Immobili
Veicoli
Bologna
0
Napoli
2
2. tempo
(0-1)
Milan
1
Spezia
1
2. tempo
(1-0)
Fiorentina
Genoa
20:45
 
Lakers
1
Langnau
1
1. tempo
(1-1)
BUF Sabres
1
Detroit Red Wings
0
1. tempo
(1-0)
COL Avalanche
MIN Wild
21:00
 
Bologna
0
Napoli
2
2. tempo
(0-1)
Milan
1
Spezia
1
2. tempo
(1-0)
Fiorentina
Genoa
20:45
 
Lakers
1
Langnau
1
1. tempo
(1-1)
BUF Sabres
1
Detroit Red Wings
0
1. tempo
(1-0)
COL Avalanche
MIN Wild
21:00
 
Imago
+12
PARIGI
01.12.21 - 10:000
Aggiornamento : 17:33

«La classifica del Pallone d’Oro non ha senso»

«Jorginho? Forse il Pallone d’Oro gli è sfuggito per il rigore fallito contro la Svizzera»

Arno Rossini: «Come spesso accade nel calcio, c’è tanta confusione, un po’ di nebbia...».

PARIGI - “Il calcio è un gioco semplice: ventidue uomini rincorrono un pallone per novanta minuti, e alla fine la Germania vince”.

Questa celebre frase di Gary Lineker potrebbe essere usata per raccontare quello che ormai è diventato il Pallone d'Oro: è un gioco semplice, c'è un pugno di candidati importanti ma alla fine vince sempre (o quasi) Messi. Il settimo trionfo della Pulce è stato tra i più contestati. Anche in passato c’era stato qualche mugugno, è vero; mai come in questo 2021 l’ondata di proteste è però stata grande. E questo non tanto per le qualità del giocatore - assolutamente fuori discussione - quanto perché almeno in questo caso c'era chi sembrava meritarlo di più.

«Messi è bravissimo, è un fenomeno, ma quest’anno il Pallone d'Oro non l'avrei dato a lui - ha detto Arno Rossini - Sgombriamo il campo dai dubbi: non c'è stato nessuno scandalo. Vedere Leo alla cerimonia tra i migliori al mondo è qualcosa di inevitabile: lui ha segnato il calcio dell’ultimo ventennio. Semplicemente, guardando agli ultimi dodici mesi, non è stato il più bravo».

I grandi rivali sono stati, a questo giro, Robert Lewandowski e Jorginho.
«Personalmente l'avrei dato al polacco del Bayern Monaco. Il motivo? L'anno scorso avrebbe meritato il premio, che invece non è stato assegnato, e quest’anno ha continuato a esprimersi a quei livelli. Si è confermato un bomber implacabile». 

Jorginho ha vinto la Champions con il Chelsea e l’Europeo con l’Italia…
«Anche lui, secondo me, aveva “numeri” migliori di quelli di Messi. Almeno a livello di squadra. Forse il premio gli è sfuggito per il primo rigore fallito contro la Svizzera (quando ha sbagliato il secondo le votazioni erano già chiuse, ndr). Comunque, penalty o meno, tenuto conto dei suoi successi, anche la storiella del riconoscimento consegnato a chi si distingue con club e nazionale a questo punto non regge più».

Magari si è guardato alla classe.
«E allora come si spiega l’assenza di Cristiano Ronaldo dalla top-5? Forse il portoghese non ha vissuto la sua miglior stagione, va bene; con la Juventus e con la selezione del suo Paese è però quasi sempre stato decisivo. E poi ha qualità mostruose. Vale Messi? Se ne può parlare, ma di sicuro è tra i migliori cinque al mondo. La classifica del Pallone d’oro non ha troppo senso. Come spesso accade nel calcio, c’è tanta confusione, un po’ di nebbia...».

Non è quello che ha segnato più gol, non è stato decisivo con Barcellona e PSG, ha vinto la Copa America ma c’è chi ha fatto meglio, ha qualità indiscutibili ma se si fossero guardate quelle Ronaldo gli sarebbe almeno stato vicino… Perché dunque ha vinto Messi?
«Facile: politica, opportunismo. È fortissimo e in più ha un clan, chiamiamolo così, molto influente. Penso agli sponsor, ai possibili partner commerciali... Incoronare un simbolo conviene a tutti. Pensate alla riconoscibilità del campione e dell'uomo. Se chiedi di Messi in qualsiasi Paese del mondo chiunque saprà dirti chi è. Se fai la stessa cosa con Lewandowski e Jorginho non hai la medesima certezza. Nei Paesi nei quali il calcio non è il primo sport, il polacco e l'italiano non sono probabilmente spendibili sul mercato».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STF (Christophe Ena)
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MOTOMONDIALE
3 ore
«Sono stato male e ho sofferto molto»
Andrea Iannone è tornato a parlare ammettendo che la MotoGP gli manca tantissimo
TENNIS
8 ore
Djokovic, a rischio anche il Roland Garros: «Solo vaccinati»
Il ministro dello sport Roxana Maracineanu si è espresso in merito al prossimo slam francese.
HCL/HCAP
12 ore
Frenata bianconera, l'Ambrì lotta ma non trova continuità
Il Lugano, rimasto a bocca asciutta, è ancora in cerca del primo acuto del 2022. Weekend da tre punti per i biancoblù.
SERIE A
21 ore
L'Inter si ferma a 8: la Dea rallenta la capolista
Si è conclusa 0-0 la sfida del Gewiss Stadium tra i bergamaschi e i campioni d'Italia.
HCL
1 gior
Fa festa il Bienne, il Lugano cade ancora
Malgrado un ottimo avvio, il Lugano è stato rimontato nell’ultima frazione dal Bienne, capace di imporsi 3-2.
HCAP
1 gior
Niente bis: Ambrì sconfitto a Losanna
I biancoblù, battuti 3-2, hanno sciupato l'occasione di migliorare la loro media-punti.
TENNIS
1 gior
La famiglia Djokovic: «Purtroppo non ha vinto lo sport»
La famiglia è estremamente dispiaciuta per quanto capitato al tennista.
TENNIS
1 gior
Durissima reazione del padre di Nole
La federazione serba di tennis: «La farsa è finita. Questa volta la politica ha sconfitto lo sport».
MELBOURNE
1 gior
Lamenti e pretese, storia del (pessimo) modello-Djokovic
In Australia Djokovic ha goduto di favori inarrivabili per qualsiasi comune mortale
SCI ALPINO
1 gior
Kristoffersen detta legge a Wengen (almeno per ora)
Miglior elvetico Ramon Zenhäusern, quarto a 62 centesimi dal norvegese: riuscirà a salire sul podio?
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile