SEPPI A. (ITA)
Wawrinka S. (SUI)
09:05
 
SEPPI A. (ITA)
0 - 0
09:05
Wawrinka S. (SUI)
ATP-S
AUSTRALIAN OPEN
Winner plays Isner or Tabilo.
Ultimo aggiornamento: 23.01.2020 08:50
keystone-sda.ch/STF (GIAN EHRENZELLER)
+ 7
SUPER LEAGUE
06.12.19 - 14:170
Aggiornamento : 19:56

Lugano dalla crisi al record (possibile), Jacobacci: «Non mi interessa»

Sabato ospiti dello Xamax, i bianconeri sognano il successo della tranquillità e del primato di punti nel girone d'andata. «Per noi è una partita cruciale»

di Redazione
DANE

LUGANO - In un periodo positivo ma non certo del tutto fuori dai guai, sabato (ore 19) a Neuchâtel il Lugano vivrà quello che potrebbe essere un crocevia della sua stagione. Uscire con un risultato positivo dalla Maladière permetterebbe infatti ai bianconeri di chiudere il loro 2019 lontano dalle ultime due della graduatoria di Super League. Addirittura lontanissimo, se dovesse arrivare una vittoria. Il problema è che, nella tana di un rivale agguerrito anche se non certo irreprensibile, i ticinesi si presenteranno senza molti dei loro punti di forza. Senza gli infortunati che da qualche settimana ormai siedono in tribuna, come pure senza Bottani e Junior, squalificati.

«In attacco giocherà uno tra Holender e Dalmonte – ha sottolineato Maurizio Jacobacci – non ho ancora deciso chi. Nessuno dei due è una prima punta ma hanno caratteristiche diverse, che potrebbero anche tornarci comodo. Con il primo proveremmo a mettere qualche palla alta dentro l'area, con il secondo giocheremmo invece in velocità. Proveremo insomma ad adattarci a loro. Ma mi aspetto anche che i due, che potrebbero pure scendere in campo entrambi – in momenti diversi della sfida – si adattino a un ruolo non loro. Dovranno essere pazienti, pensare a fare le cose facili, aiutare la squadra facendola salire, contrastare Oss e... tirare non appena ne avranno l'occasione».

Occasione è anche quella che avrà il Lugano...
«Per noi quella di domani è una partita cruciale. Sappiamo infatti che vincendo faremmo un grande balzo in avanti, che ci darebbe tranquillità per il futuro. Non faremo conti: proveremo a fare i tre punti ma sappiamo che in campo servirà avere ottimi equilibri. Dovremo chiudere gli spazi ed essere bravi nelle transizioni difensive-offensive. Se saremo lenti nelle ripartenze lo Xamax farà in tempo a chiudersi a riccio e sarà quindi per noi tutto più difficile».

Chi rischia di più è però il Neuchâtel...
«Per loro è una partita delicata. Fondamentale. Saranno molto aggressivi, compatti in difesa e pronti al contropiede. Noi dovremo pensare a fare il nostro gioco, senza cadere nelle provocazioni, stando anche attenti al campo. Quel tipo di sintetico è molto veloce, molto più che a Thun, dove abbiamo fatto molto bene tutto quello che avevamo programmato. Dovremo quindi essere ancora più attenti e precisi nei passaggi».

Vicino alla cessione, il Lugano è anche vicino al suo record di punti nell'andata di Super League. Mai è arrivato a quota 20 a metà campionato da quando è tornato in “A”.
«Alla cessione non pensiamo. Non è qualcosa che possiamo influenzare e solo su quello noi dobbiamo concentrarci. Questa squadra se l'è sempre giocata con tutte le avversarie. Ha perso partite, come quella contro il Sion, che avrebbe meritato di vincere. Quando sono arrivato ho quindi trovato un gruppo unito, affiatato, con grandi qualità e fisicamente a posto. Questo mi ha permesso di fare le cose un po' più in fretta, dedicandomi esclusivamente all'aspetto tecnico-tattico. La squadra ha già assimilato qualcosa di importante ma c'è ancora lavoro da fare. Serve sacrificio. E noi ci sacrificheremo per questa settimana, nella quale proveremo a fare il massimo dei punti. Il record? Non sono qui per quello ma per vincere la prossima partita».

keystone-sda.ch/ (PABLO GIANINAZZI)
Guarda tutte le 11 immagini
Commenti
 
roma 1 mese fa su tio
...un passo alla volta verso una nuova salvezza.
Zarco 1 mese fa su tio
@roma Esatto
GI 1 mese fa su tio
Dai Lugano ! con la serenità, dei questi tempi, tutto riesce meglio !!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NHL
57 min
Biglietto d'aereo strappato: Merzlikins non tornerà a Lugano per anni
Jarmo Kekäläinen, GM dei Columbus Blue Jackets, ha confermato la permanenza oltreoceano di Elvis: «Avrà una lunga carriera da queste parti»
TENNIS
6 ore
Belinda Bencic continua la sua marcia
La tennista sangallese ha prevalso contro la Ostapenko in due set: 7-5, 7-5 il risultato finale
SUPER LEAGUE
11 ore
«Da Cruz lo vogliono in tanti. San Gallo? Arriviamo un po’ zoppi»
A Lugano, a pochi giorni dalla ripresa del campionato, tiene banco il mercato. Renzetti: «Crnigoj deve decidere cosa fare. Ci sono Chievo e Livorno, noi abbiamo accettato l’offerta degli amaranto»
HCAP
15 ore
Ambrì, che botta: Pinana fuori 6-8 mesi e anche Fora è rotto
Nuovi problemi in casa biancoblù. Intanto, però, Novotny è tornato a disposizione di coach Cereda
GLAND
16 ore
Notizia shock dall’Inghilterra: “Foto rubate di Schumi in vendita per 1 milione”
Non si placano le voci e le speculazioni legate alle condizioni di salute del 7 volte campione del Mondo. Il "Mirror" svela una nuova triste vicenda
SUPER LEAGUE
19 ore
Alessio Da Cruz alla corte di Jacobacci?
Il 23enne attaccante olandese, di proprietà del Parma e reduce da un'esperienza all'Ascoli, è corteggiato da diversi club
TENNIS
20 ore
Federer-Express: divorato Krajinovic
King Roger, con una prova maiuscola, ha liquidato il serbo 6-1, 6-4, 6-1 nel secondo turno degli Australian Open. Il prossimo ostacolo è Millman. Out Berrettini, ok Djokovic
HCL
22 ore
Lugano, tre leggende nella Hall of Fame
Alfio Molina, Bernard Côté e Bruno Rogger verranno onorati con questo prestigioso riconoscimento il prossimo 31 gennaio
SUPER LEAGUE
23 ore
Niente marce ma un ritiro sereno: «Voglia e vitalità. Behrami? Felici di vederlo al Genoa»
Nel weekend riparte la Super League. Marco Degennaro, dg del Sion: «Domenica a Thun sarà una sfida tosta. Obiettivi? Soffrire il meno possibile...»
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
1 gior
Milioni (fino a 200), tangenti e stimmate: tutti pazzi per Haland, il gigante-bambino
I tre gol in 23' del debutto con il Borussia Dortmund hanno solo confermato le qualità di un "generational talent". Arno Rossini: «Ha tutto e può ancora migliorare. Favre ha detto che è pazzesco»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile