Keystone
ARGENTINA
26.11.20 - 22:050
Aggiornamento : 27.11.20 - 15:27

Staccato il cavo della TV: Bilardo, ct del Mondiale '86, non sa nulla

Il fratello di Bilardo: «A Carlos è stato detto che il cavo del televisore si è rotto».

BUENOS AIRES - Un dolore troppo grande. Ed è così che Carlos Bilardo, ct della nazionale argentina campione del mondo 1986, ancora non sa della scomparsa di Maradona. L'82enne soffre di una malattia neurodegenerativa e la famiglia ha deciso di non dargli la tristissima notizia. Ma come ha fatto? "Semplicemente" staccando la TV. 

L'uomo, infatti, considerava Diego "il figlio che non aveva mai avuto". «Non posso dirgli che Diego è morto. La televisione è vietata. A Carlos è stato detto che il cavo del televisore si è rotto», le parole espresse a Radio Provincia dal fratello Jorge. 

Carlos Bilardo ha guidato la selezione argentina dal 1983 al 1990. Uno insomma che con Maradona ha vissuto momenti bellissimi. Motivo per cui sapere della sua scomparsa sarebbe una vera e propria mazzata.

 

 

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Diego Ciriello 1 mese fa su fb
Con Ticino line adesso sarà informato anche lui.
Roberto Bellusci 2 mesi fa su fb
Che dite ? Glielo diciamo che non ci sono più neanche le Torri gemelle ? 😁
Bruna Bralla 2 mesi fa su fb
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SCI ALPINO
2 ore
Erroraccio della Gisin, ma la Svizzera gioisce grazie a Gut-Behrami
Il gigante di Plan de Corones ha confermato l'ottimo periodo di forma che sta attraversando la ragazza di Comano.
MERCATO
4 ore
Lungoyi alla Juve? C'entra il bilancio, non quanto è bravo
Pippo Russo e le trattative “strane”: «Il valore di un calciatore dovrebbe essere commisurato al suo rendimento».
SWISS LEAGUE
8 ore
«Escludendoci rischierebbero grosso»
Davide Mottis e i Rockets sono in attesa di una risposta: potranno partecipare in futuro al campionato di Swiss League?
DUBAI
18 ore
Bendtner derubato per colpa di un giornale
Il racconto della disavventura dell'ex Juve, bloccato a Dubai, ha favorito l'azione dei ladri.
MOTOMONDIALE
22 ore
Marc trema davvero: quanti dubbi...
L'ex osteopata della MotoGP, il dottor Bernard Achou: «In caso di quarta operazione addio anche al 2021»
SUPER LEAGUE
1 gior
Jacobacci, Abubakar e gli altri: il Lugano è già grande
La compagine bianconera ha agganciato il San Gallo e il Basilea al secondo posto in classifica.
SCI ALPINO
1 gior
Ottimo Odermatt, ma vince Kriechmayr
Nel super G di Kitzbühel altra grande prova per la pattuglia elvetica
HCL
1 gior
Il Lugano rialza la testa. Ambrì, il cuore non basta
Shutout di Zurkirchen con i bianconeri, mentre il nuovo innesto biancoblù Perlini non ha ancora lasciato il segno.
PREMIER LEAGUE
1 gior
«Eriksen? No grazie, mi ha deluso»
Finito ai margini nei nerazzurri, il danese resta sul mercato. Graham Roberts: «Inter? Voleva un'altra squadra»
HCL
1 gior
Il Lugano torna al successo, shutout di Zurkirchen
La truppa di Pelletier ha piegato il Rapperswil: 1-0 il risultato finale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile