molto bene. Una bella squadra, compatta e con un roster di valore: giocano bene e sono forti. Auguro un grande “in bocca al lupo” ai rossocrociati».

Ultime battute su Sandro Zurkirchen, tuo sostituto a Lugano... «È un ottimo portiere, anche per lo spogliatoio sarà utile, assomiglia a Walker (ride, ndr). Sul ghiaccio è molto bravo, il Lugano è in buone mani. Anche Müller potrà approfittare della sua esperienza per continuare a crescere».

KEYSTONE/EPA (CHRISTIAN BRUNA)
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
Findus 3 mesi fa su tio
beh dai, bella foto. Un tizio che sgaia
Romina Fattorini 3 mesi fa su fb
👏👊
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
44 min

In sauna, con il casco, a 50°C: Perez prepara il tremendo Singapore

Il 29enne pilota messicano sta cercando di prepararsi al meglio per il Gran Premio del weekend

NATIONAL LEAGUE
2 ore

Tegola Friborgo: Sprunger out almeno due mesi

Il capitano dei burgundi si è infortunato al ginocchio destro in uno scontro con Robbie Earl

SERIE B
4 ore

«A Lugano mi sono sempre sentito parte di una famiglia. Ascoli? È quello che cercavo»

Mario Piccinocchi aveva chiuso la sua avventura in bianconero dopo quattro anni: «Cercavo qualcosa di nuovo»

LIGUE 1
7 ore

Icardi indesiderato a Parigi per colpa di Messi?

L'argentino non sarebbe stato accolto bene dai connazionali Paredes e Di Maria. Su suggerimento di Leo...

L'OSPITE - ARNO ROSSINI
10 ore

«Renzetti è come il custode allo stand di tiro: pronto a sparare alla prima difficoltà»

Copenaghen può dare la spinta o affossare il Lugano. Arno Rossini: «L'Europa è una vetrina importantissima. È come esporre la merce sugli Champs-Élysées invece che a Monte Carasso»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile