Immobili
Veicoli
Sampdoria
4
Fiorentina
1
fine
(2-0)
Juventus
Lazio
20:45
 
Francia
2
Germania
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Finlandia
3
Usa
0
2. tempo
(1-0 : 2-0)
Sampdoria
4
Fiorentina
1
fine
(2-0)
Juventus
Lazio
20:45
 
Francia
2
Germania
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Finlandia
3
Usa
0
2. tempo
(1-0 : 2-0)
Imago
+21
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
11.08.21 - 07:000
Aggiornamento : 23:10

«Murat Yakin? Credo che di profili migliori ce ne fossero in giro»

Arno Rossini: «Se vai da Lucien Favre non puoi insultarlo offrendogli un contratto brevissimo»

«Siamo partiti male. Quando una dirigenza interpella i giocatori, immediatamente leva potere e credibilità al mister».

MURI - Non Lucien Favre, Joachim Löw o Arsène Wenger e neppure René Weiler o Bernard Challandes. Il nuovo selezionatore della Nazionale è Murat Yakin. Svizzerissimo, preparatissimo, emozionatissimo, il 46enne ha toccato il cielo con un dito quando è arrivata la chiamata dalla Nati. Ma la Nati può, a sua volta, brindare? Ha portato a casa l’uomo giusto per ricominciare dopo il regno di Vlado Petkovic?

«Dobbiamo sperarlo - è intervenuto Arno Rossini - dobbiamo augurarcelo con tutto il cuore».

Risposta che fa trasparire poca convinzione...
«Diciamo che mi aspettavo un altro nome e altre modalità di gestione della trattativa».

Cosa stona nella nomina di Yakin?
«La Nazionale è reduce da un ottimo Europeo e occupa il 13esimo posto nel ranking FIFA. È insomma una realtà importante. Mi sarei quindi aspettato la chiamata di un allenatore importante». 

Murat non lo è?
«Ha avuto una bella carriera da calciatore. E una buona prima parte di carriera da allenatore. Però ora era in Challenge League, in un club che è in parte suo. Poi, lo spero davvero, magari in rossocrociato saprà sorprendere; penso in ogni caso che di profili migliori ce ne fossero in giro. Credo che per noi Yakin abbia l’appeal a suo tempo avuto da Ventura in Italia. Mi auguro vivamente che i risultati siano diversi».

Qualche nome è stato fatto. Magari, semplicemente, l’ASF ha preso dei due di picche.
«E qui siamo alla gestione della trattativa con i candidati: se punti un grande allenatore devi essere pronto a fargli un’offerta irrinunciabile».

Tanti soldi.
«I parametri per convincere un professionista sono tre: soldi, durata del contratto, potere in seno alla Federazione in quanto a gestione delle squadre nazionali. Se non puoi concludere un accordo ricco magari puoi puntare sulla durata. O dare maggiori poteri. Puoi per esempio assicurare al big di turno che avrà la possibilità di portare la sua filosofia di calcio e che avrà il tempo per svilupparla. Qui invece non c’è stato nulla di ciò, anzi il "tempo" è qualcosa di assolutamente stonato».

Il tempo delle qualificazioni al Mondiale.
«E poi vi sorprendete che i grandi abbiano declinato? Se vai da Lucien Favre, che è di gran lunga il migliore in Svizzera, non puoi insultarlo offrendogli un contratto brevissimo. Lui che ha rifiutato Bordeaux e Crystal Palace andava stuzzicato con qualcosa di più. E lo stesso vale per gli altri. C’è poi la questione giocatori, al parere che è stato chiesto».

Non va bene?
«Il selezionatore è il capo. I calciatori sono al suo servizio. Non devono accoglierlo, solo seguire le sue istruzioni. Quando la dirigenza, che sia di una Federazione o di un club, interpella i giocatori, immediatamente leva potere e credibilità al mister. Così siamo partiti male». 

La situazione è quindi poco entusiasmante?
«Proponendo un contratto di un anno, poco più, e interpellando i calciatori, a Muri hanno implicitamente dimostrato di non aver loro, per primi, fiducia in Yakin. Sembra quasi abbiano detto: “prendiamo lui, lo teniamo fino al Mondiale e intanto vediamo se c’è qualcosa di meglio in giro”. Avessero veramente creduto nella scelta fatta avrebbero almeno firmato fino al prossimo Europeo. Qualora i primi risultati dovessero essere negativi, con un accordo lungo solo fino novembre prossimo, quale pensate potrà essere il peso di Murat nello spogliatoio?».

Dall’addio di Petkovic non è passato molto: l’ASF, va detto, ha dovuto muoversi velocemente in vista dei prossimi, imminenti, impegni.
«Vero, ma si è anche fatta trovare totalmente impreparata e si è mossa in maniera goffa, mettendo al timone della barca un capitano che potrebbe presto trovarsi nella tempesta».

Contattata, l’ASF ha tenuto a precisare che a Lucien Favre non è mai stato offerto il posto di selezionatore per la Nazionale maggiore e che i giocatori non sono in nessun momento stati coinvolti nel processo di scelta e ingaggio di Murat Yakin.

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (ALESSANDRO DELLA VALLE)
Guarda tutte le 25 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
TAMPERE & HELSINKI 2022
2 ore
Il Canada non sbaglia, vince anche la Lettonia di Merzlikins
La Nazionale con la foglia d'Acero si è imposta per 5-1 sulla Slovacchia, mente i lettoni per 3-2 sulla Norvegia
NAZIONALE
5 ore
Miranda e Riat premiati da Patrick Fischer
Patrick Fischer ha assegnato gli ultimi due posti disponibili nel roster
COPPA SVIZZERA
7 ore
Coppa Svizzera, festeggia anche Vacallo: «Alcuni a Berna solo per il Crus»
Il sindaco di Vacallo, comune nel quale Mattia Croci-Torti è nato e cresciuto, è naturalmente felice e orgoglioso
PREMIER LEAGUE
9 ore
Klopp sbotta: «È la competizione più ridicola nel calcio»
Troppi impegni, tanti infortuni (l'ultimo quello di Salah). Il mister dei Reds dice la sua...
FCL
13 ore
Il Lugano, la Coppa e (ancora) l'Europa: l'impresa del Crus è servita
I bianconeri hanno riportato la Coppa nazionale a Cornaredo: si tratta della quarta affermazione nella storia del club.
COPPA SVIZZERA
22 ore
Lugano, l'euforia è grande: «Il Ticino ha vinto»
Oltre al gladiatore Mijat Maric, si è espresso anche Martin Blaser, CEO del club: «Croci-Torti? Scelta azzeccata».
TAMPERE & HELSINKI 2022
22 ore
Danimarca, poca cosa: la Svizzera la demolisce
Secondo successo “mondiale” per la Svizzera, sbarazzatasi 6-0 della Danimarca
COPPA SVIZZERA
1 gior
Piccolo-Grande Crus: «Siamo nella storia»
Il tecnico del Lugano in lacrime dopo l'importante vittoria: «Come tifo siamo stratosferici».
COPPA SVIZZERA
1 gior
Lugano, è tutto vero: «Contentissimo per il Ticino»
Capitan Sabbatini non sta più nella pelle: «È il trofeo più importante della mia carriera».
BERNA
1 gior
Quattro schiaffi al San Gallo: Lugano re di Coppa
Il Lugano doma il San Gallo e conquista per la quarta volta nella sua storia la Coppa Svizzera
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile