Immobili
Veicoli
Imago
ARGENTINA
22.11.21 - 19:050
Aggiornamento : 23.11.21 - 13:20

«Purtroppo aveva una componente di dipendenza da tutto ciò che era distruttivo»

Nelson Castro - autore del libro "La salute di Diego: la vera storia" - ha svelato alcuni dettagli sull'argentino

BUENOS AIRES - Tra tre giorni sarà trascorso un anno da quel triste 25 novembre 2020, giorno in cui si è spento Diego Armando Maradona lasciando un vuoto incolmabile nel mondo del calcio e dello sport in generale. Tantissime voci si sono rincorse sulle cause che hanno portato alla morte del campione argentino e sui presunti errori commessi dai medici che lo seguivano.

A rivelare nuovi dettagli è stato il medico-giornalista Nelson Castro, autore del libro intitolato "La salute di Diego: la vera storia". «Con un quadro medico simile, altri sarebbero morti molto tempo prima - sono state le sue parole - Purtroppo aveva una componente di dipendenza da tutto ciò che era distruttivo per lui. Era dipendente da tutto. Maradona aveva un corpo privilegiato in termini di resistenza».

Poi ecco i dettagli ancor più piccanti... «Il suo cuore è stato estratto prima della sepoltura per studiarlo, perché risulta molto importante nel determinare le cause della morte di Maradona. Il suo cuore, infatti, pesava mezzo chilo quando normalmente pesa 300 grammi. Era così grande per vari motivi, per esempio a causa del suo scompenso cardiaco e soprattutto a causa della malattia cardiaca con cui conviveva ormai da tempo».

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
FC LUGANO
2 ore
Dal Bayern con furore: «Lugano la mia prima vera esperienza»
Il difensore Lukas Mai è felice di aver raggiunto Cornaredo: «Ho subito capito che sarebbe stata la piazza ideale».
ATLETICA
3 ore
Ajla Del Ponte beffata: la Kambundji le soffia il record
L'elvetica ha fermato il cronometro con il tempo di 10''89, un solo secondo in meno rispetto al primato della ticinese.
BUDAPEST 2022
6 ore
Serata amara per Noé Ponti: ottavo posto per lui
Il campione ticinese ha colto l'ultima piazza nella gara vinta dall'ungherese Kristof Milak.
TENNIS
8 ore
Wimbledon: (ben) otto svizzeri al via
Per Stan Wawrinka e Alexander Ritschard non sarà semplice, poiché affronteranno Jannik Sinner e Stefanos Tsitsipas.
BUDAPEST 2022
10 ore
Svenire in acqua è... terribile: «Si tratta di un caso isolato»
La statunitense Anita Alvarez aveva perso i sensi in acqua ed era stata salvata dalla sua allenatrice Andrea Fuentes.
SUPER LEAGUE
11 ore
Via Doumbia, arriva Selnaes
Il mediano norvegese si è accordato con lo Zurigo per una stagione.
NATIONAL LEAGUE
14 ore
«Siamo in 34... mi hanno chiesto se gioco a football americano»
Bozon & Losanna: «Sono pronto a lottare per un ruolo importante. Portieri stranieri? Juvonen ad Ambrì fa la differenza».
BUDAPEST 2022
18 ore
Noè Ponti, oggi è il giorno
Un marziano e tanti avversari: Noè in acqua per la "sua" gara
L'OSPITE - STEFANO TOGNI
1 gior
Il mercato di Lugano e Ambrì sotto la lente: sei o sette stranieri?
Stefano Togni sull'Ajoie: «Vauclair ha già fatto capire di che pasta è fatto. Nummelin è la ciliegina sulla torta».
BUDAPEST 2022
1 gior
Noè Ponti, un campione: ancora una finale mondiale
Bronzo alle Olimpiadi e (per ora) finale ai Mondiali: Ponti superlativo nei 100m farfalla
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile