Keystone
CALCIO
29.04.20 - 08:000
Aggiornamento : 30.04.20 - 04:16

L'ex Chiasso Bellotti: «Tanti i rischi, anche quelli più catastrofici...»

L'ex dirigente rossoblù è pessimista circa la ripresa dei campionati: «Il rischio è di non iniziare nemmeno a settembre»

«Il Chiasso? Ricordo quella partita con Livio Bordoli in panchina, in cui andammo a Vaduz con 11 giocatori contati. Una sfida che ho portato pure a Coverciano, nei vari corsi ai quali ho partecipato».

COMO - Ricominciare sì o no? È questo il nodo che (praticamente) tutte le Federazioni calcistiche devono sciogliere. Ieri, tra i top campionati europei, è arrivato ufficialmente il primo stop: la Ligue 1 ha infatti fatto calare il sipario sulla stagione 2019/20.

Come decideranno di gestire il pallone bollente gli altri paesi? Oggi di certezze ce ne sono ben poche e la ripartenza dei campionati non sembra qualcosa di fattibile, nonostante - Swiss Football League compresa - ci si stia provando tra scenari carichi di speranza ma spesso anche fantasiosi.

Ne abbiamo discusso con l'ex direttore generale del Chiasso Riccardo Bellotti, oggi responsabile della sezione giovanile del Renate (squadra italiana di Serie C). «In questo momento c'è tanta confusione. Giocare a calcio non è come andare dal parrucchiere, dove si possono adottare tutte le norme di sicurezza richieste. Nel calcio certi parametri verrebbero a mancare. E se pensiamo che in Italia parrucchieri e centri estetici non sono ancora aperti, ecco che vedo pochissime possibilità che si possa ripartire presto. Svizzera e Italia stanno viaggiando in parallelo, c'è la volontà di riprendere ma allo stesso tempo ci sono tantissimi ostacoli. Il rischio di non iniziare nemmeno a settembre è da prendere in considerazione». 

In caso di ripartenza immediata il sistema sarebbe fragilissimo... «Esatto. È davvero difficile. Bisognerebbe fare il tampone a tutti i giocatori e poi inserirli in un ambiente sterilizzato, cancellando qualsiasi contatto con l'esterno. E questo andrebbe fatto persino con membri dello staff e arbitri. Pensare di blindare per due mesi i giocatori non è fattibile, chi si assumerebbe i costi? Le società che sono già sotto pressione?».

Poche via d'uscita e un futuro che pare segnato... «La sicurezza è prioritaria. Grazie al cielo a oggi non abbiamo ancora avuto un calciatore deceduto per coronavirus. Ma facciamo un'ipotesi: nel malaugurato caso una Federazione facesse ripartire il calcio e un giocatore si infettasse in ritiro per poi avere la peggio? Chi avrebbe il coraggio di assumersi un rischio così alto? In questo momento vediamo molti "scaricabarile", nessuno vuole assumersi certe responsabilità... Probabilmente, quando ripartiremo, torneremo a un calcio con allenatori e giocatori pronti ad accettare contratti contenuti, in attesa che l'economia torni a girare a pieno regime».

Riccardo Belotti, uomo di calcio che a Chiasso ha lasciato tantissimi bei ricordi: «Sì, mi capita spesso di pensare all'avventura rossoblù. È stata un'esperienza arricchente. Nonostante non avessimo un numero elevato di tifosi, quelli che ci seguivano facevano molto rumore in giro per la Svizzera. Pretendevano tanto dalla società, ma era un piacere lavorare per loro. Ricordo quella partita con Livio Bordoli in panchina, in cui andammo a Vaduz con 11 giocatori contati. Una sfida che ho portato pure a Coverciano, nei vari corsi ai quali ho partecipato».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
bimbogimbo 3 mesi fa su tio
si si perdiamo tempo a preoccuparci del campionato di calcio. O povero modo, siamo proprio messi male se queste sono le priorità di molti di noi.
SSG 3 mesi fa su tio
@bimbogimbo ogni lavoratore è preoccupato per la propria professione, senza quella non si vive.
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CHALLENGE LEAGUE
3 ore
«Obiettivo mancato, ma di certo non molliamo»
Mirko Salvi, portiere delle Cavallette: «Un club come il GC, insieme ai suoi grandi fans, non può restare a lungo in B»
EUROPA LEAGUE
5 ore
Basilea già pronto alla festa, Eintracht in cerca di miracoli
I renani sono vicini alla qualificazione alla final eight.
CICLISMO
14 ore
Caduta shock allo sprint: Jakobsen in coma farmacologico
Spaventoso e drammatico incidente nella volata della prima tappa del Tour di Polonia. Il 23enne è in pericolo di vita.
MOTOMONDIALE
16 ore
Valentino “gasato”, e a Brno ha già goduto
Una buona Yamaha e l’assenza di Marquez hanno fatto salire le quotazioni del Dottore.
FORMULA 1
20 ore
Guerra fredda in Ferrari: Vettel ignora Binotto
Intanto è sempre più vicino l’accordo con l’Aston Martin per il 2021.
SUPER LEAGUE
1 gior
«Ora c'è un po' di delusione, ma ci davano già per spacciati»
Simone Rapp affila gli artigli per lo spareggio: «Inutile piangersi addosso: dobbiamo dimostrare di essere più forti».
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
1 gior
Eurocrucci e sorprese: i graffi di Conte e il Basilea
Tra grandi favorite e possibili outsider, l’Europa League torna a incantare.
TENNIS
1 gior
Nadal rinuncia agli US Open: «Casi di Covid ovunque, meglio non viaggiare»
La defezione del mancino di Manacor va ad aggiungersi a quella di altri campioni come Roger Federer e Stan Wawrinka
PREMIER LEAGUE
1 gior
Minacce zittite e accuse respinte: che rivincita per l’odiatissimo Granit
Per settimane parso sul piede di partenza, il centrocampista è tornato a essere un punto fermo dei Gunners.
FORMULA 1
1 gior
Calvario Vettel e dubbi su Leclerc: Marko getta benzina sul fuoco
Parole sibilline del dirigente della Red Bull, che punzecchia la Rossa: «Leclerc ha trovato velocità, Seb no...»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile