Imago
+10
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
24.03.21 - 09:000
Aggiornamento : 13:01

«Svizzera competitiva, ma le big sono altre»

Arno Rossini: «Questa generazione ha ancora un paio d’anni. Niente risultati? Avrebbe di che mangiarsi le mani».

«La crescita della U21 servirà da stimolo».

SOFIA - Da domani si riparte, primo avversario la Bulgaria. Poi toccherà alla Lituania e all’ininfluente - e forse anche controproducente - amichevole con la Finlandia. Ferma da novembre scorso, la Nati darà una scossa al suo motore ingolfato con un duplice obiettivo: fare immediatamente punti nelle qualificazioni per il Mondiale 2022 e cercare (trovare?) velocemente la giusta carburazione in vista dell’Europeo estivo. Ma se per la rassegna continentale qualche tentativo ancora si può fare, per Qatar2022 la scintilla deve scoccare subito: stentare in avvio potrebbe essere pericoloso. Questo nonostante il girone sia di quelli facili.

«Bulgaria, Lituania e poi Italia e Irlanda del Nord, non dovremmo avere alcun problema - ha sottolineato Arno Rossini - gli Azzurri sono forti ma comunque con loro ce la si può giocare, le altre sono ampiamente alla nostra portata».

Il ranking FIFA “dice” che l’Irlanda del Nord è la 45esima selezione più forte al mondo. La Bulgaria occupa il 68esimo posto. La Lituania il 129esimo. La Svizzera è 16esima, sempre che questa classifica abbia un senso.
«Ce l’ha eccome. Dà infatti un’idea piuttosto precisa del valore delle squadre in gioco. E poi pesa anche per quanto riguarda visibilità e "spendibilità" del marchio. Meglio sei piazzato in graduatoria, più sei cercato dagli avversari per le amichevoli. E anche in quanto a sponsor... un conto è trattare con un partner se sei mediocre, un altro è se sei nella top-20 al mondo».

Il calcio, quello dei 90’, è però un’altra cosa.
«Il coefficiente non scende in campo, è vero, se è questo che intendete. Però, come le classifiche dei tanti campionati che si seguono, il ranking FIFA è affidabile». 

Ciò significa, traducendo, che di sicuro la Svizzera chiuderà il girone in una delle prime due posizioni? E che quindi andrà direttamente al Mondiale o, almeno, andrà agli spareggi...
«Sinceramente, non vedo come possa finire dietro a una tra Irlanda del Nord, Bulgaria o Lituania».

Nel caso non si andasse al Mondiale si dovrebbe parlare di fallimento?
«Sicuro. Noi senza il Mondiale? Sarebbe un fallimento totale, una bocciatura senza possibilità di appello. Ma non accadrà. Nel girone, Italia a parte, abbiamo giocatori esperti e con grande personalità che le altre selezioni non hanno. E questo “grazie” a carriere sviluppatesi soprattutto lontano dalla Super League. Il secondo posto non dà garanzie, è vero, però...». 

Se si desse retta esclusivamente al ranking, si potrebbe raccontare di una Svizzera grande con le piccole ma costretta a recitare da piccola contro le grandi.
«Le vere big, in Europa o nel mondo, sono altre. E per il momento sono lontane. Però io questa Svizzera la vedo più competitiva rispetto al passato. Vlado Petkovic ha cominciato con Inler e poco altro, ora invece può contare su un gruppo con diversi elementi di spicco. E la crescita della U21 non può che far piacere. Non per i risultati però: sapere di aver “dietro” dei giovani che scalpitano servirà da stimolo ai nazionali. Avere concorrenza, non avere il posto garantito, creerà competizione e porterà crescita».

Per l’Europeo o il Mondiale si può quindi sperare in qualcosa più del solito ottavo di finale?
«Questa generazione non avrà ancora molte occasioni: io la vedo in gioco per un altro paio d’anni. Fino al Qatar, appunto. Deve quindi dare il massimo per ottenere quei risultati che finora sono mancati. Qualora questi non dovessero arrivare, non potrebbe non esserci del rammarico. Certo, forse non potremmo indicarli come “incompiuti”, questi ragazzi avrebbero in ogni caso di che mangiarsi le mani».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (GIAN EHRENZELLER)
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
LIVE TV
TOKYO 2020
35 min
Ambizione olimpica: Svizzera, l'appetito vien mangiando
Tanti titoli in palio: a Tokyo si continua a fare sul serio
LIVE-TICKER
TOKYO 2020
LIVE
Altri esamoni olimpici per la Svizzera
Nuoto, canottaggio, crono nella bici (e tanto altro): a Tokyo i rossocrociati vogliono continuare a sognare
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
6 ore
«Petkovic via non per soldi»
«Il sostituto di Vlado? La Svizzera farà un passo indietro»
NAZIONALE
6 ore
Ufficiale, Vlado se ne va: «Sette anni meravigliosi»
L'ASF ha reso noto che il 57enne ha chiesto e ottenuto la rescissione del contratto.
SUPER LEAGUE
6 ore
Derby (amichevole) infrasettimanale: il Lugano sfida il Bellinzona
La partita fra bianconeri e granata avrà luogo ad Arbedo.
PREMIER LEAGUE
7 ore
Dal Real allo United: quinquennale da 12 milioni in vista per Varane
Manca ancora l'ufficialità, ma la squadra di Manchester ha già confermato di aver trovato l'intesa con il club di Madrid.
TOKYO 2020
10 ore
Oro, argento e bronzo: «Un'impresa folle, sentimenti indescrivibili»
La tripletta firmata dalla Svizzera nel cross-country (MTB) resterà per sempre nella storia dello sport rossocrociato.
BASKET
12 ore
Il basket ticinese è in lutto: Ken Brady è morto
L'ex stella di Lugano e Viganello - draftato anche dai Pistons - si è spento all'età di 71 anni.
TOKYO 2020
21 ore
Medaglie, conferme e colpacci rossocrociati
Tripletta sensazionale nella MTB femminile. Nel doppio brillano Bencic e Golubic.
HCL
1 gior
Ultima stagione a Lugano per Romain Loeffel
Niente rinnovo: Chris McSorley “saluta” Loeffel
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile