TOR Leafs
BOS Bruins
01:00
 
NJ Devils
PIT Penguins
01:00
 
WAS Capitals
MON Canadiens
01:00
 
COB Jackets
STL Blues
01:00
 
TOR Leafs
NHL
0 - 0
01:00
BOS Bruins
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
NJ Devils
NHL
0 - 0
01:00
PIT Penguins
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
WAS Capitals
NHL
0 - 0
01:00
MON Canadiens
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
COB Jackets
NHL
0 - 0
01:00
STL Blues
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
+ 4
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
24.07.19 - 10:020
Aggiornamento : 23:19

«Lugano? È una conferma. Magnin vada allo stadio con il giubbotto antiproiettili...»

Arno Rossini sul valore della compagine bianconera: «Se si pensa che un giocatore come Sulmoni sia in panchina, si capisce quanto il valore di questa rosa sia alto...»

LUGANO - È vero: una rondine non fa primavera. Quel che è certo, però, è che il primo Lugano targato 2019-20 ha saputo andare oltre le più rosee aspettative. Rifilare quattro "sberloni" allo Zurigo, perdipiù in trasferta, non è sicuramente qualcosa che ti riesce tutti i giorni. Ecco perché la prima uscita stagionale dei bianconeri si è trasformata in una domenica trionfale...

«Ma non parlerei di sorpresa, bensì di conferma - le parole di Arno Rossini - La rosa del Lugano è molto interessante e questo non l'abbiamo di certo scoperto a Zurigo. Il fatto che giocheranno in Europa ha permesso alla società di allargare il contingente, coprendosi in ogni ruolo con giocatori d'esperienza. Non puntano più soltanto su elementi giovani da far crescere. Sotto questo aspetto il Lugano ha fatto un grande passo avanti. Se si pensa che un giocatore come Sulmoni sia in panchina, si capisce quanto il valore di questa rosa sia alto...».

Questa squadra potrà dunque togliersi delle belle soddisfazioni anche in Europa? 
«Dipenderà un po' dal girone nel quale dovrà giocare. Ad ogni modo sì, sono convinto che potrà togliersi qualche bella soddisfazione. Celestini è coperto bene in ogni ruolo e ha la possibilità di far giocare la squadra in diversi modi. Non da ultimo avrà l'opportunità di far riposare quei giocatori che reputa essere un po' a corto di fiato».

A questo punto la partenza di Junior non fa più così paura...
«No, assolutamente no. Gerndt e Bottani danno delle garanzie importanti. Senza dimenticare la qualità incredibile del centrocampo». 

C'è un elemento che ti ha stupito più degli altri al Letzigrund?  
«Mai come in questo caso sottolinerei la forza del collettivo. Ad ogni modo Rodriguez ha fatto una grande partita. La difesa si è rivelata solida e il centrocampo dinamico. Ho visto molto bene anche Bottani, diverse azioni sono partite da lui. Si è visto poco Gerndt, ma reputo sia un riferimento importantissimo per la squadra. Ci sono quei giocatori che non sempre noti, ma che sono fondamentali per i meccanismi di un team».

La panchina di Ludovic Magnin, già "ballerina" in primavera, sembra scricchiolare sempre più...  
«Se prendiamo il girone di ritorno dello scorso campionato e la partita con il Lugano possiamo sicuramente parlare di un allenatore a forte rischio. A Zurigo se non rendi fanno in fretta a farti fuori. Diciamo che in questo periodo può andare all'allenamento con il giubbotto antiproiettile...». 

In questa prima tornata ha deluso il Sion...
«Diciamo relativamente. Sottolinerei più i meriti del Basilea piuttosto che i demeriti del Sion. A Basilea c'è tantissima voglia di rivalsa dopo i due campionati vinti dallo Young Boys. Venerdì sera i renani si sono rivelati micidiali, sfruttando appieno due erroracci del Sion. Behrami? È reduce da un grave infortunio e solitamente lui i campionati non li sbaglia. Lo aspettiamo». 

E il Servette? Niente male esordire con un pareggio sul terreno dei campioni svizzeri...
«L'avevo sottolineato settimana scorsa come l'entusiasmo del Servette potrebbe fare volare i ginevrini. La squadra mi ha impressionato, anzi a Berna avrebbero potuto anche vincere. Hanno avuto diverse occasioni per far loro la posta piena. La prossima partita sarà Servette-Sion, un match incredibile. Un derby già molto interessante...». 

keystone-sda.ch/ (ENNIO LEANZA)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
TENNIS
1 ora
Nadal è eliminato: King Roger se la vedrà con Tsitsipas
Nell'ultimo incontro del round robin Alexander Zverev ha superato Daniil Medvedev 6-4, 7-6(4)
NAZIONALE
1 ora
Itten-gol: e per la Svizzera è (quasi) fatta
La formazione rossocrociata ha liquidato la Georgia 1-0. Ora sarà sufficiente un solo punto contro Gibilterra. Nello stesso tempo si qualifica la Svezia, mentre l'Italia ha colto il nono successo
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Il Davos continua a stupire: i grigionesi piegano lo Zugo in trasferta
La truppa di Wohlwend ha espugnato la Bossard Arena 5-4, tripletta di Hofmann per i Tori. Nello stesso tempo vincono anche Langnau e Bienne
HCAP
2 ore
All’Ambrì non basta un Super D’Agostini, biancoblù superati dai Dragoni
I biancoblù pagano a caro prezzo un avvio di gara disastroso e vengono sconfitti per 4-2 dal Friborgo. Ai ticinesi non è bastata la doppietta del cecchino canadese
QUALIFICAZIONE EURO 2020
4 ore
Storica Finlandia: doma il Liechtenstein e va per la prima volta all'Europeo
La compagine finlandese si è imposta 3-0. Nello stesso tempo vincono anche Grecia e Norvegia
TENNIS
6 ore
Nadal vince e ora spera: l'avversario di Federer è ancora sconosciuto
Il tennista spagnolo ha sconfitto Tsitsipas con il punteggio di 6-7(7), 6-4, 7-5
TENNIS
7 ore
Djokovic omaggia il campione: «Ho un'ammirazione assoluta per Roger»
Eliminato dalle Finals il serbo si è espresso a proposito del renano
SERIE A
7 ore
Frecciate a Sarri: «Non si scherza con CR7. Sta bene, e adesso?»
Le sorelle di Cristiano Ronaldo esultano per la tripletta e pungono il tecnico della Juve: «Dio non fallisce...»
TENNIS
10 ore
«Non dovevo scacciare dei fantasmi, ma è sempre speciale battere Djokovic»
Roger Federer, capace di eliminare Nole con una prestazione stellare, scherza e si prepara per le semi delle Atp Finals: «Mi sento giovane e in forma, ma credo sia merito del taglio di capelli...»
NATIONAL LEAGUE
13 ore
«Bisogna avere pazienza e fiducia in Kapanen»
Marco Baron ha parlato del momento dei bianconeri: «Al Lugano manca qualche gol, soprattutto da giocatori del calibro di Bürgler»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile