TI-Press
+5
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
13.01.21 - 08:000
Aggiornamento : 12:02

«Abubakar un bel torello, Odgaard… il peccato originale lo ha fatto il club»

I numeri non sono tutto. Arno Rossini: «Una squadra che riesce anche a giocare bene è più apprezzata».

«Il danese non è stato messo in condizione di mostrare le sue qualità».

LUGANO - «Con una punta in grado di garantire un buon numero di reti, il Lugano potrebbe essere ancora più efficace e fare il definitivo salto di qualità», ha spesso ripetuto Arno Rossini nelle scorse settimane. “Desiderio” esaudito. L’unico vero movimento in questa finestra invernale di mercato, i bianconeri lo hanno appunto fatto in attacco, ingaggiando Asumah Abubakar. 

«Era quello che serviva - ha confermato Rossini - era evidente. Abubakar è un buon giocatore, è giovane, mi piace. A Lugano potrebbe fare molto bene».

Gli farà posto il partente Odgaard…
«Altro buon giocatore».

Che a Cornaredo non ha tuttavia lasciato il segno.
«Non per colpe solo sue però. Il discorso non è semplice».

I numeri - le sole sei presenze (senza gol) in Super League - sembrano condannare senza possibilità d’appello Jens.
«In bianconero il danese non ha fatto bene, e questo è chiaro. Perché? Ha probabilmente commesso degli errori e avuto difficoltà. Il peccato originale lo ha però commesso la società ingaggiandolo».

Tu stesso lo reputi un buon giocatore…
«Esatto, con determinate caratteristiche. Quali? È forte fisicamente ma non velocissimo, abile nel gioco aereo ma non eccelso nella “corsa”, bravo negli ultimi sedici metri… Sarebbe stato perfetto in un sistema che prevede una manovra elaborata, molti cross o comunque tante palle messe in mezzo all’area. Il Lugano di Jacobacci è invece molto “verticale”, recupera palla e in pochi passaggi arriva alla porta avversaria. Odgaard ha delle qualità, ma non è stato messo in condizione di mostrarle fino in fondo. Quel che mi fa storcere il naso è che, normalmente, prima di ingaggiare un nuovo elemento da inserire in rosa, si valuta se questo possa essere funzionale al gioco espresso dalla squadra». 

Jacobacci avrebbe dovuto snaturare il gioco per favorire l’inserimento?
«No, non funziona così, a meno che il giocatore in questione non sia fenomenale. Semplicemente la scommessa, rischiosa, è stata persa. Con Abubakar dovrebbe andare diversamente». 

Lui è “giusto” per le ripartenze veloci?
«È un bel torello, capace di attaccare la profondità. Sono sicuro che potrà lasciare il segno. E pure a Lugano lo sono. Non avrebbero altrimenti imbastito un contratto tanto lungo (fino al 2023, con opzione per un’ulteriore stagione). A Cornaredo il portoghese può esplodere, garantendo anche un bel guadagno in caso di futura rivendita. È un bell’investimento, insomma». 

Si rivelasse un goleador di razza, Jacobacci potrebbe perfezionare ancor di più la fase difensiva. Così da rendere ancor più solida, ma contemporaneamente temibile, la sua creatura.
«Diciamo che, si rivelasse un goleador di razza, Jacobacci avrebbe qualche possibilità in più di rimanere anche l’anno prossimo. Anzi, diciamo che, se farà bene, Abubakar costringerà Renzetti a prendere la penna per firmare il nuovo contratto del mister».

Il matrimonio traballa?
«Parliamoci chiaro: se la società avesse voluto rinnovare con l’allenatore, l’avrebbe già fatto. I numeri promuovono l’operato di Maurizio; evidentemente però il presidente non è del tutto convinto. Dubbi sul gioco li ha già espressi, mi pare». 

I punti valgono meno senza spettacolo?
«La concretezza vale sempre, serve tuttavia equilibrio. Una squadra che, oltre a vincere, riesce a giocare bene è sicuramente più apprezzata. E più apprezzati sono i suoi giocatori, che acquistano valore...».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Alessandro Crinari)
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SCI ALPINO
26 min
Feuz il magnifico (finalmente) padrone a Kitzbühel
Il bernese ha vinto sulla Streif. Regolati Mayer e Paris.
SCI ALPINO
1 ora
Tremendo schianto per Kryenbühl
Il 26enne è caduto a pochi metri dal traguardo. Paura anche per Cochran-Siegle.
SUPER LEAGUE
3 ore
Ingressi e uscite in bianconero
L’attaccante rimarrà a Lugano. Il laterale arriva in prestito
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Importante crocevia per Lugano e Ambrì
I biancoblù a caccia di costanza, i sottocenerini di una veemente reazione.
FORMULA 1
15 ore
«Vettel non è una minaccia»
Helmut Marko, consulente della Red Bull: «Aston Martin? Anche con il miglior Seb, non colmerà il divario con noi».
MOTOMONDIALE
19 ore
«Rossi? Vorrebbe vincere anche guidando una bara»
Dal 2000 sempre insieme, il matrimonio tra il meccanico Alex Briggs e Vale si è chiuso al termine dello scorso Mondiale.
TORINO
23 ore
«Bisessuale, credo di sì», Miss Dybala getta la maschera
L’attrice e cantante argentina senza tabù: «Non c’è niente di più bello che sentirsi ed essere liberi».
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Raffainer: un'opportunità irrinunciabile, le sue mansioni e...Cereda
Il 39enne ha spiegato i motivi che l'hanno spinto a dire "sì" alla chiamata degli Orsi.
BELLINZONA
1 gior
Dal calcio ai test per il Covid-19: Martignoni cambia vita
Il difensore ticinese: «Le giornate sono davvero piene, ma è motivo di grande soddisfazione essere utile alla comunità».
SUPER LEAGUE
1 gior
«Sono deluso, non meritavamo di perdere. Bottani? Non potevo crederci»
Maurizio Jacobacci: «Abbiamo messo la museruola all'YB, ma ci hanno castigati. Dispiace per i ragazzi».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile