Keystone
SUPER LEAGUE
14.12.18 - 14:510
Aggiornamento : 21:45

«Un risultato positivo cambierebbe tante cose. Mercato? Ho chiesto di ridurre la rosa»

I bianconeri fanno visita allo Zurigo nell'ultimo match del girone d'andata. Celestini: «Le assenze di Junior e Bottani? Partita un po' diversa, ma abbiamo altre armi per fare benissimo»

LUGANO - Ultimo ballo del 2018 per il Lugano di Celestini. Reduci dai due pareggi interni contro Xamax e Sion che hanno lasciato l'amaro in bocca, i bianconeri - a secco di vittorie in campionato dallo scorso 28 ottobre - fanno visita allo Zurigo nel 18esimo turno di Super League. Match delicato per i ticinesi, che in classifica sono terzultimi con una lunghezza di vantaggio sul GC e 5 sul fanalino di coda Xamax.

 «Mi auguro che la squadra possa ripetere la prestazione fornita contro il Sion e che si riesca a portare a casa i 3 punti - esordisce in conferenza stampa Fabio Celestini, partendo da quanto di buono mostrato contro i vallesani - L'obiettivo è quello di continuare a crescere. Con l'YB siamo stati molto solidi a livello difensivo, mentre col Sion ho visto tanti contenuti importanti nelle due fasi».

A tratti il Lugano mostra un gioco convincente, ma sin qui ha pagato a caro prezzo le troppe leggerezze e - dato un po' preoccupante - negli ultimi 5 match ha raccolto solo 2 punti.
«Anche per questo un allenatore non può guardare solo i risultati. A volte ci si fa ingannare. Contro il Thun (successo 2-1, ndr) avevamo giocato benino e raccolto 3 punti. Sapevo che dovevamo ancora migliorare parecchio. Ora vedo una crescita e questo mi rende felice, ma so anche che siamo giudicati dai risultati. Ad ogni modo se vedessi solo dei singoli - come possono essere Junior e Gerndt - fare la differenza e risolvere le situazioni sarei preoccupato. Invece vedo un gruppo che gioca con lo spirito giusto, cresce e crea occasioni».

Al Letzigrund, senza gli squalificati Bottani e Carlinhos Jr., mancheranno due terzi dell'attacco titolare.
«Questo è vero, giocheremo una partita un po' differente, ma non vuol dire che dobbiamo crollare: abbiamo altre armi per fare benissimo, non ci sarà nessuna scusa. Vogliamo concedere poco e prendere in mano il gioco, con l'idea di vincere. Zurigo "rilassato" e un po' stanco dopo il match in Bulgaria? Resto concentrato sulla partita che dobbiamo fare noi, senza pensare a quello che farà lo Zurigo dopo il match di Europa League».

Con tre punti il Lugano salirebbe a quota 21 e arriverebbe alla lunga sosta invernale con uno spirito ben diverso.
«Un risultato positivo a Zurigo cambierebbe tantissime cose a livello di testa. 21 punti sarebbero anche la quota più alta raggiunta nel girone d'andata da quando il Lugano è tornato in Super League. Ci proveremo, domenica dopo il match vogliamo sorridere e abbracciarci avendo chiuso con un successo il girone d'andata».

Domenica l'ultimo match del 2018, poi ad imperversare sarà soprattutto il mercato.
«Sadiku? Sinceramente ho chiesto alla società di ridurre il numero di giocatori, una rosa di 26 elementi è troppo ampia. Vorrei ridurre l'organico a 20. Poi qualche ritocchino si potrà fare, ma di questo se ne occupano i dirigenti».

Stando al Blick il Losanna - club che Celestini conosce molto bene - sta pensando a dei tagli importanti nella pausa invernale. Tra gli "esuberi" ci sarebbe anche il ticinese Simone Rapp.
«Lo apprendo ora. Posso dire che non è mai bello per i giocatori che si trovano in queste situazioni e, se così fosse, mi dispiacerebbe per Simone. Provare a portarlo al Lugano? Io proverò a vincere contro lo Zurigo», taglia corto il mister bianconero.

Commenti
 
Zarco 5 mesi fa su tio
Bravo Celestini ! Fai capire al fenomeno , che in rosa non ci vogliono 30 giocatori! Finalmente uno che lo dice a quello che pensa di avere costruito una Mercedes formula 1!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NAZIONALE
3 ore

Svizzera già certa di disputare le Olimpiadi

La selezione rossocrociata, grazie ai risultati ottenuti ai Mondiali in Slovacchia, ha già strappato il pass per la kermesse a 5 cerchi del 2022

CICLISMO
6 ore

«Doping? Non era legale, ma non cambierei nulla»

Lance Armstrong, vincitore di 7 Tour de France (poi revocati): «Abbiamo fatto quello che dovevamo per vincere. Molti errori hanno portato al più grande scandalo nella storia dello sport»

TENNIS
8 ore

La rottura con la Vekic? Stan se la ride: «Ci sono stati molti cambi durante la mia carriera»

Wawrinka ha svicolato davanti alle domande riguardanti l'addio a Donna Vekic: «Non è solo la mia vita privata ad influenzare il mio tennis e quel che succede sul campo»

SUPER LEAGUE
12 ore

Lugano, cuore a Cornaredo, testa a Berna? «Il rischio è quello di non giocare la partita»

Fabio Celestini ha messo in guardia i suoi in vista della sfida al GC: «Comprensibile un 10% di distrazione: se arrivassimo ad avere il 50% di testa qui e l'altro al Lucerna non andrebbe bene»

SUPER LEAGUE
15 ore

Vincere non basta ma il Lugano spera

Non è più in pole position, non è più padrone del suo destino, in vista dell'ultima corsa dell'anno il Lugano ha in ogni caso un posto privilegiatissimo sulla griglia di partenza

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report