TiPress
SUPER LEAGUE
29.10.18 - 07:010
Aggiornamento : 13:49

Lugano, tre (sofferti) punti d'oro: la classifica si fa interessante

I bianconeri di Celestini, prima pungenti e poi capaci di stringere i denti, hanno superato 2-1 il Thun centrando il secondo successo filato

LUGANO - Autoritario e pungente nel primo tempo, capace di soffrire e difendersi con il coltello tra i denti nel secondo: il Lugano - bello a metà - ha acciuffato tre punti preziosissimi nel match valido per il 12esimo turno di Super League. Per i bianconeri, vittoriosi 2-1 contro il Thun su un campo reso davvero pesante dalle forti piogge (l'incontro è stato anche a rischio rinvio), si tratta del secondo successo filato nella gestione Celestini.

I punti raccolti, sono ora 16 in totale, consegnano ai ticinesi una classifica che inizia a farsi interessante: il secondo posto è lontano quattro lunghezze, la quarta piazza dista un sol punto.

L'incontro con i bernesi ha visto il Lugano iniziare al meglio e sbloccare il punteggio già al 2' sull'asse Bottani-Junior, con il brasiliano lesto nel finalizzare una rapida ripartenza. Incassato il pari ad opera dell'ex Tosetti, al primo gol stagionale, i bianconeri hanno piazzato una nuova zampata al 37' con Gerndt, bravo nel finalizzare un'azione insistita dopo un’iniziativa di Junior e una prima conclusione di Bottani.

Detto del bel primo tempo, nel secondo - senza Junior, costretto a uscire al 51’ - il Lugano ha colpevolmente lasciato troppo spazio e libertà di manovra ai biancorossi, più volte insidiosi dalle parti di Da Costa, bravo in alcune occasioni e salvato anche dai ferri. Sabbatini - tornato arruolabile dopo la squalifica - e compagni hanno arretrato troppo il loro raggio d’azione, ma i tre punti conquistati sono il dato che più conta. Come squadra, come gruppo unito, il Lugano ha lottato e infine gioito per un successo che scava anche un margine di 5 punti sul nono posto. Da oggi tutti di nuovo al lavoro: mercoledì c’è già il match di Coppa, sempre a Cornaredo, contro lo Xamax.

Commenti
 
cle72 8 mesi fa su tio
Conta chi vince questo è lo sport! Il resto è fuffa! Negli albi si ricorda solo il primo...dunque avanti così lavoro lavoro e lavoro.
cle72 8 mesi fa su tio
Grandiiiiiiiiii!!!
cambiamainagota 8 mesi fa su tio
piendi ben piantati per terra classifica cortissima ed il gioco si vede solo a "sprazzi" bisogna lavorare e non guardare la classifica.....tutto il resto è "fuffa"
cambiamainagota 8 mesi fa su tio
@cambiamainagota piedi.....
Zarco 8 mesi fa su tio
@cambiamainagota Appunto ! Finalmente ti sei svegliato dal tuo torpore decennale
Evry 8 mesi fa su tio
Bravi, avanti cosi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
1 ora

L'ultimo arrivato è carico: «Lugano? Ho trovato una mentalità vincente»

Filip Holender si è espresso in merito al suo esordio con i bianconeri: «Il mio motto è dare il massimo per il club»

TENNIS
4 ore

Va al bar a vedere Federer-Djokovic, ora rischia il carcere

Ai domiciliari per una condanna di quattro mesi, il 58enne si è recato al bar per gustarsi il quinto set della finale: «Ho fatto una stupidaggine»

SAN PAOLO
7 ore

Cafu sommerso dai debiti: già perse cinque proprietà

«È un mio problema personale», le parole dell'ex capitano del Brasile. Pignorate altre 15 proprietà

TENNIS - LE CIFRE
10 ore

Novak & Roger: Titani-show tra feste e occasioni perse

Djokovic è il numero uno al mondo. Federer è, probabilmente, il migliore di sempre

SONDAGGIO
UN DISCO PER L'ESTATE
13 ore

Quando Wes Walz fece il fenomeno e schiantò (quasi da solo) l’Ambrì

Il centro canadese fu il grande protagonista dell’unico titolo conquistato dallo Zugo nella stagione 1997/98 con dei playoff semplicemente mostruosi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report