Keystone (archivio)
+8
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
29.01.20 - 09:300
Aggiornamento : 12:48

Radici a Napoli per Rodriguez? «Quella cosuccia della fame...»

Il 27enne esterno rossocrociato potrebbe riabbracciare Rino Gattuso all'ombra del Vesuvio. Arno Rossini: «Scelto perché fidato e pronto all'uso»

NAPOLI (Italia) – Sfumato il Fenerbahce, scopertosi improvvisamente povero, e mai davvero scoccata la scintilla con il PSV, Ricardo Rodriguez è pronto a ripartire dal Napoli. Deciso a salutare Milano e il Milan, dove con Giampaolo prima e Pioli poi ha collezionato più panchine che minuti, l'esterno rossocrociato è infatti sul punto di cedere alle lusinghe di Rino Gattuso, che all'ombra del Vesuvio ha cominciato a lavorare da qualche settimana.

«Ricardo da Rino? Una scelta perfetta. Per entrambi», ha sentenziato Arno Rossini.

Negli USA spesso si sbilanciano. Una di queste la chiamano “win-win situation”.
«Sono d'accordo. Dal possibile matrimonio ci guadagnerebbero tutti. Il ragazzo, che con i partenopei potrebbe giocare molto, e la squadra, che potrebbe sfruttare le qualità di un elemento solido ed esperto».

Rodriguez è bravo, ma non un fenomeno. Scegliendo lui, il Napoli dimostra di non avere montagne di soldi da spendere?
«Io la vedo in modo diverso. Ricardo non è un fenomeno assoluto, ma è comunque un ottimo, ottimo elemento. È molto bravo a livello tecnico e anche a livello tattico. E poi è un giocatore pronto all'uso. Che non devi aspettare».

Meglio spendere “solo” 6-7 milioni per lui piuttosto che 30 per un possibile campionissimo?
«Il campionissimo è solo sulla carta. E poi, anche se arrivasse a rendere quanto sperato, andrebbe probabilmente aspettato. Si dovrebbe pazientare. E il Napoli non ha molto tempo da perdere. Rodriguez, invece, non è una scommessa: conosce alla perfezione il campionato italiano e conosce e stima – ed è ricambiato – l'allenatore. Può agire da esterno sinistro, ruolo nel quale i campani sono un po' scoperti, come anche da centrale. Secondo me sarebbe un innesto perfetto».

Quanto peserà, nella scelta, l'esperienza che terzino e mister hanno fatto insieme al Milan?
«Tantissimo. Tutto. Quando hai poco tempo per far svoltare una stagione e non puoi permetterti alcun passo falso, hai bisogno che la rosa ti segua. Hai quindi bisogno di elementi fidati, che sai che non si risparmiano. Rodriguez è così. E Gattuso lo sa. Per questo lo ha chiamato. Poi c'è quella cosuccia della fame...»

Di Rino?
«Di Ricardo. Ci sono gli Europei, ha bisogno di giocare. Non può perdere tempo. E a Napoli troverebbe una piazza e un'occasione fantastiche».

Si sceglie per la piazza?
«Si sceglie per i minuti da spendere in campo. Una volta avuta la certezza dell'impiego, si può poi guardare al nome della società, al suo prestigio, alle opportunità che offre la stagione...».

La classifica di Serie A da scalare?
«E non solo. La Coppa Italia, che è comunque un obiettivo. E la Champions League, mica poco».

In Europa Insigne e soci affronteranno un Barcellona in estrema difficoltà.
«Ma i catalani sono sempre fenomenali. Ed espertissimi. Per me hanno l'80% delle possibilità di passare. Ma il Napoli non parte certo già battuto. Ha tutto per fare l'impresa e, comunque, per vivere mesi importanti da qui a primavera inoltrata. E se arrivassero buoni risultati, per Gattuso, come per Rodriguez, l'avventura campana potrebbe anche allungarsi. Potrebbero entrambi mettere radici...».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone (archivio)
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
ARGENTINA
18 min
«Diego non è stato curato bene, doveva restare in ospedale»
Il Pibe de Oro è stato stroncato da un'insufficienza cardiaca acuta che ha generato un esteso edema polmonare
NAPOLI
2 ore
«Lo stadio di Napoli si chiamerà Diego Armando Maradona»
Il popolo partenopeo ha deciso di onorare il più grande giocatore della storia del Napoli, deceduto ieri in Argentina.
FORMULA 1
6 ore
Hamilton-Schumi, Re e leggende: «Campioni con macchine imbattibili»
Dal dominio di Lewis alla crisi Ferrari: il Mondiale sotto la lente di Jarno Trulli: «Vettel? Un conto alla rovescia».
ARGENTINA
14 ore
«Con la palla era Dio, senza era umano»
Il mondo dello sport è in lutto e sotto shock per la scomparsa di Maradona: «Diego è eterno. Ci lascia, ma non se ne va»
ARGENTINA
17 ore
Maradona, le parole che voleva sulla lapide
Ecco ciò che disse l'asso argentino nel corso di un programma televisivo
ARGENTINA
19 ore
Add10 Diego: «Stiamo piangendo per te»
La leggenda del calcio si è spenta a 60 anni. Non si contano i messaggi dedicati al giocatore del secolo
ARGENTINA
20 ore
«Un giorno giocheremo a calcio insieme in cielo» 
La scomparsa dell'ex campione argentino ha scosso il mondo del calcio e non solo.
NATIONS LEAGUE
21 ore
Ucraina sconfitta a tavolino, Svizzera salva
L'Uefa ha stabilito che l'Ucraina è responsabile del mancato svolgimento della partita di Nations League.
MOTOMONDIALE
22 ore
Rossi ha fatto il grande passo
Il pilota italiano ha chiesto la mano alla sua fidanzata Francesca Sofia Novello.
STABIO
1 gior
Il coraggio di Murat Pelit: dalla sedia a rotelle al sogno olimpico
Il ticinese, protagonista alle ultime paralimpiadi di Pyeongchang: «Io in una parola? Felicità».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile