Ti-Press
+4
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
26.05.21 - 07:000
Aggiornamento : 12:22

«Lugano e il Lugano devono essere grati a Renzetti»

Arno Rossini: «Il presidente è spesso stato lasciato solo»

I nuovi acquirenti? «Per passione, speculazione, possibili guadagni…».

LUGANO - Il dado non è (ancora) tratto ma già ci si trova a parlare della presidenza di Angelo Renzetti come qualcosa relativo al passato. Ovvio, comprensibile, visto che è stato proprio l’attuale presidente ad ammettere come la sua avventura bianconera sia ai titoli di coda. 

Certo sarà strano, per un po’, parlare di Lugano e non tirare in ballo il dirigente che per un decennio lo ha accompagnato. Nella buona e nella cattiva sorte.

«Nella buona, non scherziamo - è intervenuto Arno Rossini - Lugano e il Lugano devono essere grati a Renzetti per tutto quello cha ha fatto». 

Di sicuro non ha fatto annoiare.
«Ma ha anche garantito risultati sportivi di primissimo piano. Ha preso una media squadra di Challenge League e l’ha portata a ridosso delle big del calcio nazionale. Ha centrato una promozione con Bordoli, trovato l’immediata salvezza e una finale di Coppa con Zeman, che guidava un gruppo nel quale la qualità non abbondava. Poi c’è stata l’ulteriore crescita che ha portato a due qualificazioni all’Europa League e al quarto posto di quest’anno. I numeri non mentono».

Quali sono i meriti più grandi del Renzetti dirigente?
«Ha tenuto in piedi la baracca. Già questo… E poi è stato in grado di dotarla, nel tempo, di una struttura di primo piano. Ha trovato in Michele Campana un Direttore bravissimo e in generale ha “promosso” collaboratori molto in gamba. Abbiamo parlato di risultati sportivi, ma per me un successo importantissimo riguarda soprattutto la solidità data al club. Non ottieni sempre la licenza in prima istanza se la società non è sana». 

Sana non significa ricca.
«Questo è stato, forse, l’unico vero errore fatto negli anni. Anche se non so se si possa realmente incolpare Renzetti o se, invece, si debba puntare il dito verso gli imprenditori del cantone. Il presidente ha più volte lanciato un grido d’aiuto verso la città, verso il territorio. Ha chiesto sostegno finanziario ma è spesso stato lasciato solo. Probabilmente, ma è ovvio che non si sta parlando di qualcosa di semplice, se fosse stato in grado di promuovere in società qualcuno in grado di portare investitori, la sua permanenza in bianconero sarebbe stata più facile. In altri club questa figura è presente. E posso assicurarvi che riesce a garantire capitali enormi. Milioni».

Renzetti lascia perché il peso economico del club è diventato per lui insostenibile. Se si parla solo di spese, perché qualcun altro allora subentra?
«Passione, speculazione, possibili guadagni… i motivi possono essere molti».

Passione no. Se l’acquirente è un gruppo straniero e non del territorio, allora la passione c’entra poco.
«Vero. Ma in questo caso, è chiaro, chi “entra” lo fa perché spera di avere un ritorno. Economico o di immagine. Scopriremo nel tempo la reale motivazione».

Questo è comprensibile e non per forza negativo. Diventa però un problema se il “ritorno” non favorirà la squadra.
«Se si lavora bene, guadagnare con il calcio, o comunque rendere il pallone un investimento, è ancora possibile. E poi non dimenticate che, comunque, all’orizzonte c’è il nuovo stadio. E una struttura del genere, se ben sfruttata, può portare enormi vantaggi al “padrone di casa”».

CALCIO: Risultati e classifiche

TiPress/archivio
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
TENNIS
1 ora
«Non è accettabile che Novak sia sempre il cattivo, mentre Roger e Rafa...»
Boris Becker: «Conosco Nole sia a livello privato che professionale ed è un bravo ragazzo».
HCL
11 ore
McSorley torna a Ginevra e il Lugano vince
Prestazione convincente fornita dai sottocenerini, vittoriosi 5-3 in terra romanda.
BORDEAUX
12 ore
Rabbia Petkovic
L'ex selezionatore rossocrociato è arrabbiato con i vertici della Federazione elvetica.
COPPA SVIZZERA
13 ore
Il Paradiso sfiora l'impresa
Gli argoviesi hanno deciso la sfida in terra ticinese all'84' con Kevin Spadanuda
MOTOMONDIALE
15 ore
«Impossibile raccogliere il testimone di Valentino Rossi»
Il pilota della Ducati sta attraversando un periodo magico: «Sono contento, stiamo lavorando veramente bene»
MOTOMONDIALE
18 ore
Pazzesco Bagnaia: pole e record della pista
A Misano Adriatico l'italiano ha stabilito il nuovo primato del circuito fermando il tempo in 1'31''065.
MOTO GP
21 ore
«Non mi sto divertendo»
Marc Marquez non si sente in forma: «Sto cercando di lottare e di fare progressi, ma purtroppo soffro».
FORMULA 1
1 gior
Wolff su Verstappen: ecco il chiarimento
Il boss della Mercedes ha parlato nuovamente del contatto avvenuto fra i due piloti nell'ultimo Gran Premio.
HCAP
1 gior
L’Ambrì cade ma non piange
Ambrì agguerrito, Zugo implacabile: prima sconfitta in campionato
HCL
1 gior
Tre gol dell'ex Brunner: Lugano colpito e affondato
Il BIenne ha espugnato la Cornèr Arena 5-3. Per i sottocenerini da segnalare la doppietta di Fazzini.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile