Ti-Press
+1
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
28.04.21 - 07:150
Aggiornamento : 22:21

«Constantin via da Sion? Più facile spostare il Duomo da Milano»

Arno Rossini: «Il Sion è alla disperazione».

«Lo spareggio? Non sarà una passeggiata per la squadra di Super League».

Cinque squadre in corsa per la qualificazione alla prossima campagna continentale, quattro in lotta per evitare la retrocessione. Con la sua classifica estremamente corta - Young Boys escluso - la Super League promette un finale di stagione scoppiettante. 

Chi arriverà secondo? Tra rendimenti altalenanti e scontri diretti ancora da disputare, la matassa è ancora parecchio ingarbugliata. Un po’ più lineare - ma poco - sembra invece la situazione nella bassa classifica dove, pur con San Gallo e Zurigo ancora traballanti, sono Sion e Vaduz i grandi indiziati a chiudere sul fondo.

«È un bel campionato, vivo - ha sottolineato Arno Rossini - le ultime giornate saranno emozionanti». 

Il Lugano è tra la squadre da seguire con attenzione.
«Fin qui ha completato una bella stagione, guadagnandosi il diritto di affrontare con serenità questi ultimi impegni. E non era semplice. Ricordiamoci che i bianconeri hanno un budget limitato rispetto alle concorrenti, eppure sono lì. E poi hanno una volta ancora ottenuto immediatamente la licenza; sono gli unici, che io mi ricordi, a esserci sempre riusciti al primo colpo negli ultimi anni. Per questo non si possono che fare i complimenti a Renzetti che, facendo enormi sacrifici, ha saputo coniugare i risultati a una gestione societaria sana. Con gli spiccioli, a Cornaredo stanno portando a casa dei lingotti d’oro». 

Da qui a fine corsa il Lugano sfiderà anche lo Zurigo, il Vaduz e il Sion.
«Sarà uno degli arbitri nella corsa per evitare la retrocessione».

Chi la spunterà?
«Credo che per chiudere i conti servano 41-42 punti. Il San Gallo si è un po’ rilanciato con l’ultima vittoria e lo Zurigo… beh credo si giocherà tantissimo domenica proprio contro i bianconeri. I biancoblù hanno paura, stanno tremando, ma hanno pure fame, voglia e motivazioni: vincendo potrebbero fare un passo importantissimo verso la conferma in categoria. Rimangono il Vaduz e il Sion, e tra le due quella del Principato è sicuramente la squadra migliore. Attenzione, ho detto “squadra”, proprio perché si muovono tutti assieme. Al Tourbillon ci sono invece le individualità».

Significa che scenderà il Sion?
«Secondo me dipende da Hoarau. Se il francese riuscirà a ripagare almeno in parte la fiducia in lui riposta dai dirigenti vallesani, che ingaggiandolo pensavano - sbagliando - di aver fatto un affare, allora la salvezza sarà possibile. Ma siamo alla disperazione. D’altronde i biancorossi hanno provato di tutto: la difesa a tre, a quattro, il cambio allenatore… ora rimane giusto la disperazione».

Con una retrocessione si chiuderebbe il regno di Constantin?
«Più facile spostare il Duomo da Milano che Christian da Sion. Stiamo parlando di un imprenditore orgoglioso, legato al territorio e con una grande voglia. Se retrocessione sarà, arriveranno gli investimenti. Nel caso, vedrete, il purgatorio della Challenge League durerà poco. Giusto un anno». 

Forte indiziato per il penultimo posto rimane dunque il Vaduz.
«Che comunque rischia molto. La possibilità che la squadra di Super League venga sconfitta nello spareggio è infatti reale». 

La differenza tra le categorie dovrebbe essere netta…
«Forse a livello di qualità, ma al “piano di sotto” ci sono grande ritmo e intensità. E poi, non dimenticatelo, chi arriverà a quello scontro dalla Challenge avrà grandissimo entusiasmo. In questo momento sembra che possa toccare al Thun, squadra solida, fisica, che sul suo sintetico può mettere in difficoltà qualunque rivale. Non sarà una passeggiata incrociarlo».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
TENNIS
1 ora
«Non è accettabile che Novak sia sempre il cattivo, mentre Roger e Rafa...»
Boris Becker: «Conosco Nole sia a livello privato che professionale ed è un bravo ragazzo».
HCL
11 ore
McSorley torna a Ginevra e il Lugano vince
Prestazione convincente fornita dai sottocenerini, vittoriosi 5-3 in terra romanda.
BORDEAUX
12 ore
Rabbia Petkovic
L'ex selezionatore rossocrociato è arrabbiato con i vertici della Federazione elvetica.
COPPA SVIZZERA
13 ore
Il Paradiso sfiora l'impresa
Gli argoviesi hanno deciso la sfida in terra ticinese all'84' con Kevin Spadanuda
MOTOMONDIALE
15 ore
«Impossibile raccogliere il testimone di Valentino Rossi»
Il pilota della Ducati sta attraversando un periodo magico: «Sono contento, stiamo lavorando veramente bene»
MOTOMONDIALE
17 ore
Pazzesco Bagnaia: pole e record della pista
A Misano Adriatico l'italiano ha stabilito il nuovo primato del circuito fermando il tempo in 1'31''065.
MOTO GP
21 ore
«Non mi sto divertendo»
Marc Marquez non si sente in forma: «Sto cercando di lottare e di fare progressi, ma purtroppo soffro».
FORMULA 1
1 gior
Wolff su Verstappen: ecco il chiarimento
Il boss della Mercedes ha parlato nuovamente del contatto avvenuto fra i due piloti nell'ultimo Gran Premio.
HCAP
1 gior
L’Ambrì cade ma non piange
Ambrì agguerrito, Zugo implacabile: prima sconfitta in campionato
HCL
1 gior
Tre gol dell'ex Brunner: Lugano colpito e affondato
Il BIenne ha espugnato la Cornèr Arena 5-3. Per i sottocenerini da segnalare la doppietta di Fazzini.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile