Immobili
Veicoli
STRICKER D. (SUI)
SANDGREN T. (USA)
21:30
 
STRICKER D. (SUI)
SANDGREN T. (USA)
21:30
 
TiPress
SUPER LEAGUE
29.01.21 - 19:300
Aggiornamento : 23:26

Lugano al St.Jakob con l'imbarazzo della scelta: «Rosa al completo, tutti vogliono fare bene»

Maurizio Jacobacci lancia la sfida d'alta classifica col Basilea: «Ci serviranno solidità e cinismo».

«Siamo a -3 dai renani, ma conosciamo il potenziale della loro rosa e il loro budget. Dobbiamo giocare una signora partita».

LUGANO - Reduce dal pesante successo sul campo del San Gallo - 0-1 con rigore decisivo di Maric all'85' - il Lugano affila gli artigli in vista di un altro difficile impegno, ovvero la trasferta del St.Jakob (domenica, ore 16). Match d'alta classifica, con i bianconeri (terzi) che si trovano a -3 dai renani, che hanno però giocato una partita in più.

Questo Lugano punta sempre alla salvezza o va considerato tra le grandi?
«Mi ripeto per l’ennesima volta: la nostra mentalità resta quella di andare in campo per vincere ogni partita, con l’obiettivo di arrivare il prima possibile a 39 punti - interviene Maurizio Jacobacci in conferenza stampa - Questo vuol dire che siamo anche ambiziosi. Non ho detto che vogliamo arrivarci per forza alla 36esima giornata. Chi vuol capire il discorso… lo capisce».

Si può pensare di alzare un pochino il tiro?
«Ad oggi siamo terzi, a -3 dal Basilea. Sappiamo però il budget e la rosa che hanno i renani. Hanno un grande organico con tanti Nazionali o ex internazionali. Quindi dobbiamo sempre fare attenzione quando si dice che abbiamo una rosa superiore a quella di altre squadre. Domenica li affrontiamo e ci aspettiamo una partita dura. Lo è stato anche col San Gallo, che ha tanti elementi giovani e di grande livello. Restando al Basilea, ieri hanno stradominato col Sion, il 3-2 finale non dice tutta la verità. Domenica ci aspettiamo una gara tosta su un campo difficilissimo. Il Lugano a Basilea negli ultimi anni ha vinto in una sola occasione. L’ultima volta al St.Jakob abbiamo fatto 4-4 e meritavamo anche qualcosa in più. Avevamo fatto una grandissima gara e davanti ci eravamo fatti valere. Dietro invece era andata un po’ meno bene. Ad ogni modo fare 4 gol a Basilea non è da tutti».

Il vero trascinatore dei renani - lo si è visto anche contro il Sion - è Kasami. Gli riserverete un’attenzione speciale?
«È un centrocampista che segna tanti gol, ma loro hanno tanti elementi molto validi e pericolosi. Kasami lavora anche tanto per la squadra. In tanti possono essere decisivi, hanno una gran rosa. Se vogliamo andare a fare punti dovremo giocare una signora partita, con un’ottima solidità difensiva. Come contro l’YB. Poi però dovremo essere bravi anche a sfruttare le occasioni con cinismo».

Contro il San Gallo Macek è entrato all’81’ ed è risultato subito decisivo. Vuol dire che mister Jacobacci ha diverse frecce al suo arco e chi entra scalpita per dare il suo contributo.
«È giusto che sia così, me lo auguro sempre. Quando manca qualcuno, un altro può prendere il suo posto. Abbiamo tanti titolari. Adesso, escluso Osigwe, abbiamo tutti a disposizione. Vuol dire che la rosa “vive” e tutti hanno voglia di fare parte di questo gruppo. Purtroppo poi devo prendere anche delle decisioni difficili e qualcuno deve andare anche in tribuna. Per un allenatore però è bello avere questo tipo di problemi... ».

In settimana hanno fatto discutere le dichiarazioni del capo degli arbitri Wermelinger, che tornando sul rigore concesso ai bianconeri contro il San Gallo ha affermato che il ricorso al VAR non è stato opportuno. Vi hanno dato fastidio?
«Sì, potevano anche discuterne tra di loro, senza sbandierarela questione sui media. Oltretutto il rigore per me era sacrosanto. Credo che il VAR sia stato introdotto proprio per questo, ovvero limitare gli errori e segnalare quando qualcosa non funziona. Allora anche noi in passato ci saremmo potuti lamentare per determinati episodi. Se si parla di episodi, è giusto considerarli tutti. Credo che il VAR sia uno strumento importante e si debba utilizzare proprio per ridurre questo tipo di errori. Dunque l’arbitro Bieri, che era al VAR a San Gallo, non deve scusarsi per aver chiamato al video il collega. Il rigore era netto e non vedo perché avremmo dovuto uscirne danneggiati».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Samuel Golay)
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
TENNIS
3 ore
Tre anni di bando dall’Australia? Djokovic, escamotage cercasi
Craig Tiley: «Novak Djokovic non ci farà causa»
HCL
7 ore
Il Lugano a Zugo: «Tattica e teoria le puoi buttare nel lago»
McSorley sprona il Lugano: «Non dobbiamo sentire puzza di bruciato per iniziare a muoverci»
FORMULA 1
10 ore
«Denaro, politica e falsità: molte cose non hanno senso»
Il finlandese Kimi Raikkonen, ritiratosi dopo 20 anni passati in pista a battagliare, non prova nostalgia per la F1.
NATIONAL LEAGUE
14 ore
Weekend da sei punti per l'Ambrì
La formazione leventinese ha piegato 4-0 il Langnau e 3-2 il Davos, mentre il Lugano ha battuto il Berna 3-2 ai rigori.
SERIE A
22 ore
Il big-match finisce a reti bianche
Rossoneri e bianconeri si sono lasciati sullo 0-0.
SCI ALPINO
1 gior
Lesione al legamento crociato e frattura al perone, Goggia nei guai
Il ginocchio scricchiola ma Goggia spera: «Mi dispiace»
SERIE A
1 gior
Il Napoli non rallenta, la Samp affonda
Battuta la Salernitana, il Napoli è momentaneamente secondo della classifica. Samp a picco.
SCI ALPINO
1 gior
Feuz-Odermatt da sballo: Kitzbühel è rossocrociata
Feuz vince davanti a Odermatt, gran bottino nella discesa di Kitzbühel
SCI ALPINO
1 gior
Gut-Behrami non pervenuta, Gisin da applausi
Lara fuori dalla top-ten, Michelle Gisin splendida terza. Brutta caduta per la Goggia
TAVULLIA
1 gior
La carriera, le moto e... forse un altro figlio: Valentino Rossi si racconta
Il campione italiano ha svelato alcuni aneddoti: «L'affetto della gente è la mia vittoria più grande».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile