TI-Press
+5
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
13.01.21 - 08:000
Aggiornamento : 12:02

«Abubakar un bel torello, Odgaard… il peccato originale lo ha fatto il club»

I numeri non sono tutto. Arno Rossini: «Una squadra che riesce anche a giocare bene è più apprezzata».

«Il danese non è stato messo in condizione di mostrare le sue qualità».

LUGANO - «Con una punta in grado di garantire un buon numero di reti, il Lugano potrebbe essere ancora più efficace e fare il definitivo salto di qualità», ha spesso ripetuto Arno Rossini nelle scorse settimane. “Desiderio” esaudito. L’unico vero movimento in questa finestra invernale di mercato, i bianconeri lo hanno appunto fatto in attacco, ingaggiando Asumah Abubakar. 

«Era quello che serviva - ha confermato Rossini - era evidente. Abubakar è un buon giocatore, è giovane, mi piace. A Lugano potrebbe fare molto bene».

Gli farà posto il partente Odgaard…
«Altro buon giocatore».

Che a Cornaredo non ha tuttavia lasciato il segno.
«Non per colpe solo sue però. Il discorso non è semplice».

I numeri - le sole sei presenze (senza gol) in Super League - sembrano condannare senza possibilità d’appello Jens.
«In bianconero il danese non ha fatto bene, e questo è chiaro. Perché? Ha probabilmente commesso degli errori e avuto difficoltà. Il peccato originale lo ha però commesso la società ingaggiandolo».

Tu stesso lo reputi un buon giocatore…
«Esatto, con determinate caratteristiche. Quali? È forte fisicamente ma non velocissimo, abile nel gioco aereo ma non eccelso nella “corsa”, bravo negli ultimi sedici metri… Sarebbe stato perfetto in un sistema che prevede una manovra elaborata, molti cross o comunque tante palle messe in mezzo all’area. Il Lugano di Jacobacci è invece molto “verticale”, recupera palla e in pochi passaggi arriva alla porta avversaria. Odgaard ha delle qualità, ma non è stato messo in condizione di mostrarle fino in fondo. Quel che mi fa storcere il naso è che, normalmente, prima di ingaggiare un nuovo elemento da inserire in rosa, si valuta se questo possa essere funzionale al gioco espresso dalla squadra». 

Jacobacci avrebbe dovuto snaturare il gioco per favorire l’inserimento?
«No, non funziona così, a meno che il giocatore in questione non sia fenomenale. Semplicemente la scommessa, rischiosa, è stata persa. Con Abubakar dovrebbe andare diversamente». 

Lui è “giusto” per le ripartenze veloci?
«È un bel torello, capace di attaccare la profondità. Sono sicuro che potrà lasciare il segno. E pure a Lugano lo sono. Non avrebbero altrimenti imbastito un contratto tanto lungo (fino al 2023, con opzione per un’ulteriore stagione). A Cornaredo il portoghese può esplodere, garantendo anche un bel guadagno in caso di futura rivendita. È un bell’investimento, insomma». 

Si rivelasse un goleador di razza, Jacobacci potrebbe perfezionare ancor di più la fase difensiva. Così da rendere ancor più solida, ma contemporaneamente temibile, la sua creatura.
«Diciamo che, si rivelasse un goleador di razza, Jacobacci avrebbe qualche possibilità in più di rimanere anche l’anno prossimo. Anzi, diciamo che, se farà bene, Abubakar costringerà Renzetti a prendere la penna per firmare il nuovo contratto del mister».

Il matrimonio traballa?
«Parliamoci chiaro: se la società avesse voluto rinnovare con l’allenatore, l’avrebbe già fatto. I numeri promuovono l’operato di Maurizio; evidentemente però il presidente non è del tutto convinto. Dubbi sul gioco li ha già espressi, mi pare». 

I punti valgono meno senza spettacolo?
«La concretezza vale sempre, serve tuttavia equilibrio. Una squadra che, oltre a vincere, riesce a giocare bene è sicuramente più apprezzata. E più apprezzati sono i suoi giocatori, che acquistano valore...».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Alessandro Crinari)
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
EURO 2020
1 ora
Petkovic: onore all’Italia, «Ma non è finita»
«Non li scopriamo certo a questo Europeo». Mancini: «Abbiamo meritato di vincere, ma la Svizzera è un'ottima nazionale».
EURO 2020
3 ore
Niente da fare per la Svizzera, esulta l'Italia
La truppa di Petkovic è stata sconfitta con il punteggio di 3-0, doppietta di Locatelli.
IL SORPASSO...A QUATTRO RUOTE
5 ore
Due gare senza Mercedes sul podio? Come una città svizzera senza banche...
Diverse le situazioni alle quali le Frecce d'argento non erano abituate.
EURO 2020
6 ore
Il Galles non si ferma: punita la Turchia
Vittoria per i britannici, che con Ramsey e Roberts sono volati in vetta al Gruppo A
SUPER LEAGUE
8 ore
Niente mini-licenza? Un problema per Renzetti, non per il Lugano
Niente passaggio di proprietà? Per la SFL sarà il presidente a dover garantire pagamenti e oneri
TENNIS
9 ore
Delusione Federer: secondo turno amaro, è già out ad Halle
Il renano saluta l'erba tedesca: è stato battuto in tre set dal canadese Felix Auger-Aliassime.
EURO 2020
11 ore
Per Turchia e Galles è già (quasi) l'ultima spiaggia
Günes: «L'Italia ci ha dominati ma l'Europeo va avanti»
EURO 2020
13 ore
Finlandia & Pukki, il bomber con il baltico nel cuore
La formazione scandinava sfiderà la Russia a San Pietroburgo (ore 15)
BELLINZONA
15 ore
ACB, una vacanza fa slittare le firme
Niente stretta di mano, uno degli azionisti è in ferie
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
18 ore
«Contro l’Italia non abbiamo nulla da perdere… tranne che la serenità»
Arno Rossini: «La boa Seferovic non vedrebbe un pallone»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile