HCL/ZSC
27.04.18 - 09:310
Aggiornamento : 12:43

«Caro collega ti scrivo», c'è gara-7, lo sfottò è d'obbligo

Il ticinese Christian Botta da una parte, lo zurighese Marcel Allemann dall'altra; ognuno si è preso gioco dell'altro parteggiando per la squadra del proprio cantone

LUGANO - Per qualche ora 20 Minuti e 20 Minuten saranno rivali. Colpa - o merito, scegliete voi - dell'hockey. Pur colleghi e senza essere per forza tifosi, i giornalisti Christian Botta (il ticinese, a sinistra) e Marcel Allemann (lo zurighese), si sono infatti un po' stuzzicati in vista di gara-7. Si sono scritti una lettera, motivando in essa il successo della "loro" squadra.

La zampata ticinese

Caro Marcel,

pensavi - come d’altronde tutto il popolo di fede zurighese - di vincere il titolo all’Hallenstadion in gara-6? E invece il Lugano ha dimostrato ancora una volta di avere un grandissimo carattere e uno spirito di squadra unico in questo senso, così come una capacità incredibile di superare ogni tipo di difficoltà. Il gruppo è coeso, è sempre riuscito a gestire bene gli infortuni illustri che hanno colpito il roster, non teme nessuno e non avrà sicuramente paura in gara-7 davanti ai propri tifosi. Il Leone è ormai ingabbiato e le ultime due sconfitte consecutive hanno messo in evidenza la totale confusione mentale in cui si trova la banda di Kossmann, così come la frustrazione che ha colpito i giocatori zurighesi in pista, da ultimo il fallo inutile e cattivo di Pettersson ai danni di Lapierre. Sarà difficile avere la meglio su questi bianconeri: gli ingredienti per vincere il titolo saranno  - come al solito - cuore, grinta, determinazione, solidità difensiva e cinismo offensivo. Oltre a questo sarà davvero un peccato che lo svedese non possa scendere sul ghiaccio della Resega, anzi l’ideale è che resti a Zurigo, poiché si risparmierebbe di vedere i suoi ex compagni alzare la mitica coppa, cosa che non è stato in grado di fare due anni fa proprio insieme a loro. E tu sei sicuro di voler scendere in Ticino? Resta a casa, insieme a Pettersson, ti conviene...

Tanti cari saluti

Christian

La risposta zurighese

Lieber Christian,

dunque, la pensi davvero così? Pensi davvero che il Lugano vincerà il titolo? Devo deluderti! I bianconeri hanno perso le loro ultime tre “Finalissime” alla Resega: due volte contro il Berna e una volta contro... Esattamente, lo Zurigo, nel 2001. Per quanto siano grandi e calorosi i tifosi del Lugano, questi possono diventare un peso in determinati momenti. Un peso per i giocatori, che di sicuro faranno di tutto per non deluderli. Questa volta i Lions scenderanno sul ghiaccio con uno spirito diverso: non saranno più la squadra iperattiva che hai visto mercoledì. I bianconeri saranno così: giocheranno pensando costantemente a come vincere il titolo in casa. Lo Zurigo, d'altra parte, non ha nulla da perdere. E ho ancora la sensazione che nel suo insieme sia il gruppo più compatto della National League, il migliore, e penso che abbia anche maggiori riserve di energia. E che Fredrik Pettersson, un pazzo, sia squalificato e non potrà prendere parte alla sfida, non è uno svantaggio, ma addirittura un vantaggio. La sua assenza renderà più coesa la squadra. Sì, Christian, il tuo lavoro non sarà piacevole al termine del match. Dovrai asciugare le lacrime del tuo Lugano. Ma non preoccuparti, ti pagherò la cena quando, la prossima estate, verrò nel bellissimo Ticino e, in riva al lago, ripenseremo insieme a questa pazza finale.

Liebe Grüsse

Marcel

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
TENNIS
2 ore

Va al bar a vedere Federer-Djokovic, ora rischia il carcere

Ai domiciliari per una condanna di quattro mesi, il 58enne si è recato al bar per gustarsi il quinto set della finale: «Ho fatto una stupidaggine»

SAN PAOLO
5 ore

Cafu sommerso dai debiti: già perse cinque proprietà

«È un mio problema personale», le parole dell'ex capitano del Brasile. Pignorate altre 15 proprietà

TENNIS - LE CIFRE
8 ore

Novak & Roger: Titani-show tra feste e occasioni perse

Djokovic è il numero uno al mondo. Federer è, probabilmente, il migliore di sempre

SONDAGGIO
UN DISCO PER L'ESTATE
11 ore

Quando Wes Walz fece il fenomeno e schiantò (quasi da solo) l’Ambrì

Il centro canadese fu il grande protagonista dell’unico titolo conquistato dallo Zugo nella stagione 1997/98 con dei playoff semplicemente mostruosi

SUPER LEAGUE
20 ore

«Behrami? Necessitavamo di una presenza forte nel gruppo»

Il dg del Sion - Marco Degennaro - si è espresso in merito alla nuova stagione che sta per iniziare: «Mercato in uscita? C'è un grande legame con il Chiasso»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report